Intel: tutte le novità ufficiali su Tiger Lake, Ice Lake e Lakefield

Intel ha aggiornato la propria roadmap per i processori che vedremo nei prossimi mesi e nei prossimi anni. Parole d’ordine? Ice Lake, Tiger Lake e prestazioni grafiche.

ice lake

Mercoledì Intel ha aggiornato la propria roadmap pubblica dei microprocessori fino al 2020 confermando tra le altre cose l’esistenza di Tiger Lake, un chip Core da 10nm previsto per il 2020 che presenta una microarchitettura completamente nuova, e l’imminente soluzione grafica Xe.

I dirigenti di Intel hanno anche iniziato a parlare di alcuni dei miglioramenti delle prestazioni associati ai chip precedentemente annunciati, come la velocità con cui il primo chip Intel a 10 nm, Ice Lake, sarà confrontato con la generazione precedente. Intel ha inoltre iniziato a parlare dei miglioramenti apportati da Lakefield.

Combinate il nuovo core Ice Lake a 10nm, il chip Tiger Lake e gli altri principali annunci (i chip 7nm entro il 2021) e capirete come Intel si stia muovendo in modo molto più rapido e concreto rispetto a quanto fatto negli ultimi anni.

Ice Lake

Parlando alla conferenza degli investitori, Murthy Renduchintala, Chief Engineering Officer di Intel, ha affermato che non è un segreto come la compagnia abbia faticato nello sviluppo di processori a 10 nm. “Nelle discussioni con molti di voi emerge la convinzione che la tecnologia di processo di Intel sia rallentata nel tempo. Ora però le cose sono diverse”.

Ice Lake sfrutta appieno la tecnologia a 10 nm. Sebbene Renduchintala non abbia rivelato le prestazioni, ha fornito alcuni confronti generazionali, anche se senza specifiche reali. È interessante il fatto che Intel non stia parlando direttamente delle prestazioni della CPU, rivelando però che Ice Lake offrirà da 2,5 a 3 volte le “prestazioni AI” di un chip di precedente generazione e il doppio delle prestazioni grafiche.

Ice Lake contiene anche ciò che Intel definisce prestazioni Generation 11, che a quanto pare verranno contrassegnate come Next Gen Graphics Iris Plus Experience. Gregory Bryant, senior vice president e general manager del Client Computing Group, ha detto agli investitori che la GPU integrata in Ice Lake è abbastanza potente da far giocare a centinaia di giochi a risoluzione 1080p e a 30 (non 60) frame al secondo.

Tiger Lake

Secondo Renduchintala, il prodotto principale per la generazione 7nm sarà in realtà una GP-GPU per i datacenter attesa nel 2021 e basata sulla nuova architettura Xe sviluppata da Intel. Gli utenti di PC, tuttavia, si concentreranno su Tiger Lake. In questo caso si parla di un miglioramento 4X delle prestazioni grafiche dagli odierni chip da 15 watt Whiskey Lake a un chip Tiger Lake da 25 watt.

Un confronto ancora più impressionante potrebbe essere il miglioramento di quattro volte nelle prestazioni di codifica. In questo caso i numeri di Intel derivano da un confronto tra un chip Whiskey Lake che codifica video a risoluzione 4K 60 fps e un chip Tiger Lake alle prese con un video in 8K a 60 fps. “Questa è un’esperienza di elaborazione radicalmente diversa”, ha detto Bryant.

Lakefield

Lakefield rimane uno dei prodotti più “opachi”, proprio perché non sappiamo che aspetto avranno esattamente i PC che lo conterranno. Bryant ha però mostrato una scheda madre che ospita un chip Lakefield. L’implicazione è che i PC basati su Lakefield saranno PC di dimensioni ridotte con doppio display, schermi pieghevoli e altri form-factor innovativi.

Ricordiamo che Lakefield combina più elementi per creare un singolare system-on-a-chip, ovvero una CPU basata sull’architettura Sunny Cove (che si presume essere la base di Ice Lake), così come un core CPU “Tremont” Atom . In questo senso Lakefield è progettato in modo simile ai chip ARM, con il chip Core che si fa carico delle operazioni più pesanti e il chip Atom che gestisce invece la maggior parte dei carichi che non richiedono prestazioni elevate.

Intel ha confrontato Lakefield con gli attuali chip Amber Lake per laptop sottili e leggeri e i numeri sono impressionanti tra il doppio delle prestazioni grafiche, un consumo di energia inferiore da 1,5X a 2X e un enorme miglioramento di 10X sulle prestazioni di standby. Su questo versante Intel sta chiaramente sfidando i processori Qualcomm Snapdragon 8cx per PC attesi nel terzo trimestre dell’anno.

A questo punto la domanda che sorge spontanea è cosa mostrerà Intel al Computex a fine mese. Bryant ha detto agli investitori che inizieremo a vedere gli ultrabook del del Project Athena durante le festività natalizie e ha confermato che i laptop Athena con Tiger Lake inizieranno a essere spediti l’anno prossimo. Intel ha inoltre aperto gli Open Labs per Project Athena all’inizio di questa settimana per contribuire a dare vita a quei progetti e quindi, al Computex, potremmo avere nuove informazioni proprio su questi futuri laptop di nuova concezione.