Google sarebbe al lavoro su un nuovo servizio per far pagare agli utenti Gmail le bollette direttamente dagli account di posta elettronica. Per usufruire del servizio, chiamato Pony Express e per ora rivolto solo al mercato americano, gli utenti devono fornire a società di terze parti informazioni personali tra cui i numeri della carta di credito e della previdenza sociale.

Secondo un articolo apparso su Re/Code che riporta le prime informazioni sul servizio, Google starebbe anche lavorando anche per distribuire le bollette per conto di fornitori di servizi come compagnie di assicurazioni, compagnie telefoniche e utilities.

Non è ancora chiaro se Pony Express è il vero nome del servizio o se Google adotterà una nuova denominazione una volta che il servizio sarà lanciato entro la fine dell’anno in corso. Resta il fatto che a Mountain View per ora tutti tacciono e non è stato diramato alcun comunicato ufficiale sulla questione.

Bisogna comunque considerare che realtà ormai affermate negli USA come Intuit, Invoicera e BillGrid offrono pagamenti elettronici e software di fatturazione, anche se un servizio di Google, specialmente tramite Gmail, potrebbe tornare estremamente utile e conveniente ai consumatori se la grande G riuscirà a semplificare il processo di pagamento online, magari offrendo una soluzione di pagamento con un solo click.

Resta da capire se per il servizio sarà applicato un costo di commissione per ogni versamento, oppure se il tutto sarà completamente gratuito

È indubbio tra l’altro come il principale beneficio di Google con questo servizio sia la possibilità di accedere ancora di più a preziose informazioni sulle attività e-commerce dei suoi utenti, anche se su questo versante rimarrebbero delicate questioni da risolvere a livello di privacy.

Inoltre Pony Express (per ora lo chiameremo così) potrebbe rappresentare per Mountain View un punto di ingresso importante per entrare in altre aree di servizi a pagamento. Google ha già lanciato in California un servizio per l’acquisto di polizze assicurative per le auto e conta di estenderlo presto anche ad altre aree degli USA.

Non è però ancora chiaro chi sarebbero i partner di Google che potrebbero aderire al nuovo servizio, anche se le immagini pubblicate da Re/Code fanno riferimento alla società di consulenza finanziaria Cascadia Financial e il servizio di consegne alimentari GreatFoods.

Sempre secondo l’articolo di Re/Code, Pony Express funzionerebbe anche con la nuova app Inbox di Google, ma tra le altre cose resta da capire anche se il servizio utilizzerà o meno il sistema di pagamento basato su Google Wallet e se sarà applicato un costo di commissione per ogni versamento, oppure se il tutto sarà completamente gratuito.