Intel ha annunciato il processore a 24 core Xeon E7-8890 v4 per computer ad alte prestazioni. Il chip fa parte della famiglia Xeon E7-8800 v4, e il suo annuncio arriva a solo una settimana di distanza dal nuovo chip a 10 core Broadwell-E progettato per il gaming.

Il chip a 24 core è destinato a potenti server con da quattro a otto socket. Un sistema a otto socket può avere fino a 192 core e supportare fino a 24 TB di memoria.

Sono circa 18 i produttori di server che offriranno 51 sistemi basati sui nuovi processori”, ha dichiarato Pat Buddenbaum, general manager del segmento soluzioni aziendali del Data Center Group di Intel.

Lenovo e Dell presenteranno server integrati con componenti storage e networking. Alcuni server di altri produttori – probabilmente SGI e Fujitsu – potrebbero avere fino a 32 socket, il che significa sistemi che potrebbero supportare fino a 768 core di CPU.

I nuovi chip Xeon E7-8800 v4 succedono alla famiglia Xeon E7 v3, introdotti lo scorso anno. Esclusi i chip Xeon Phi per supercomputer, i chip Xeon E7 sono i processori più performanti di Intel.

La società sta ponendo maggiore enfasi sui chip Xeon nel tentativo di ridimensionare la sua dipendenza dai PC. Secondo le stime di IDC, nel 2015 Intel aveva una quota del 99,2 per cento del mercato server. Tala quota potrebbe diminuire nel prossimo anno se i server ARM saranno adottati in numero più ampio e in seguito al rilascio dei nuovi chip x86 da parte di AMD.

I chip Xeon E7 sono pensati per i sistemi ad alte performance utilizzati da banche, organizzazioni finanziarie e altre industrie.

Per esempio, “le banche utilizzano gli attuali server Xeon E7 v4 per il rilevamento delle frodi in tempo reale e l’analisi delle transazioni”, ha sottolineato Buddenbaum.

I server con i nuovi chip potrebbe essere raggruppati per creare un potente cluster, che fornisce un’analisi più precisa da grandi quando quantità di dati. Potrebbe essere usato per aiutare i veicolo a guida autonoma a riconoscere segni e immagini, o eseguire algoritmi complessi per fare correlazioni nel campo della genomica.

I nuovi chip sono basati sull’architettura Broadwell e sono compatibili con i precedenti chip Xeon E7 v3.