Nelle ore e nei giorni successivi ai tragici attacchi terroristici avvenuti a Parigi, Internet è diventato uno dei mezzi principali per diffondere informazioni, ma anche per mostrare sostegno e solidarietà alla Francia.

Il “Safety Check” di Facebook

facebook safety check parigiFacebook, immediatamente dopo gli attacchi, ha attivato la funzionalità Safety Check, che permette agli utenti di comunicare ad amici a parenti che si trovano al sicuro. Il servizio fu lanciato per la prima volta a Tokio in seguito allo tsunami del 2011, ed è stato progettato per disastri naturali. Facebook ha dichiarato che l’uso dello strumento sarà esteso ad altri eventi.

La risposta AirBNB

airbnb parigiAirBNB si è attivato per rendere più semplice la ricerca di ospitalità per chi si trovava nelle vicinanze delle aree colpite dagli attacchi. Questa funzionalità era stata sperimentata per la prima volta a New York City in seguito all’uragano Sandy. La società ha inoltre rinunciato alle commissioni per le prenotazioni fatte attraverso il sito.

Chiamate gratuite verso la Francia

google hangouts parigiMicrosoft Skype, Google Hangouts, Sprint, Verizon e AT&T hanno offerto la possibilità di chiamare gratuitamente numeri di telefono francesi durante il weekend.

Nessun rialzo delle tariffe per Uber

uber parigiNel 2014 Uber fu criticato per aver aumentato i prezzi durante una situazione critica, in cui c’erano degli ostaggi, a Sydney, in Australia. La società ha dichiarato che, nonostante l’aumento delle richieste duranti gli attentati a Parigi, non ha applicato sovrapprezzi. I taxi parigini facevano corse gratuitamente.

Su Facebook la bandiera francese

facebook parigiMolti utenti hanno espresso il proprio sostegno alla Francia attraverso i social media. Facebook ha offerto la possibilità agli utenti di mostrare la bandiera francese sul proprio profilo.

#Peace for Paris

https://twitter.com/jean_jullien/status/665305363500011521/photo/1?ref_src=twsrctfw

Su Twitter si è diffusa rapidamente l’immagine “Peace for Paris”, dell’illustratore Jean Jullien, diventata simbolo di solidarietà verso il popolo francese.

Amazon

amazon parigiSulla sua pagina iniziale di Amazon ha mostrato la bandiera francese con la scritta “Solidarité”.

Google

google parigiGoogle ha scelto un semplice messaggio per esprimere il suo sostegno alla Francia, aggiungendo un fiocco nero sulla sua homepage.

Apple

apple parigiSulla versione francese del sito di Apple è apparsa la mela con i colori della bandiera francese.