Mentre il 2015 sta giungendo a conclusione, più di 2000 startup specializzate in tecnologie di advertising stanno cercando disperatamente di occupare un posticino in questo mercato in forte espansione, sebbene grandi compagnie come Facebook e Google dominino questo spazio lasciando letteralmente le briciole ai protagonisti più piccoli e ai player di nicchia. Di seguito vi riportiamo quattro previsioni che alcuni esperti di marketing e di pubblicità si aspettano nel 2016.

1 – Un pericolo di nome ad blocker

Molte compagnie tecnologiche odierne e altrettanti editori guardano con il fiato sospeso l’ascesa sempre più inarrestabile degli ad blocker, strumenti software con cui buona parte di chi naviga sul web cerca di evitare le pubblicità invasive, irritanti, pesanti e spesso completamente inutili che appaiono sui loro schermi. Queste pubblicità però sono spesso l’unico mezzo di sostentamento di quei siti che gli utenti stanno guardando e ai quali magari sono anche molto interessati.