Dischi SSD

I migliori SSD da acquistare nel 2021

Sata, Nvme, M.2, U.2, PCI: come scegliere il miglior disco a stato solido per prezzo, prestazioni e capacità

Sostituire l’hard disk con un’unità a stato solido è il miglior investimento che si possa fare per potenziare il proprio computer. Questi dispositivi accorciano i lunghi tempi di avvio del sistema operativo, accelerano la velocità di caricamento dei programmi ed eliminano i colli di bottiglia nel trasferimento di file. Non tutti i dischi SSD però sono uguali. Molti offrono solide prestazioni a prezzi accessibili, ma non tutti offrono prestazioni estreme o grande capacità, a parità di prezzo.

La velocità dei dischi SSD è superiore a quella dei dischi rigidi meccanici più veloci. Sostituire semplicemente il disco rigido del tuo vecchio laptop o desktop con un SSD può farlo sembrare un sistema completamente nuovo, e anche velocissimo.

Tuttavia, gli SSD costano di più per gigabyte rispetto ai dischi rigidi meccanici e quindi spesso non sono disponibili con capacità molto alte. Se abbiamo sì bisogno di velocità, ma anche di un grande spazio di archiviazione, possiamo acquistare un SSD con spazio limitato (come Crucial BX300 da 128 GB) e utilizzarlo come unità di avvio, quindi configurare un disco rigido tradizionale come memoria secondaria nel PC. Sistema operativo e programmi andranno installati sull’SSD, mentre potremo archiviare file multimediali e documenti sul disco rigido, ottenendo comunque un valido compromesso.

Cosa cercare in un SSD

Molti SSD sono disponibili in un fattore di forma da 2,5 pollici e comunicano con i PC tramite le stesse porte SATA utilizzate dai dischi rigidi tradizionali. Il meglio del mercato però si trova nella fascia che utilizza la tecnologia NVMe (Non-Volatile Memory Express) e si collega agli slot M.2 sulle moderne schede madri, direttamente collegate al bus PCIe. Inoltre, ci sono i futuristici drive 3D Xpoint. Scegliere l’SSD perfetto non è così semplice come una volta.

La capacità e il prezzo sono i fattori più importanti, ovviamente, e una lunga garanzia può alleviare i timori di una morte prematura dei dati. La maggior parte dei produttori di SSD offre una garanzia di tre anni (per quanto riguarda la durata delle celle di memoria) e alcuni modelli di fascia più alta sono garantiti per cinque anni. A differenza dei vecchi tempi degli SSD, le unità moderne non si degradano così velocemente con il normale utilizzo, come avveniva in passato.

La cosa più importante a cui prestare attenzione, se ci interessano le prestazioni, è la tecnologia utilizzata per collegare l’SSD al PC.

• SATA: si riferisce sia al tipo di connessione che al protocollo di trasferimento, utilizzato per collegare la maggior parte dei dischi rigidi e SSD da 2,5 pollici e 3,5 pollici al PC. Le velocità di SATA III possono raggiungere circa 600 MBps e la maggior parte, ma non tutte, le unità SSD moderne sono in grado di saturarla.

• PCI-E: questa interfaccia sfrutta quattro corsie PCIe del computer per superare i limiti a cui la tecnologia SATA deve sottostare e raggiungere i 4 GBps con PCIe gen. 3, velocità che ben si adattano alle caratteristiche delle unità NVMe. Sia gli slot PCIe che lo slot M.2 nella scheda madre possono supportare l’interfaccia PCIe, ed è possibile acquistare adattatori che consentono di inserire unità M.2 in uno slot PCIe. Le unità PCIe 4.0 sono significativamente più veloci, ma richiedono una CPU AMD Ryzen serie 3000 con una scheda madre X570 o B550.

• NVMe: la tecnologia Non-Volatile Memory Express sfrutta l’ampia larghezza di banda di PCIe per creare SSD incredibilmente veloci. Bypassando completamente i set di comandi tradizionali dei dischi, riescono anche a essere più efficienti. Leggi anche ” SSD NVMe: vantaggi, prezzi e prestazioni dello storage superveloce” per un approfondimento.

• M.2: qui è dove le cose si complicano. In molti suppongono che le unità M.2 utilizzino tutte la tecnologia NVMe e le velocità offerta da PCIe, ma non è vero. M.2 è solo un fattore di forma per la connessione. Certo, la maggior parte degli SSD M.2 utilizza NVMe, ma alcuni si attaccano ancora a SATA. Meglio quindi approfondire l’argomento prima di un acquisto.

