L’hosting condiviso o shared hosting è la soluzione scelta da tantissimi professionisti e imprese per i progetti web che non hanno bisogno, almeno in un momento iniziale, di risorse dedicate e particolari livelli di SLA (Service Level Agreement).

Con un costo normalmente molto accessibile, gli “shared hosting” consentono di ospitare siti basati su WordPress, Joomla e i più comuni CMS. Assicurando la gestione completa da parte del provider.

Più frequentemente disponibili in versione Linux, con supporto quindi di Apache, PHP, MySQL, possono essere forniti anche con Sistema Operativo Windows, con il supporto di ASP, Access, MSSql, .NET.

ADV
Trusted Cybersecurity Bitdefender

Sanità in Italia, i sei pilastri per una cybersecurity più efficiente

Il settore è tra i più esposti, come dimostra l’attacco ransomware alla Regione Lazio. Una ricerca Bitdefender nel rapporto Clusit evidenzia gli elementi su cui è più urgente lavorare LEGGI TUTTO

Il loro utilizzo viene facilitato dall’affiancamento a pannelli quali per esempio Plesk o Cpanel, che semplificano attività come la configurazione della posta e il caricamento del sito.

Un hosting condiviso è, per sua natura, una porzione di spazio ritagliata all’interno di un server dedicato.

Divide quindi l’ambiente con altri utenti, ognuno dei quali tenderà a sfruttare le risorse a disposizione in modo diversificato: i piani di hosting shared sono infatti scelti sia per siti vetrina che per dar vita alla versione digitale di imprese e piccoli e-commerce.

Proprio laddove, pur non avendo bisogno di una macchina dedicata o di un cloud server, si abbia bisogno di essere sempre online alla stessa velocità, occorrerà puntare a una soluzione di hosting professionale, con buone prestazioni.

Prestazioni che dischi performanti, normalmente messi a disposizione per architetture dedicate, e un modello che esclude l’overbooking ovviamente favoriscono.

E’ il caso di Shared Hosting, che sfrutta l’alta affidabilità dello storage enterprise IBM FlashSystem A9000 e offre tempi di caricamento notevoli.

Anche grazie a una scelta precisa: i server su cui si organizzano i web hosting condivisi sono orientati a lasciare il giusto spazio a ogni utente senza penalizzarlo per via di usi scorretti delle risorse da parte del “vicinato”.

Inoltre, Shared Hosting rappresenta un piccolo contenitore per più siti web, potendo ospitare fino a 5 domini web e di posta.

Seeweb shared hosting

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!