Il TTFB – Time To First Byte è un parametro che interessa molto alle aziende le cui vendite e conversioni sono legate alla velocità del proprio sito web.

Esso misura infatti il livello di responsività di un server, quantificando il tempo ad esso necessario per ricevere la richiesta HTTP e ottenere il primo byte della pagina.

I passaggi che contribuiscono a questo tempo di reattività del server sono principalmente tre: c’è il tempo necessario a inviare la richiesta HTTP; quello necessario al server per processare la richiesta, e infine quello di cui il server ha bisogno per restituire il primo byte di risposta al client.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

In linea di massima è più facile per delle pagine statiche avere un TTFB più ridotto. Se ci troviamo invece di fronte a un database importante oggetto di molte richieste il TTFB sarà più difficile da ridurre. Tuttavia, se il server web è sapientemente configurato e abbinato a una cache, ciò può migliorare di molto i risultati.

TTFB è un fattore di conversione. Come si riduce?

Abbattere i tempi di risposta di un server e aumentare la velocità di caricamento di un sito web è possibile con azioni congiunte: il binomio tra lavoro sull’applicativo e lavoro sulla base infrastrutturale è essenziale. Insieme ai plugin messi a disposizione dal CMS in uso (prendiamo il caso di WordPress e dei suoi plugin come W3 Total Cache), ottenere ottimi tempi di risposta del sito è possibile basando il layer su Application Server come Varnish, acceleratore web. O sfruttando Redis, per esempio.

Molto interessante è il caso di quelle cache che agiscono sia sui contenuti statici che contenuti dinamici, come l’appliance Seeweb che prende il suo nome proprio dalle sue caratteristiche di “velocizzazione”: Web Accelerator.

Web Accelerator riduce il carico dei siti web con alti volumi di traffico ed è molto efficace in abbinamento a infrastrutture basate su WordPress. Consentendo con un investimento fisso e basso di aumentare le conversioni del proprio portale grazie a una migliore esperienza d’uso offerta all’utente grazie all’azione di riduzione del TTFB.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!