• U.2 e mSATA: sia il supporto delle schede madri, sia la disponibilità dei prodotti sono ancora rari per questi formati. Alcuni Ultrabook più vecchi includevano mSATA prima che M.2 diventasse popolare e le unità sono ancora disponibili per chi avesse bisogno di una sostituzione.

Di seguito, i modelli più interessanti da tenere in considerazione nel 2021, in base a prezzo, reperibilità e ai test di laboratorio realizzati dai nostri colleghi dell’edizione americana di PCWorld.

SSD per tutti: il miglior compresso tra velocità e prezzo

La serie di SSD EVO mainstream di Samsung è in cima alla lista degli SSD consigliati di PCWorld fin dal 2014 e il nuovo Samsung 870 EVO, disponibile nei modelli da 250 GB, 500 GB, 1 TB, 2 TB e a breve anche 4 TB, è ancora un’ottima scelta per chi desidera una valida miscela di velocità, prezzo, compatibilità e affidabilità data dai 5 anni di garanzia offerti da Samsung, unitamente all’ottimo software di gestione Magician.

Samsung 870 EVO SSD

Chi è più attento al prezzo, può optare invece l’SSD SK Hynix Gold S31, che non solo è tra gli SSD SATA più veloci che abbiamo mai testato, ma ha un prezzo davvero ottimo per quel che offre.

SK Hynix SSD disponibilitàSK Hynix non è un nome molto noto, ma in realtà è uno dei maggiori produttori di semiconduttori del pianeta. La società coreana ha sviluppato la tecnologia NAND e dei controller sin dall’inizio, e produce SSD per diversi grandi fornitori di computer, ma raramente si è proposta direttamente al mercato con il suo marchio. Ora lo ha fatto e i risultati sono eccezionali. Il vero problema con questi SSD è la disponibilità piuttosto limitata, almeno in Italia.

Se abbiamo bisogno di una maggiore capacità, o semplicemente vogliamo stare su un marchio collaudato, oltre al Samsung 870 EVO, possiamo guardare al Samsung 870 QVO, con capacità che vanno da 1 TB fino a 8 TB (ne parliamo più in dettaglio più sotto).

Miglior SSD economico

Ora che le tradizionali unità a stato solido multi-level cell (MLC) e triple-level cell (TLC) stanno scendendo di prezzo, i produttori hanno lanciato unità QLC (quad-level cell) di nuova concezione che spingono i prezzi degli SSD ancora più in basso.

Leggi anche: Tecnologie di memoria dei dischi a stato solido

La nuova tecnologia consente ai produttori di riempire gli SSD con livelli di capacità simili a quelli dei dischi rigidi, avvicinandosi allo stesso tempo alle straordinarie velocità degli SSD, almeno per la maggior parte del tempo. La prima generazione di dischi QLC, incluso il già citato Samsung 860 QVO, ha visto le sue velocità di scrittura precipitare a livelli simili a quelli dei dischi rigidi quando si trasferiscono dozzine di gigabyte di dati in una volta sola.

L’SSD Addlink S22 QLC non subisce lo stesso destino. Sebbene gli SSD TLC tradizionali (come quelli menzionati nella nostra sezione SSD per tutti: i migliori compressi tra velocità e prezzo) mantengano ancora un vantaggio di velocità rispetto alle unità QLC, l’Addlink S22 è un buon prodotto ed è estremamente economico per un SSD.

Se non abbiamo intenzione di spostare enormi quantità di dati contemporaneamente e abbiamo bisogno di più spazio, il Samsung 870 QVO (la seconda generazione di Samsung), è un’ottima opzione. È leggermente più veloce dell’SSD di Addlink, ma è anche più costoso. Anche il vecchio Samsung 860 QVO rimane una buona opzione, ma il nuovo 870 QVO lo supera in ogni aspetto.

Migliori SSD NVMe

Prima di acquistare, è bene essere consapevoli di ciò che offrono le unità NVMe. I normali SSD SATA già offrono un miglioramento incredibile in termini di tempi di avvio, di caricamento dei programmi e lettura dei file, a un prezzo molto più conveniente rispetto alle unità NVMe.

Leggi anche: SSD NVMe: vantaggi, prezzi e prestazioni dello storage superveloce

Si sfrutteranno davvero le caratteristiche di NVMe solo se il proprio lavoro richiede di trasferire grandi quantità di dati (big data, multimedia, intelligenza artificiale, sviluppo su basi dati…). Negli altri casi, il costo delle unità NVMe potrebbe non essere giustificato.

