HP annunciato ieri i nuovi laptop attesi sul mercato nel periodo estivo in concomitanza con l’uscita di Windows 10. Si tratta nel dettaglio del tablet ibrido Pavilion x2 e di tre nuovi modelli della gamma Envy con schermi dai 14 ai 17 pollici. Il device più portatile tra i quattro è il Pavilion x2 (foto sopra), un tablet Windows 8.1 (ma aggiornabile a Wondows 10) con display IPS da 10’’ da 1366×768 pixel e tastiera compresa nella confezione, che potrà essere collegata tramite appositi magneti al tablet trasformandolo così in un piccolo laptop.

L’altra caratteristica interessante di questo ibrido è la presenza di una porta USB-C, che finora abbiamo visto solo su laptop piuttosto costosi come il nuovo MacBook di Apple e il Chromebook Pixel. Questa porta, che servirà anche per ricaricare il tablet, non supporterà però le specifiche di velocità degli standard USB 3.0 o USB 3.1, ma si limiterà alle prestazione di una comune USB 2.0. Il parco connessioni potrà comunque contare anche su una porta USB classica, su una micro-HDMI e su uno slot per schede microSD.

La batteria dovrebbe assicurare un’autonomia tra le 10 e le 11 ore, mentre la scelta del processore è caduta su un Intel Atom della famiglia Bay Trail e non della più recente e performante Cherry Trail come per il Surface 3 di Microsoft. Bisogna comunque specificare che il Pavilion x2 con 32 GB di memoria interna sarà in vendita a fine luglio a 299 dollari (il prezzo in euro non è ancora stato comunicato), con anche l’abbonamento gratuito di un anno a Office 365 e 60 minuti gratis di conversazione su Skype al mese.

 

Un prezzo decisamente abbordabile con cui HP vuole intercettare una fascia di utenti (per lo più studenti) senza grandi possibilità economiche, fermo restando che 300 dollari per un ibrido Windows 8.1 da 10’’ con tastiera compresa rimangono molto allettanti.

Per chi invece vuole un classico notebook, HP offrirà sempre a partire da fine luglio tre nuovi modelli della gamma Envy con schermo da 14’’, 15’’ e 17’’. I primi due sono caratterizzati da batterie con design prismatico di nuova concezione che dovrebbero assicurare una maggiore autonomia ed entrambi saranno disponibili in diverse configurazioni. Per il display ad esempio si potrà scegliere tra HD, Full HD e quadHD con anche l’opzione per il touchscreen, mentre a livello di processori HP offrirà dieci opzioni tra chip Intel Broadwell Core i5 e Core i7 e chip AMD FX.

Chi punta sull’Envy da 15’’ con chip Intel avrà a disposizione anche la scelta tra GPU Nvidia (GeForce 940M o GTX 950M), mentre per i modelli con processore AMD si potrà scegliere tra schede grafiche discrete Radeon R7 o R6. Il nuovo Envy 14 partirà da 700 dollari, mentre il prezzo entry level del fratello maggiore sarà di 630 dollari nella configurazione AMD e di 800 dollari con chip Intel.

Per chi invece è alla ricerca di una soluzione ancora più professionale, HP ha in serbo un nuovo Envy con schermo da 17’’ Full HD che sarà disponibile sempre a fine luglio a partire da 1.000 dollari ma solo con una configurazione made in Intel. In questo caso però lo storage può essere personalizzato con una soluzione “classica” fino a 4 TB oppure con una SSD o ibrida in stile Apple.