Mappa concettuale online

Le mappe concettuali, anche conosciute come mappe mentali, sono uno strumento spesso utilizzato da studenti e insegnanti, ma il loro utilizzo risulta particolarmente utile anche in ambito lavorativo, soprattutto se occorre dare struttura a un flusso di lavoro in un progetto, rappresentare un organigramma aziendale o rappresentare schematicamente problemi e soluzioni in slide da commentare in una riunione.

Tra i servizi disponibili online per la creazione di mappe concettuali si possono trovare soluzioni per ogni esigenza: dai tool più basilari a quelli più complessi che prevedono anche l’integrazione con software di collaborazione e cloud storage, fino a servizi che integrano l’assegnazione di task e che quindi si offrono come uno strumento per facilitare anche lo smart working in una ottica di produttività ed efficienza.

Draw.io

Mappa concettuale online: Draw.io

Draw.io è il servizio per creare mappe concettuali tra i più semplici da utilizzare, disponibile gratis e senza registrazione. Collegandosi alla piattaforma, si accede direttamente al workplace nel quale creare mappe anche in forma di flowchart, in modo da schematizzare le fasi di un progetto o le procedure da attivare in casi specifici.

La creazione avviene tramite drag and drop, scegliendo dalla colonna di sinistra le forme e le connessioni da usare e poi inserendo il testo necessario. La mappa può essere salvata direttamente sui servizi di cloud storage come Google Drive, Dropbox, OneDrive, ma anche localmente sul proprio computer: verrà salvato un file con estensione .io che potrà essere letto soltanto sulla piattaforma stessa. Una volta terminato, il lavoro potrà essere esportato come immagine PNG, JPG o SVG, ma anche come PDF, HTML, XML o in alternativa è possibile ottenere un URL per la visualizzazione online.

MindMeister

Mappa concettuale online: MindMeister

MindMeister è uno strumento che presenta funzionali aggiuntive rispetto a Draw.io, come ad esempio l’assegnazione di task direttamente dalla mappa, rendendolo uno strumento più completo nella pianificazione strategica di un progetto all’interno di un team.

Per utilizzare il tool di mind mapping è necessario effettuare la registrazione e accedere alla propria dashboard, dalla quale si può iniziare a creare una nuova mappa e in seguito ritrovare tutte le mappe concettuali create. Il workplace è di facile utilizzo: nella parte centrale dello schermo si potrà lavorare sulla mappa, mentre tramite la colonna a destra sarà possibile aggiungere e modificare elementi, ma anche inserire foto e link. Nella barra inferiore dello schermo invece sono presenti i comandi per accedere alla cronologia delle modifiche, la visualizzazione della mappa come una presentazione di slide, ma anche la trasformazione delle attività indicate in task da assegnare a un membro del team, nonché accedere al menù per la condivisione della mappa, esportare il documento in PDF, RFT, Word, presentazione di Powerpoint, come file Immagine oppure nelle estensioni supportate da altri software dedicati alla creazione di mappe mentali. In alternativa è possibile anche stampare la mappa generata.

Il costo del servizio si suddivide in un piano gratuito Basic per iniziare a creare mappe concettuali, poi si passa al piano Personal al costo di 4,99 € al mese ad utente per creare un numero illimitato di mappe mentali, caricare file e immagini, esportare i file in PDF e accedere all’assistenza prioritaria in caso di problemi. Se invece si necessita lavorare in team, il piano Pro, al costo di 8,33 € al mese ad utente, prevede la creazione di account multipli gestiti da un account amministratore, un tool per statistiche e rapporti, ma anche l’integrazione con G Suite e la possibilità di esportare in Word e PowerPoint, mentre il piano Business, al costo di 12,49 € al mese ad utente, aggiunge anche l’accesso autorizzato in base al dominio di email indicato, il backup in conformità e un servizio di assistenza prioritaria continua, 24 al giorno e 7 giorni alla settimana.

