Arriva Dorsey e Twitter licenzia oltre 300 dipendenti

Per la prima volta in 9 anni Twitter ha optato per una cospicua riduzione della sua forza lavoro. L’obiettivo? “Dimagrire” e ripartire più forte di prima.

Con il tweet che vedete qui sotto il nuovo CEO di Twitter Jack Dorsey, che ha ricevuto ufficialmente la carica solo 10 giorni fa subentrando a Dick Costolo dopo un periodo ad interim, ha compiuto il suo primo atto ufficiale tagliando del 8% la forza lavoro del social network dei cinguettii con il licenziamento di 336 dipendenti. Una decisione sofferta come si legge nel tweet dello stesso Dorsey, ma necessaria per snellire la struttura e rilanciare l’azienda, che negli ultimi tempi ha fatto segnare livelli di crescita molto blandi.

Il sostanzioso taglio di posti di lavoro deciso da Dorsey, già co-fondatore di Twitter e già CEO di Square, andrà a colpire soprattutto la divisione engineering, ma toccherà inevitabilmente anche altre strutture del social network, all’interno di un piano di ristrutturazione della società più ampio approvato recentemente dal consiglio di amministrazione.

Immagine2

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Ricordiamo infatti che negli ultimi mesi, di fronte a tassi di crescita molto bassi e inferiori alle attese, diversi analisti finanziari avevano puntato il dito sullo staff stesso di Twitter giudicato sovradimensionato, con la conseguenze di spese eccessive per gli stipendi e di dannosi rallentamenti allo sviluppo di molti progetti.

Progetti che, all’indomani di questi dolori licenziamenti, dovrebbero prendere maggior slancio, tanto che ieri Wall Street, in una giornata piuttosto ferma per i listini americani, ha premiato le azioni di Twitter con un + 5,5%, sebbene da inizio anno a oggi il titolo del social network abbia perso oltre il 16%.

Il taglio voluto da Dorsey si tradurrà in spese in contanti per 10-20 milioni di dollari e, nell’annunciare i licenziamenti, Twitter ha anche voluto rassicurare gli azionisti con una previsione per il terzo trimestre del 2015 di ricavi fra i 545 e 560 milioni di dollari, con un margine operativo lordo stimato tra i 110 e i 115 milioni di dollari.

AUTOREFrancesco Destri
Francesco Destri
Collaboratore Francesco segue il mondo della tecnologia dal 1999, scrivendo per numerose testate online e cartacee. È specializzato soprattutto in tecnologia B2B, hardware e nuovi media.