Microsoft sta collaborando con IBM per scrivere specifiche applicazioni per i suoi dispositivi Surface. L’obiettivo è adattare la linea di tablet e PC Surface per soddisfare le esigenze di aziende finanziarie, di beni di consumo e di vendita al dettaglio.

L’accordo è importante per Microsoft, che vuole rendere i dispositivi Surface più attraenti per le imprese. La società ha dichiarato che i dispositivi Surface generano un fatturato di 1 miliardo di dollari al trimestre, e spera di migliorare questo risultato raggiungendo più clienti aziendali.

IDC prevede che nella seconda metà di quest’anno ci saranno importanti aggiornamenti nel segmento dei PC aziendali e i dispositivi Surface con software personalizzati potrebbero essere un’opzione interessante per le aziende.

Per IBM, la partnership è molto simile a quella avviata con Apple, nel 2014, per sviluppare applicazioni per iPhone e iPad. IBM acquisirà più clienti di software enterprise, e non dovrà preoccuparsi del supporto hardware.

Il software personalizzato IBM sfrutterà le caratteristiche uniche dei dispositivi Surface”, ha dichiarato Microsoft. Le applicazioni ruoteranno attorno ad analytics, reporting, produttività dei dipendenti, gestione.

La partnership è parte della Surface Enterprise Initiative, lanciata lo scorso anno, quando Microsoft ha avviato la collaborazione con Dell. Secondo quanto dichiarato dalla società di Redmond, l’accordo con Dell ha permesso vendere i dispositivi Surface a 800 clienti enterprise.

Microsoft ha inoltre annunciato il programma Surface as a Service, all’interno del quale i dispositivi Surface vengono offerti con servizi cloud e possono essere pagati su abbonamento. Nelle intenzioni di Microsoft, il programma consente ai clienti di risparmiare sull’hardware, suddividendo i costi su tutta la lunghezza del contratto, e di aggiornare l’hardware più velocemente.