Bisogna anche assicurarsi che il PC possa gestire questa tecnologia, che è relativamente nuova, supportata in genere dalle schede madre prodotte negli ultimi anni per AMD Ryzen e i chip Intel dall’era Skylake in poi. Gli SSD NVMe montati su adattatori PCIe erano popolari nei primi anni della tecnologia, prima dell’adozione generalizzata di M.2, ma ora sono più rari. Assicuriamoci di essere effettivamente in grado di utilizzare un SSD NVMe prima di acquistarne uno, tenendo presente che avremo bisogno di 4 linee PCIe disponibili per utilizzarlo al massimo delle sue potenzialità.

Seagate Firecuda 520 SSD

Se le prestazioni sono fondamentali, il Samsung 970 Pro o il Seagate FireCuda 510 sono gli SSD NVMe più veloci al momento, ma per la maggior parte delle persone l’SK Hynix Gold P31 può andare più che bene, ammesso di trovarli sul mercato. Come già dicevamo parlando degli SSD Sata di questo marchio, la reperibilità in Italia è piuttosto scarsa.

Il Gold P31 è il primo SSD NVMe dotato di tecnologia NAND TLC a 128 bit, cosa che gli conferisce una spinta notevole sugli altri concorrenti, che utilizzano 96 livelli NAND. Nei test di PCWorld, ha quasi toccato l’incredibile velocità di lettura di 3,5 Gigabyte al secondo, tenendo testa a prodotti che costano molto di più anche nei test di trasferimento file da 48 GB e 450 GB. Il tutto con prezzi che negli USA vanno da 75 dollari per il modello da 500 GB ai 135 di quello da 1 TB (in Italia andranno aggiunte IVA e tassa per l’equo compenso SIAE).

Western Digital Blue SN550 NVMe

Altri SSD NVMe notevoli e molto convenienti sono il Crucial P5, che si confronta alla pari con concorrenti molto più costosi, e il Western Digital Blue SN550 NVMe, che è un po’ meno veloce dei modelli appena citati, ma costa molto, molto meno (circa 85 euro iva inclusa per il taglio da 500 GB e 120 euro per 1 TB) ed è garantito fino a 5 anni.

Il PNY XLR8 CS 3030 è un’altra buona opzione, che offre prestazioni veloci a un buon prezzo, ma rallenta durante le operazioni di scrittura dei dati particolarmente lunghe. Se invece si cercano prestazioni superiori, oltre al Samsung 970 Pro, vale la pena considerare il Kingston KC2500.

I migliori SSD PCIe 4.0

La maggior parte degli SSD NVMe utilizza l’interfaccia PCIe 3.0 standard, ma ora esistono unità PCIe 4.0 ancora più veloci, almeno sui sistemi che supportano questa tecnologia. Attualmente, solo i processori Ryzen 3000 di AMD supportano PCIe 4.0 e solo quando sono inseriti in una scheda madre X570 o B550. Se il nostro pc soddisfa questi criteri, allora potremo polverizzare le prestazioni di qualsiasi altro SSD PCIe 3.0 NVMe.

Corsair, Gigabyte e Sabrent hanno lanciato i primi SSD PCIe 4.0 disponibili sul mercato, tutti con prestazioni simili e a costi attorno ai 100-120 euro per i modelli da 500 GB.

La nostra unità PCIe 4.0 preferita, tuttavia, costa leggermente di più.

Il campione dei test di PCWorld finora è il Samsung 980 Pro. L’unità ha superato velocità di lettura e di scrittura di 5 GBps, così come dichiarato da Samsung. Anche nei test che simulano la vita reale, il 980 Pro comincia a rallentare un po’ con il trasferimento di file da 450 GB: non proprio un’operazione quotidiana. Queste prestazioni hanno però un prezzo: costa circa 150 euro nel taglio da 500 GB, e il doppio in quello da 1 TB (ma attenzione alle offerte a tempo di Amazon: nel momento in cui scriviamo, il modello da 1 TB si porta via a meno di 150 euro).

In alternativa, il WD Black SN850 è solo di un soffio dietro le prestazioni del Samsung 980 Pro, e costa all’incirca allo stesso prezzo.

