Se la prossima volta che scriverete a un potenziale datore di lavoro vi trovate a pensare che la formula “Cordiali Saluti” sia troppo formale e ordinaria, potete provare a concludere la vostra lettera di presentazione con una grossa faccia sorridente. Sinceramente, non ve lo consigliamo, ma da ieri è possibile farlo con LinkedIn.

Il formale e “ingessato” social network professionale ha modificato la sua sezione di messaggi tra utenti con un tocco più moderno, aggiungendo anche la possibilità di aggiungere “sticker” digitali, smiley in stile Emoji e immagini Gif.

Le novità sono parte di un cambiamento radicale della parte di messaggi, ma anche del servizio a pagamento LinkedIn InMail, che hanno cambiato volto a quello che era un sistema simile a un noioso client email per trasformarlo in un client per chat individuali o di gruppo.

L’azienda afferma di avere anche migliorato le notifiche push e email per rendere più facile seguire le conversazioni importanti. Per esempio, LinkedIn comincerà a limitare le notifiche push, per evitare che gli utenti vengano bombardati quando partecipano a una conversazione molto attiva, ha riferito una portavoce dell’azienda.

Leggi anche: Tre suggerimenti per ottenere ancora di più da LinkedIn

Alcune funzioni di LinkedIn, come gli inviti a connettersi, sono ora disponibili al di fuori della casella di entrata dei messaggi. LinkedIn ha creato una pagina sul suo sito che spiega l’impatto che avranno le novità su altre funzioni del sito.

Le nuove funzioni hanno cominciato ieri a essere attivate per gli utenti web di lingua inglese e quelli delle app iOS e Android, e saranno rese accessibili agli utenti di altre lingue nelle prossime settimane.

LinkedIn ammette che queste novità erano attese da molto. “L’attesa è finita”, ha scritto Mark Hull, direttore del product management in un post sul blog intitolato “Una nuova esperienza di messaging arriva su LinkedIn, finalmente”, dove preannuncia anche l’arrivo di nuovi strumenti più avanzati, come degli assistenti di messaggistica intelligenti che potrebbero suggerire le persone a cui inviare un messaggio o fornire informazioni sui contatti prima di cominciare una conversazione. Di recente, anche Facebook ha aggiunto un assistente personale al suo client per i Messaggi.

I cambiamenti in chiave consumer della funzione di messaggistica non significano che LinkedIn attenuerà le sue restrizioni su chi è possibile contattare. Gli utenti dovranno comunque essere già connessi tra loro per inviarsi messaggi, oppure avere un account Premium e usare la funzione InMail del servizio a pagamento.