Coggle

Mappa concettuale online: Coggle

Coggle consente l’accesso alla piattaforma attraverso un account Google e, dopo un brevissimo tutorial, si ha accesso alla dashboard personale, dove trovare tutte le mappe concettuali create, quelle condivise e una gallery di mappe pubbliche da cui trarre ispirazione, oltre alla possibilità di creare cartelle in cui raggruppare i lavori.

Tramite Coggle è possibile creare diagrammi molto semplici in cui creare organigramma di attività, inserire link, caricare immagini e usare icone preimpostate. I pannelli di utilizzo sono molto semplici e basta cliccare sul simbolo + posto alla fine di un ramo per creare un ulteriore sottoramo su cui aggiungere testo, etichette descrittive o cambiarne il colore. Si tratta quindi di un servizio adatto alla creazione di mappe semplici e veloci da usare, come ad esempio nel corso di un brainstorming o di una riunione.

Il prezzo del servizio parte dal piano Free Forever, che è gratuito e permette di creare 3 mappe concettuali private e nessun limite per le mappe pubbliche, la possibilità di collaborare in real time, caricare le proprie immagini ed esportare la mappa in PDF, formato immagine o come file .mm o di testo. Per avere ulteriori funzionalità si può passare al piano Awesome, al costo di 5 dollari al mese, che toglie i limiti alle mappe concettuali private e aggiunge il caricamento di immagini in alta risoluzione, oppure il piano Organization, al costo di 8 dollari al mese ad utente, dedicato a team di lavoro, con la possibilità di avere ciascuno un workspace personale, la gestione degli utenti e dei dati, inclusa l’esportazione di massa.

Mindomo

Mappa concettuale online: Mindomo

Mindomo unisce la creazione di mappe concettuali all’assegnazione di task, stabilendo anche un ordine di priorità tra le attività da svolgere. In questo modo, oltre ad avere un colpo d’occhio sul flusso di lavoro, è possibile capire quali sono i punti chiave su cui concentrare la cooperazione del team o i tempi necessari per il raggiungimento dell’obiettivo.

Per usare la piattaforma occorre effettuare una registrazione e scegliere subito il tipo di profilo tra Personale/Impresa, Studente o Insegnante. Dopo un breve tutorial dedicato alle possibilità di utilizzo del servizio, si accede alla dashboard personale dove ritrovare tutte le mappe create. Nel workplace la creazione della mappa avviene tramite drag and drop, posizionando elementi come link, immagini, caselle di testo e collegamenti, e l’elaborazione può essere fatta anche in maniera collaborativa invitando via email collaboratori ad operare all’editing. La mappa concettuale può essere fruita anche come presentazione in slide, indicando la porzione di mappa da visualizzare slide per slide, in alternativa è possibile esportarla in PDF, RTF, HTML, archivio di file immagini o singola PNG, ma anche come Diagramma di Gantt, Scaletta gerarchica o formati di mappa mentale.

Il costo del servizio parte da un piano Free che permette di realizzare 3 mappe gratuitamente, altrimenti si passa al profilo Premium, al costo di 36 € per 6 mesi, per eliminare i limiti di mappe e task da creare, oltre ad avere un 1 GB di spazio di archiviazione, la possibilità di effettuare backup su Dropbox e Google Drive, integrare file audio e video, inserire una password per la visualizzazione delle mappe e utilizzare la sincronizzazione su iPad e Android. Il profilo Professional, al costo di 90 € per 6 mesi, aggiunge l’accesso a 5 ospiti con possibilità di modifica, espande lo spazio di archiviazione a 5 GB e la creazione di mappe Premium, mentre con il profilo Team, al costo di 162 € per 6 mesi, si dispone di 5 account utente, 15 GB di spazio archiviazione, un’interfaccia Team e la cartella condivisa per i lavori di tutto il gruppo di lavoro.

