Chrome 55 continua a visualizzare contenuti Flash

Google ha rilasciato Chrome 55, ma il browser non blocca i contenuti resi da Adobe Flash Player come annunciato

chrome

Google ha rilasciato la scorsa settimana Chrome 55. Contrariamente da quanto annunciato, il browser non blocca i contenuti per cui è necessario Adobe Flash Player. Chrome 55 avrebbe dovuto visualizzare solo i contenuti Flash di 10 siti, tra i quali Amazon, Facebook e YouTube – e comunque solo dopo la conferma da parte dell’utente. Per tutti gli altri siti, Chrome 55 doveva visualizzare i contenuti HTML5, se disponibili, ma non quelli per Flash.

Anche se molti siti e blog di tecnologia riportano che Chrome 55 blocca i contenuti Flash, i test condotti da Computerworld su Windows 10 e MacOS hanno mostrato il contrario. Anche gli utenti di forum online, come Slashdot, segnalano che non c’è stato alcun cambiamento nel modo in cui Chrome 55 visualizza i contenuti Flash.

Come altri produttori di browser – tra cui Apple, Microsoft e Mozilla – Google ha sostenuto che l’eliminazione del lettore multimediale, una volta dominante, di Adobe si traduce in una durata più lunga della batteria dei computer portatili, un rendering più veloce delle pagine e una maggiore sicurezza.

Safari di Apple ha battuto Chrome nell’obiettivo “no-Flash” con il rilascio di Safari 10 con MacOS Sierra nel mese di settembre; Safari carica di default i contenuti HTML5 e, nel caso un sito abbia solo contenuti Flash, avvisa gli utenti che devono scaricare o attivare il plug-in. Edge di Microsoft – il browser predefinito di Windows 10 – blocca alcuni contenuti Flash nella versione in bundle con Anniversary Update. E Mozilla prevede di richiedere agli utenti di Firefox di attivare manualmente Flash Player.

Ma la mossa di Google in merito a Flash è di maggiore importanza rispetto alle scelte dei rivali: Chrome è il browser più diffuso al mondo. Secondo le stime di Net Applications, nel mese di novembre Chrome rappresentava il 56% di tutti i browser utilizzati.

Anche se Google non ha spento l’interruttore di Flash, in Chrome 55 sono state aggiunte opzioni che suggeriscono che l’azienda potrebbe bloccare i contenuti Flash in un futuro aggiornamento.

Nelle impostazioni avanzate delle Preferenze del browser in MacOS, sotto “Privacy”, è possibile scegliere tra tre opzioni. Una di queste impedisce ai siti l’esecuzione di contenuti Flash, mentre quella impostata di default rileva ed esegue contenuti Flash “importanti”.

Google potrebbe iniziare a bloccare Flash modificando l’impostazione predefinita con un aggiornamento minore.