Il TTFB – Time To First Byte è un parametro che interessa molto alle aziende le cui vendite e conversioni sono legate alla velocità del proprio sito web.

Esso misura infatti il livello di responsività di un server, quantificando il tempo ad esso necessario per ricevere la richiesta HTTP e ottenere il primo byte della pagina.

I passaggi che contribuiscono a questo tempo di reattività del server sono principalmente tre: c’è il tempo necessario a inviare la richiesta HTTP; quello necessario al server per processare la richiesta, e infine quello di cui il server ha bisogno per restituire il primo byte di risposta al client.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

In linea di massima è più facile per delle pagine statiche avere un TTFB più ridotto. Se ci troviamo invece di fronte a un database importante oggetto di molte richieste il TTFB sarà più difficile da ridurre. Tuttavia, se il server web è sapientemente configurato e abbinato a una cache, ciò può migliorare di molto i risultati.

TTFB è un fattore di conversione. Come si riduce?

Abbattere i tempi di risposta di un server e aumentare la velocità di caricamento di un sito web è possibile con azioni congiunte: il binomio tra lavoro sull’applicativo e lavoro sulla base infrastrutturale è essenziale. Insieme ai plugin messi a disposizione dal CMS in uso (prendiamo il caso di WordPress e dei suoi plugin come W3 Total Cache), ottenere ottimi tempi di risposta del sito è possibile basando il layer su Application Server come Varnish, acceleratore web. O sfruttando Redis, per esempio.

Molto interessante è il caso di quelle cache che agiscono sia sui contenuti statici che contenuti dinamici, come l’appliance Seeweb che prende il suo nome proprio dalle sue caratteristiche di “velocizzazione”: Web Accelerator.

Web Accelerator riduce il carico dei siti web con alti volumi di traffico ed è molto efficace in abbinamento a infrastrutture basate su WordPress. Consentendo con un investimento fisso e basso di aumentare le conversioni del proprio portale grazie a una migliore esperienza d’uso offerta all’utente grazie all’azione di riduzione del TTFB.