Twitter ha annunciato che a partire da luglio sarà rimosso dai messaggi diretti il limite di 140 caratteri. Gli utenti potranno inviare messaggi diretti (Direct Messages, DM) lunghi fino a 10.000 caratteri. Nessun cambiamento previsto per i tweet pubblici, come ha spiegato Sachin Agarwal, DM product manager di Twitter, sul blog aziendale.

Già nel mese di novembre, Kevin Weil, VP of product Twitter, aveva scritto sul blog aziendale: “Stiamo intraprendendo un percorso di cambiamenti e miglioramenti di prodotto. Questo prevede molte sperimentazioni, e durante il percorso accoglieremo i vostri feedback per assicurarci di realizzare un servizio che vi piace”.

La società ha mantenuto la parola data. Negli ultimi mesi, lavorando con ritmi rapidi, Twitter ha introdotto cambiamenti di prodotto e nuove funzionalità, mirati soprattutto a migliorare l’esperienza di messaggistica diretta. Da aprile gli utenti di Twitter possono inviare DM a chiunque, non solo ai loro follower. Nel mese di gennaio, Twitter ha semplificato l’avvio di una conversazione in un gruppo privato. E nel mese di novembre, gli utenti di Twitter hanno avuto la possibilità di collegarsi ad altri tweet pubblici in DM.

E’ un momento propizio per Twitter. Le novità per i DM sono state introdotte a breve distanza dall’annuncio delle dimissioni del suo CEO Dick Costolo, con effetto dal 1° luglio. Gli azionisti hanno espresso grande insoddisfazione per l’operato di Costolo, ed è chiaro che la piattaforma social sta cercando più che mai di sperimentare. Jack Dorsey, co-fondatore di Twitter e CEO di Square, coprirà il ruolo di CEO ad interim di Twitter dopo l’uscita di Costolo.