chrome

Google ha aggiunto uno strumento ad-blocker in una versione di Chrome, lasciando intendere che si assume la responsabilità di bloccare alcuni annunci online già dal prossimo aggiornamento del browser, previsto per ottobre. Il blocco degli annunci è apparso nella build Chrome Canary la scorsa settimana; “Canary” è il nome che Google fornisce alla versione preliminare del browser e precede il processo di rilascio nelle tre fasi “Dev”, “Beta” e infine “stabile”. Per il momento, il software è stato rilevato solo nella versione di Chrome per Windows.

L’annuncio della nuova strategia di Google sul blocco degli annunci pubblicitari è stato dato in aprile, a breve distanza dalle dichiarazioni della Coalition for Better Ads, tra i cui fondatori c’è anche Google. La coalizione ha infatti reso noto elenco dei tipi di annunci online che gli utenti negli Stati Uniti e in Europa ritengono più invadenti. Due mesi fa Google ha confermato che avrebbe introdotto il blocco di annunci in Chrome a partire dal prossimo anno.

Prevediamo che Chrome smetta di mostrare annunci (inclusi quelli di proprietà o forniti da Google) su siti che non sono conformi agli Standard Better Ads a partire dall’inizio del 2018”, ha commentato Rahul Roy-Chowdhury, responsabile del prodotto, sul blog di Google .

Sul desktop Chrome bloccherà le pubblicità pop-up; gli annunci che riproducono automaticamente video e audio; gli annunci accompagnati da un conto alla rovescia che compare prima che il contenuto sia mostrato; e ciò che la coalizione ha definito “grandi annunci” fastidiosi, ovvero quelli che occupano più del 30% dello spazio dello schermo. Questi e altri tipi di annunci saranno bloccati da Chrome anche su dispositivi mobili iOS e Android.

chrome-canary-ad-block
I quattro tipi di annunci che verranno bloccati da Chrome su PC e Mac. Credit: Coalition for Better Ads

Gli annunci saranno bloccati in base al sito, non alla singola pubblicità. In altre parole, Google creerà un elenco di siti web che “tendono a mostrare annunci invadenti” e quindi bloccherà le categorie di annunci che violano gli “standard” della coalizione. Di conseguenza un annuncio “invadente” visualizzato da un sito non presente nell’elenco non verrà bloccato.

Google ha dichiarato che l’ad-blocker sarà disponibile a partire dal 2018, ma lo strumento potrebbe debuttare prima. L’attuale versione Canary di Chrome è la 62, che, secondo il programma di rilascio, diventerà la versione Stabile il 17 ottobre per i PC e il 24 ottobre per i dispositivi mobili. Ma perché molte nuove funzionalità non proseguono in linea retta tra Canary e Stabile – Google spesso decide di non promuovere una funzionalità, rimandandola alla prossima versione – c’è anche una buona probabilità che il blocco non verrà visualizzato in Chrome 62, ma 63 (che sarà rilasciato il 5 dicembre per desktop) o 64 (23 gennaio 2018 per desktop).

La scelta di bloccare una serie di annunci può sembrare controproducente per una società il cui principale flusso di entrate è la pubblicità online, ma Google ha certamente i suoi vantaggi in questa strategia.Google è direttamente coinvolta quando si tratta di pubblicità”, ha sottolineato Lizzy Foo Kune, analista di Gartner. “Prendendo il controllo del dibattito, ovvero decidendo quali annunci sono accettabili, si mette in una posizione di vantaggio rispetto ai concorrenti”.

Sebbene alcuni abbiano espresso teorie contrarie – per esempio, che anche se Google ha accettato la premessa di un limitato blocco degli annunci, la sua attività più redditizia di annunci nelle keyword di ricerca sarà immune – secondo Foo Kune la società di Mountain View non sarà esente dall’impatto del blocco.

 

AUTOREGregg Keizer
FONTEComputerworld
CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.
WHITEPAPER GRATUITI
  • Computerworld Speciale Industria 4.0
    white paper
    Computerworld Italia – Speciale Industria 4.0
    Un PDF da scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet e avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulla trasformazione in atto nel settore manifatturiero, da più parti definita "quarta rivoluzione industriale".
  • white paper
    Computerworld Italia – Speciale GDPR
    Un PDF da sfogliare online o scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet, per avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti su come le aziende devono affrontare l'arrivo del GDPR.
  • white paper
    Computerworld Italia – Speciale Data Center
    Un PDF da sfogliare o scaricare su pc o tablet per avere sotto mano le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulle principali tendenze dei Data Center: integrazione con il Cloud, approccio software-defined, ottimizzazione delle prestazioni energetiche e molto altro