La sua mission è organizzare le informazioni a livello mondiale, ma con l’ultima iniziativa Google punta a organizzare meglio le città. Il gigante delle ricerche ha lanciato Sidewalk Labs, una società che affronterà alcune delle più grandi sfide delle città moderne. La società avrà sede a New York e sarà diretta da Daniel Doctoroff, che è stato vice sindaco della città e CEO di Bloomberg.

Sidewalk Labs svilupperà tecnologie per rendere più efficienti i trasporti, abbassare il costo della vita e ridurre i consumi energetici, piattaforme e infrastrutture avanzate “che potranno essere implementate nelle città di tutto il mondo”, ha dichiarato Doctoroff.

Anche se si tratta di un investimento relativamente modesto e molto diverso dal core business di Google, è un settore in cui spero che potremo davvero migliorare la vita delle persone”, ha scritto sul blog il co-fondatore di Google Larry Page.

Page ha paragonato il progetto a Google X, il laboratorio di ricerca che ha progettato le auto a guida autonoma, e ai Google Glass. Le infrastrutture non sono qualcosa di nuovo per Google: tra i suoi progetti ci sono il servizio di banda larga Google Fiber, esteso a 18 città nel sud-est degli Stati Uniti all’inizio di quest’anno, i cavi Internet sottomarini nell’Oceano Pacifico, il Project Loon, che vuole portare l’accesso a Internet agli utenti in aree remote, e l’acquisizione di Titan Aerospace, che ha prodotto un aereo ad energia solare senza equipaggio che può volare a 65.000 piedi di altezza.

Attualmente sono state rese note poche informazioni sul progetto Sidewalk Labs, e né Google né la startup hanno risposto ad una richiesta di ulteriori informazioni.