Canva

Mappa concettuale online: Canva

Canva è conosciuto principalmente per essere un servizio dedicato alla composizione e modifica di immagini online, ma tra le sue funzionalità spicca anche la possibilità di creare mappe concettuali.
In linea con lo stile dello strumento, si parte da layout già pre-impostati da selezionare in base alle esigenze e poi modificare secondo necessità: il vantaggio di questa scelta risiede soprattutto nell’avere un aspetto grafico molto più piacevole rispetto agli altri strumenti di mind mapping, ma allo stesso tempo si ha lo svantaggio di dover forzare la mappa in uno schema già impostato, senza invece avere uno strumento che sia dedicato in primo luogo alla strutturazione di una mappa concettuale. Per questi motivi è consigliabile usare Canva per mappe semplici, magari da inserire all’interno di slide di presentazioni e non come strumento principale per dare forma a idee complesse.

Bubbl.us

Mappa concettuale online: Bubble.us

Bubbl.us è tra i servizi di creazione di mappe mentali che può essere utilizzato anche senza registrazione, il che lo rende adatto ad un uso veloce ma senza pretese. La grafica infatti non è di impatto ma piuttosto semplice, e anche le azioni da compiere sono basilari: dalla homepage si può accedere al workplace cliccando su “Start brainstorming” e la creazione della mappa concettuale inizia dal riquadro giallo posto al centro, nel quale inserire testo, con possibilità di formattazione e aggiunta link, ma anche aggiungendo riquadri di altri colori come attività figlie e frecce che indichino il rapporto tra i blocchi di attività. Alla fine della creazione, la mappa può essere visualizzata come una presentazione, ma anche esportata come immagine JPG o PNG o come HTML, in alternativa è possibile stamparla. Nel caso in cui si proceda alla registrazione, è possibile salvare le mappe realizzate per una modifica in un secondo momento, oltre che accedere all’esportazione in PDF.

MindMup

Mappa concettuale online: MindMup

MindMup permette di iniziare ad usare il servizio senza registrazione, ma tutto ciò che viene creato in questa modalità è pubblico, mentre per accedere a mappe private è necessario sottoscrivere un piano a pagamento.

Nella creazione di una nuova mappa possono essere inseriti blocchi principali a cui aggiungere blocchi di livello inferiore o dello stesso livello, oppure inserire blocchi rappresentati da immagini. La grafica è estremamente basilare e sono concesse funzionalità semplici come l’inserimento di note, l’aggiunta di frecce per indicare rapporti tra i blocchi, mentre per aggiungere allegati bisogna disporre di un account a pagamento. Alla fine della creazione, la mappa può essere salvata come file immagine in PNG o SVG, come file PDF, oppure in slide sotto forma di PPT o PDF.

Il costo del servizio parte dal piano gratuito Free che permette di creare un numero illimitato di mappe e non richiede un login, ma lo spazio disponibile per lo storage sui server di MindMup è di appena 100 KB e ha una validità massima di 6 mesi, mentre per mappe più grandi è necessario usare il proprio Google Drive, inoltre l’export è limitato a 100 KB e in caso di necessità si può usare soltanto il supporto del forum. Il piano successivo è l’Individual Gold Account, che a fronte di una spesa mensile di 2,99 dollari consente di associare 5 email al proprio account, salvare mappe fino a 100 MB sui server di MindMup, oltre al collegamento con Google Drive, ma anche di poter usufruire di un export di mappe più grandi e un supporto dedicato via email. Nel caso di società si passa invece al piano tariffario Domain Gold Account che, con una spesa di 100 dollari all’anno, consente di avere un numero illimitato di utenti, una integrazione con Google Drive e l’autenticazione attraverso Google Accounts/Gafe.

WHITEPAPER GRATUITI
  • Computerworld Speciale Industria 4.0
    white paper
    Computerworld Italia – Speciale Industria 4.0
    Un PDF da scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet e avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulla trasformazione in atto nel settore manifatturiero, da più parti definita "quarta rivoluzione industriale".
  • white paper
    Computerworld Italia – Speciale GDPR
    Un PDF da sfogliare online o scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet, per avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti su come le aziende devono affrontare l'arrivo del GDPR.
  • white paper
    Computerworld Italia – Speciale Data Center
    Un PDF da sfogliare o scaricare su pc o tablet per avere sotto mano le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulle principali tendenze dei Data Center: integrazione con il Cloud, approccio software-defined, ottimizzazione delle prestazioni energetiche e molto altro