La Raspberry Pi Foundation ha raggiunto un limite. Impegnato da anni per offrire computer a basso costo rivolti al settore educativo e agli hobbisty, il fondatore Eben Upton dice che non si può andare oltre: la sua ultima creazione, il Raspberry Pi Zero, è disponibile a soli 5 dollari, un prezzo sotto il quale non si può scendere per realizzare un computer.

Il Raspberry Pi Zero fa seguito al grande successo dei computer Raspberry Pi A, B e 2, i cui prezzi vanno da 20 a 35 dollari.

Nonostante il prezzo incredibilmente basso, il Raspberry Pi Zero offre molte caratteristiche dei suoi predecessori, ed è circa il 40 per cento più veloce rispetto al Raspberry Pi 1.

Sulla sua scheda da 65 x 30 millimetri troviamo infatti:

  • processore Broadcom BCM2835, lo stesso del Raspberry Pi 1, con un core ARM11 da 1GHz.
  • 512MB di memoria RAM
  • lettore di schede micro-SD, da cui viene caricato il sistema operativo Rapbian
  • porta mini-HDMI per l’uscita video a 1080p
  • 2 porte micro-USB (una per i dati e una per l’alimentazione, che può quindi essere fornita da qualsiasi alimentatore per smartphone o da un altro PC)

In confronto, il Raspberry Pi 2 Model B dispone di memoria aggiuntiva, un processore quad-core, ingresso/uscita audio, tre porte USB aggiuntive, e collegamenti diretti per camera e display.

https://vimeo.com/146893658

E se cinque dollari sembrano pochi, si pensi che il Raspberry Pi Zero è protagonista di un’iniziativa davvero insolita. Sarà infatti allegato al numero di dicembre di MagPi, rivista inglese dedicata alla piattaforma Raspberry. Un tempo ci si limitava ad allegare alle riviste CD o DVD Rom. Ora si allega un intero computer.