browser

I browser di Microsoft hanno perso utenti nel mese di maggio, secondo i dati diffusi da Net Applications. La quota utente di Internet Explorer (IE) e Edge – una stima a livello globale della percentuale dei PC personali che hanno eseguito questi browser – è diminuita di quasi un punto percentuale il mese scorso, arrivando a un totale del 23,2%.

Il declino di maggio è stato il più significativo da gennaio e potrebbe segnalare un ulteriore calo di IE ed Edge, come già sperimentato nel 2016, quando i browser hanno perso più di 22 punti percentuali, quasi la metà della loro quota totale all’inizio di quell’anno, cedendo il primo posto a Chrome di Google.

Il problema dei browser Microsoft, a partire dalla metà del 2015, è dovuto a due fattori: un declino persistente di IE, previsto dopo il lancio di Windows 10, e l’incapacità di Edge, il browser predefinito di Windows 10, di compensare la differenza. Il secondo fattore non era stato previsto da Microsoft.

Negli ultimi 11 mesi la quota di IE è scesa del 41%, mentre Edge è aumentato dell’11%. Considerando solo IE, da gennaio il browser è stato sotto la quota del 20% ed è sceso al 17,6% a maggio. Nel frattempo, Edge è rimasto fermo al 5,6% per il quarto mese consecutivo.

Le proiezioni della combinazione IE + Edge non fanno sperare in un futuro più roseo per Microsoft. In base alle tendenze annuali e trimestrali, IE e Edge scenderanno al di sotto del 20% entro il mese di dicembre, ma la cosa potrebbe verificarsi già questo mese.

Anche se Microsoft sta supportando aggressivamente Edge, il suo sforzo non è ancora stato ripagato. Il mese scorso solo il 21% di tutti gli utenti Windows 10 ha scelto Edge come browser principale, contro il 29% dell’anno precedente. Secondo alcuni analisti, tuttavia, l’adozione di Edge potrebbe aumentare mano a mano che le aziende inizieranno seriamente a migrare i PC aziendali a Windows 10 e, soprattutto, quando sarà necessario affiancare IE con un browser “moderno”, come Edge.

browser-maggio-2017
Credit: Computerworld/Net Applications

Il maggior beneficiario di maggio è stato Chrome, che ha guadagnato quattro decimi di punto percentuale nella sua quota utente, raggiungendo un record del 59,4%. Secondo le previsioni di Computerworld – basate sulle tendenze dei dati diffusi da Net Applications – Chrome raggiungerà una quota del 60% entro il mese di agosto.

Firefox di Mozilla, che nel primo trimestre del 2017 ha perso quattro decimi di punto percentuale, ha registrato una leggera crescita arrivando al 12%, la quota più alta da dicembre.

AUTOREGregg Keizer
FONTEComputerworld
CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.
WHITEPAPER GRATUITI
  • Computerworld Speciale Industria 4.0
    white paper
    Computerworld Italia – Speciale Industria 4.0
    Un PDF da scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet e avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulla trasformazione in atto nel settore manifatturiero, da più parti definita "quarta rivoluzione industriale".
  • white paper
    Computerworld Italia – Speciale GDPR
    Un PDF da sfogliare online o scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet, per avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti su come le aziende devono affrontare l'arrivo del GDPR.
  • white paper
    Computerworld Italia – Speciale Data Center
    Un PDF da sfogliare o scaricare su pc o tablet per avere sotto mano le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulle principali tendenze dei Data Center: integrazione con il Cloud, approccio software-defined, ottimizzazione delle prestazioni energetiche e molto altro