Intel Capital prevede di investire più di 250 milioni di dollari di nuovo capitale nello sviluppo di tecnologia per la guida autonoma. Gli investimenti saranno distribuiti nell’arco dei prossimi due anni.

In occasione dell’evento AutoMobility LA, che si è svolto questa settimana a Los Angeles, il CEO di Intel Brian Krzanich ha sottolineato quanto il mercato automobilistico sia diventato importante per l’azienda.

Questi investimenti guideranno lo sviluppo di tecnologie che spostano in avanti i limiti di connettività, comunicazione, deep learning e sicurezza di prossima generazione”, ha dichiarato Intel in un comunicato stampa.

L’industria automobilistica è sulla soglia di una grande trasformazione”, ha commentato Krzanich, “che richiederà un livello senza precedenti di computing, intelligenza e connettività”.

intel-automobility

Il ruolo di Intel nelle tecnologie di guida autonoma riguarda i processori utilizzati in una varietà di sensori, sonar, LiDAR e telecamere che verranno incorporati nei veicoli autonomi, nonché i computer interni ai veicoli che elaborano i dati provenienti da tali sensori. Questi dati vengono anche inviati alle case automobilistiche per migliorare le vetture e le tecnologie di guida autonoma.

Secondo Krzanich l’industria automobilistica deve prepararsi a queste quantità massicce di dati: si stima che ogni veicolo a guida autonoma generi ogni giorno più di 4 TB di dati. Uno studio iniziale ha mostrato che i veicoli autonomi possono generare fino a 1 GB di dati per ogni secondo di funzionamento.

Intel ha stretto partnership con produttori di tecnologia per le auto a guida autonoma come Mobileye e case automobilistiche come BMW per la produzione di veicoli completamente autonomi entro il 2021.

Intel intende investire anche in tecnologie che guideranno l’innovazione globale dell’Internet of Things (IoT) nel settore dei trasporti. “Sono aree in cui la tecnologia può mitigare direttamente i rischi migliorando sicurezza, mobilità ed efficienza a costi ridotti”, ha spiegato l’azienda.