Sebbene Intel si sia impegnata a potenziare la produzione di CPU di nuova generazione con processo produttivo a 10nm, alcune roadmap emerse recentemente sul web sotto forma di leak indicano che la maggior parte della produzione di CPU Intel rimarrà bloccata ai 14nm fino al 2020.

Le roadmap per i processori trapelate dal sito olandese Tweakers.net implicano che il prossimo chip desktop di cui sentiremo parlare sarà il Comet Lake a 10 core e a 14nm, oltre a un processore per laptop a 6 core. Mentre la roadmap riferisce di un Comet Lake-U programmato per il terzo trimestre dell’anno in corso, la versione desktop dovrebbe essere disponibile solo nel primo trimestre del 2020. 

Se poi dobbiamo dare ragione a queste tabelle di marcia, la grande speranza di Intel per i 10nm (Ice Lake) sarà una produzione “limitata”. Una versione mobile sempre a 10nm e con 4 core (Tiger Lake) dovrebbe arrivare sul mercato all’inizio del 2020 nelle versioni U e Y. Ma ecco perché dovremmo cominciare a preoccuparsi: non un singolo accenno a una versione desktop appare sulla roadmap per tutto il 2020.

2002687634

Intel, non sorprendentemente, non ha confermato nessuna di queste roadmap e una portavoce interpellata da PCWorld ha rifiutato di commentare. Fonti del settore contattate sempre da PCWorld hanno affermato che le roadmap sembrano veritiere, anche se la roadmap per le CPU desktop è attualmente sottoposta a ulteriori revisioni. Tweakers.net ha originariamente descritto entrambe le roadmap come provenienti da Dell, sebbene PCWorld non lo abbia confermato.

Ciò che rivelano le roadmap, tuttavia, è il conflitto intrinseco tra i recenti sforzi compiuti da Intel per la transizione dai suoi vecchi chip a 14nm a quelli di nuova generazione a 10 nm, e le sue recenti affermazioni nel progresso positivo di questa transizione. La principale spinta verso i 10 nm è rappresentata proprio da Ice Lake, che Intel ha fortemente promosso al CES di gennaio (ricordiamo che Ice Lake vanta Thunderbolt 3, grafica integrata Gen 11 e Wi-Fi 6). Ma Intel ha anche iniziato a parlare di Sunny Cove, un nuovo core design che potrebbe essere la base architettonica del chip per notebook Ice Lake U, atteso in questo trimestre in quantità limitate secondo queste ultime roadmap leakate.

Storicamente è stata sempre una cattiva idea per un produttore di chip lanciare un nuovo core su un processo di produzione non testato, a causa dei potenziali bug ed errori di produzione. La cadenza “tick-tock” di Intel è stata specificamente progettata per prevenire questo rischio, lanciando nuovi core e nuovi miglioramenti di processo nelle generazioni successive. Ma l’incapacità di Intel di passare a 10nm per diverse generazioni ha messo fuori gioco il processo del tick-tock, almeno per ora.

2002679904

Non è chiaro se Intel sia riuscita a sviluppare con successo il processo a 10 nm al punto da consentire l’avvio della produzione di grandi volumi. L’amministratore delegato di Intel Bob Swan, durante la presentazione degli ultimi risultati finanziari della compagnia, ha detto che la fiducia nei 10nm sta migliorando.

“Oltre al miglioramento della velocità di produzione che ho descritto in precedenza, ci aspettiamo di avere pronto il nostro primo prodotto a 10nm, Ice Lake in questo trimestre e stiamo puntando a una produzione su larga scala nel corso dell’anno.” La roadmap per i laptop, tuttavia, mostra ancora diversi chip da 14nm fino al 2019 e al 2020, ovvero Comet Lake, Tiger Lake e un nuovo Rocket Lake, che sembra combinare un chip da 14 nm con un “chiplet” grafico 10 nm.

Roadmap leakate: tutto quello che c’è da sapere

In ambito desktop la roadmap di Intel è piuttosto semplice. I chip Skylake-X a 18 core cederanno il posto ai processori Cascade Lake-X a 18 core nel settore high end. I PC mainstream verranno comunque venduti ancora con al loro interno CPU Coffee Lake-R (fino a 8 core), che verranno però sostituite con l’ancora sconosciuto chip Comet Lake (i modelli vanno dai 2 ai 10 core) nel primo trimestre del 2020. Skylake-X, Cascade Lake-X, Coffee Lake e Comet Lake sono comunque tutti chip a 14nm.

intel-ice-lake-100785083-large

Per quanto riguarda il settore notebook, le cose si fanno un po’ più articolate. Attualmente i notebook più potenti integrano ancora i chip Coffee Lake-Refresh H (2-8 core), CPU di 9° generazione lanciate sul mercato solo pochi giorni fa. Altri notebook mainstream sono ancora dominati dai familiari chip della serie U Whiskey Lake (2-4 core), con la serie Y Amber Lake (2-4 core) riservata invece ai modelli convertibili.

A metà 2019 compariranno però altri due modelli della serie U: il chip “limitato” a 10nm Ice Lake-U (2-4 core) e il Comet Lake-U a 14nm (2-6 core). Una quantità limitata di Ice Lake-Y a 10 nm (solo 2 core) dovrebbe inoltre rendersi disponibile entro la fine del trimestre in corso. Alla fine del 2019 e all’inizio del 2020 le cose diventano invece più confuse. Appaiono i nuovi chip 14nm Comet Lake-H con 8-10 core, Tiger Lake-U (4 core) debutterà alla fine del primo trimestre del 2020 e questo è apparentemente il primo chip Intel a 10 nm che sarà spedito in grandi volumi.

Ma nei chip della serie U la roadmap indica che, tra il primo e il secondo trimestre del 2020, potremmo vedere Tiger Lake-U 10nm insieme a Ice Lake U sempre a 10nm, un Comet Lake U a 14nm (2-6 core) e il Rocket LakeU a 14nm (4-6 core con grafica a 10nm). I chip della serie Y di potenza inferiore vedono invece il Tiger Lake-Y a 10nm (4 core), l’Ice Lake-Y a 10nm (2 core), il Comet Lake Y a 14nm (2-4 core) e l’Amber Lake Y a 14nm (2-4 core).