Mozilla ha rilasciato oggi la versione 43 di Firefox, che tra le altre cose è la prima disponibile per Windows 7, 8, 8.1 e 10 in versione 64 bit. Sebbene Mozilla non abbia pubblicizzato questa novità con grandi proclami, si tratta in realtà della differenza più importante e marcata tra Firefox 43 e le precedenti versioni del browser web. Una preview di Firefox a 64 bit per Windows era già stata rilasciata oltre nove mesi fa, dopo di che non si era più saputo quasi nulla.

Il più grosso vantaggio di utilizzare un browser a 64 bit su un sistema operativo a 64 bit (come appunto Windows o OS X) sta nel fatto di poter sfruttare più dei canonici 4 GB di RAM disponibili per le applicazioni a 32 bit. Differenza che permette agli utenti di poter tenere aperte molte più tab e di ottenere prestazioni decisamente migliori con web app, giochi e altro.

firefox-43-100633472-large.idge

Il rilascio di Firefox 43 a 64 bit per Windows significa anche la fine della scalata intrapresa da Mozilla per recuperare sui principali rivali, che già da diverso tempo (anni in certi casi) mettono a disposizione una versione a 64 bit dei loro browser. Google per esempio ha rilasciato Chrome a 64 bit per Windows nell’agosto del 2014 (novembre per OS X), mentre Safari e Internet Explorer hanno le rispettive versioni a 64 bit rispettivamente dal 2009 e dal 2006. Addirittura il browser norvegese Opera offriva già prima di oggi una versione a 64 bit per Windows del suo omonimo browser.

Mozilla insomma è arrivata ultima nonostante proponesse già Firefox a 64 bit per OS X e Linux, mentre il lavoro sulla versione per Windows è andato avanti con un percorso molto più lungo e accidentato. Ormai però Mozilla non poteva più aspettare, soprattutto perché dopo l’uscita di Windows 10 non poteva più permettersi di non avere a catalogo la versione 64 bit per il sistema operativo di Microsoft. Da segnalare infine come altra importante novità contenuta in Firefox 43 un supporto migliorato all’ad blocking che sfrutta le liste di Disconnect (foto sopra), sistema già alla base della modalità Private Browsing introdotta in Mozilla 42.