Adobe, Flash Player e browser web: siamo davvero all’epilogo

Dopo 24 anni Adobe Flash Player, l'utility un tempo onnipresente che ha contribuito non poco alla trasformazione di Internet, si sta dirigendo inesorabilmente verso il tramonto.

flash

Adobe ha rilasciato il suo ultimo aggiornamento di Flash Player e ha annunciato agli utenti che l’app non eseguirà più i contenuti in Flash a partire dal 12 gennaio. “Con oggi rilasciamo il previsto update finale di Flash Player per tutte le regioni al di fuori della Cina continentale”, ha scritto Adobe in una nota per l’aggiornamento dell’8 dicembre. “Adobe non supporterà più Flash Player dopo il 31 dicembre 2020 e bloccherà l’esecuzione dei contenuti Flash in Flash Player a partire dal 12 gennaio 2021”.

L’addio di Adobe ha segnato dopo 24 anni la fine di Flash Player, la utility un tempo onnipresente che ha contribuito in modo essenziale alla trasformazione di Internet da solo testo a una miniera d’oro multimediale. Ma tale addio non è stato certo inaspettato. A metà del 2017 Adobe ha annunciato che avrebbe ritirato Flash dal supporto e interrotto la distribuzione dell’applicazione entro la fine del 2020 e che la fine di Flash è stata innescata dall’evoluzione e dalla maturazione di standard aperti come HTML5, WebGL e WebAssembly, che “forniscono molte delle capacità e delle funzionalità di cui i nostri plugin sono stati pionieri”.

Ciò che Adobe non ha menzionato era il disastro di sicurezza che Flash era diventato all’inizio del secolo e gli infiniti cicli di patch delle vulnerabilità della sicurezza, che avevano spinto così tanti produttori di contenuti, ex partner e utenti a evitare sempre più spesso il software. I grandi produttori di browser come Apple, Google, Microsoft e Mozilla hanno seguito l’annuncio di Adobe del luglio 2017 con le proprie roadmap. Poiché la maggior parte dei contenuti Flash è stata creata per i siti Web ed eseguita nei browser Web, i piani di questi quattro sviluppatori hanno avuto un peso enorme.

adv

Ecco come questi quattro big si preparano a mandare definitivamente in pensione Flash, se non l’hanno già fatto, alla fine di quest’anno e all’inizio del prossimo.

Google Chrome

“Flash Player sarà contrassegnato come non aggiornato e il suo caricamento verrà bloccato in Chrome a gennaio”, ha affermato Google nella roadmap di Chromium. Il progetto Chromium rimuoverà completamente anche il supporto Flash a gennaio con il lancio di Chrome 88, che dovrebbe debuttare il 19 gennaio. “Non sarà più possibile abilitare Flash Player con policy Enterprise in Chrome 88+”, ha affermato Google.

Edge e Internet Explorer

Poiché Microsoft Edge ora si basa su Chromium e Internet Explorer (IE) viene mantenuto solo come ultima risorsa per le aziende, il percorso degli sviluppatori di Microsoft verso la fine di Flash è piuttosto complicato.

Ma invece che precisare una serie di passaggi necessari, Microsoft intende andare alla radice del problema ed eliminare Flash da Windows. Per un’analisi approfondita dei piani di Microsoft, comprese le opzioni per le aziende e il modo in cui cancellerà Flash da Windows, gli utenti dovrebbero controllare questa pagina.

Microsoft prevede di offrire l’aggiornamento di disinstallazione Flash tramite Windows Update e Windows Server Update Services (WSUS) come download facoltativo all’inizio del 2021, con una modifica a “consigliato” pochi mesi dopo. Tale aggiornamento è stato inserito nel catalogo di Windows Update alla fine di ottobre e quindi può essere scaricato manualmente e distribuito immediatamente dagli amministratori IT. Questo elenco include l’aggiornamento per tutte le versioni di Windows attualmente supportate.

flash

Durante l’estate del 2021 (la società non è stata più specifica di così), Microsoft eliminerà le prove rimanenti del supporto Flash dalla versione originale di Edge e IE. “Tutte le API, le policy di gruppo e le interfacce utente che regolano in modo specifico il comportamento di Adobe Flash Player verranno rimosse da Microsoft Edge (legacy) e Internet Explorer 11 tramite l’ultimo aggiornamento cumulativo di Windows 10”. Allo stesso tempo, l’aggiornamento per la rimozione di Adobe Flash Player sarà incorporato nell’aggiornamento cumulativo (Windows 10) o nell’aggiornamento mensile (Windows 8.1), il che significa che Flash verrà automaticamente eliminato.

Firefox

Mozilla ha adottato un approccio diretto per eliminare Flash. Firefox 84, che uscirà il 15 dicembre, sarà l’ultima versione a supportare Flash. Firefox 85, ora previsto per il 26 gennaio 2021, “verrà distribuito senza supporto Flash”, ha affermato Mozilla nella stessa nota.

Safari

Safari 14, l’aggiornamento del 2020 che è stato fornito in bundle con macOS 11 (noto anche come Big Sur), non ha alcuna possibilità di eseguire contenuti Flash. Non sorprende comunque che Apple sia stato il primo grande produttore di browser a compiere questo passo. Dopotutto Apple e Adobe-Flash hanno avuto una relazione controversa: iOS è sempre stato un sistema operativo no-Flash e macOS ha smesso di offrire in bundle il plug-in Adobe più di dieci anni fa.

Informazioni per le aziende

Adobe ha pubblicato una pagina con informazioni aggiuntive specifiche per le aziende tra cui come eliminare i prompt che esortano a disinstallare Flash, come continuare a utilizzare Flash all’interno del perimetro dell’azienda e a chi rivolgersi per il supporto Flash di terze parti nel 2021. Questo PDF di Adobe Flash Player 32.0 Administration Guide sarà inestimabile per gli amministratori aziendali incaricati del primo e del secondo esempio di cui sopra.

Il terzo esempio, il supporto di terze parti per Flash, potrebbe essere il più interessante. Adobe ha stretto una partnership con Harman, la società del Connecticut probabilmente più nota per i produttori di dispositivi audio Harman Kardon e JBL, per fornire supporto post-pensionamento per Flash. Il sito web di Harman spiega meglio la cosa: “Harman offrirà supporto e aggiornamenti di sicurezza ad Adobe Flash Player e potrà fornire soluzioni fino alla fine del 2023 e oltre”. È disponibile un modulo di contatto per ottenere ulteriori informazioni su ciò che offre Harman.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!