Raspberry Pi Zero: ecco il computer da 5 dollari

Con le stesse capacità di elaborazione del Raspberry Pi originale e qualche porta in meno, l’ultima creazione di Eben Upton ha il prezzo più basso possibile per un computer

Eben Upton, creatore del Raspberry Pi, mostra il Raspberry Pi Zero da 65x30mm nel video diffuso dalla Raspberry Pi Foundation

La Raspberry Pi Foundation ha raggiunto un limite. Impegnato da anni per offrire computer a basso costo rivolti al settore educativo e agli hobbisty, il fondatore Eben Upton dice che non si può andare oltre: la sua ultima creazione, il Raspberry Pi Zero, è disponibile a soli 5 dollari, un prezzo sotto il quale non si può scendere per realizzare un computer.

Il Raspberry Pi Zero fa seguito al grande successo dei computer Raspberry Pi A, B e 2, i cui prezzi vanno da 20 a 35 dollari.

Nonostante il prezzo incredibilmente basso, il Raspberry Pi Zero offre molte caratteristiche dei suoi predecessori, ed è circa il 40 per cento più veloce rispetto al Raspberry Pi 1.

ADV
Trusted Cybersecurity Bitdefender

Sanità in Italia, i sei pilastri per una cybersecurity più efficiente

Il settore è tra i più esposti, come dimostra l’attacco ransomware alla Regione Lazio. Una ricerca Bitdefender nel rapporto Clusit evidenzia gli elementi su cui è più urgente lavorare LEGGI TUTTO

Sulla sua scheda da 65 x 30 millimetri troviamo infatti:

  • processore Broadcom BCM2835, lo stesso del Raspberry Pi 1, con un core ARM11 da 1GHz.
  • 512MB di memoria RAM
  • lettore di schede micro-SD, da cui viene caricato il sistema operativo Rapbian
  • porta mini-HDMI per l’uscita video a 1080p
  • 2 porte micro-USB (una per i dati e una per l’alimentazione, che può quindi essere fornita da qualsiasi alimentatore per smartphone o da un altro PC)

In confronto, il Raspberry Pi 2 Model B dispone di memoria aggiuntiva, un processore quad-core, ingresso/uscita audio, tre porte USB aggiuntive, e collegamenti diretti per camera e display.

E se cinque dollari sembrano pochi, si pensi che il Raspberry Pi Zero è protagonista di un’iniziativa davvero insolita. Sarà infatti allegato al numero di dicembre di MagPi, rivista inglese dedicata alla piattaforma Raspberry. Un tempo ci si limitava ad allegare alle riviste CD o DVD Rom. Ora si allega un intero computer.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!