Di Brad Chacos, adattamento di Andrea Grassi

Qui sotto trovate gli ultimi articoli e notizie pubblicate nella categoria Dischi SSD di Computerworld.

Criptovaluta Chia: gli SSD faranno la fine delle GPU?

La criptovaluta storage-based Chia potrebbe presto rendere gli SSD di fascia alta introvabili e costosissimi, proprio come è successo alle GPU a causa del mining di Bitcoin e compagni.

Seagate IronWolf 510: l’SSD PCIE per sistemi NAS aziendali

La nuova unità Seagate IronWolf 510 SSD PCIe Gen3, M.2 NVMe offre prestazioni ad alta resistenza per lo storage e il caching in funzione 24×7.
SSD memorie stato solido.jpg

SSD al trionfo finale: entro l’anno nessun laptop in Europa avrà un hard disk

A fine 2019 i pc venduti con HDD in Europa occidentale sono scesi al 9,4% del totale, i laptop al 6,7%. Context: Storage online, streaming e calo del costo per GB spingono gli SSD
Intel Optane

Intel Optane: la soluzione ideale per un PC “virtuale”?

La memoria Intel Optane potrebbe fare da complemento al 5G e risolvere il problema di latenza con soluzioni come Windows Virtual Desktop.
hard disk Toshiba MG08 16TB

16 TB, ultima frontiera degli hard disk: caratteristiche, innovazioni e casi d’uso

Caratteristiche, tecnologie innovative, prestazioni e costi degli hard disk di classe enterprise Toshiba MG08 da 16 TB.
Intel Optane H10

Intel Optane H10: Optane e NAND QLC in un unico modulo

La combinazione della tecnologia Intel Optane con la tecnologia Intel NAND 3D QLC in un singolo modulo M.2. Ecco Intel Optane H10.
SSD NVMe

SSD NVMe: vantaggi, prezzi e prestazioni dello storage superveloce

In questo speciale vi spieghiamo perché adottare un SSD NVMe può risollevare le prestazioni di PC anche molto in là con gli anni senza per questo spendere una fortuna.

Pure Storage prende il volo e si prepara a conquistare cloud e Intelligenza Artificiale

Superato il miliardo di dollari di fatturato, l'azienda ora pensa a espandersi tra i cloud provider, nella pubblica amministrazione e nell'intelligenza artificiale, grazie a un'architettura convergente realizzata con NVIDIA
Flash storage database oracle

10 motivi per scegliere lo storage all-flash per database Oracle e analytics

Questo white paper di Pure Storage presenta i 10 motivi principali per cui le soluzioni storage all-flash sono le più indicate per applicazioni di analytics, in particolare per quelle basate su database Oracle.
Valutazione storage all-flash data center

Il flash storage come asset strategico – MIT Technology Review

Con l'avvento delle memorie flash, la valutazione sullo storage non è più solo questione di costo per gigabyte e riguarda anche consumi energetici e personale. La scelta è quindi strategica e deve tornare nelle mani del CIO.
western digital

Velocità super per i nuovi SSD NVMe di Western Digital

I nuovi SSD NVMe PC SN720 e PC SN520 di Western Digital svelati al MWC 2018 di Barcellona promettono prestazioni super e tagli di storage fino a 2 TB.
Samsung PM1643

Più di 30TB per il nuovo SSD enterprise Samsung PM1643

Grazie all’utilizzo delle memorie V-Nand Triple Level Cell il Samsung PM1643 è il primo SSD enterprise al mondo in formato 2,5’’ con ben 30,72 TB di storage.

I migliori SSD nel 2018

Tecnologie, interfacce, prezzi e tagli di storage. Ecco quali sono i migliori SSD disponibili sul mercato e quali scegliere per le proprie esigenze.

Intel Optane SSD 900P: arriva l’SSD da 550.000 IOPS

Intel ha presentato i primi due modelli di Optane SSD 900P, soluzioni basate su memoria 3D XPoint che promettono prestazioni super e un’elevata durata nel tempo.

Synology 2018: sempre più attenzione al settore business

Dal proprio debutto nel 2004, l’azienda taiwanese Synology è riuscita a imporsi in tutto il mondo come punto di riferimento tra i produttori di...

Samsung Portable SSD T5: compatti, leggerissimi e veloci

Samsung ha annunciato la disponibilità in quattro taglie dei nuovi Portable SSD T5, i primi SSD consumer con memoria V-NAND di quarta generazione.
ssd

Quanti dati si possono scrivere su un SSD? Non lo indovinereste mai

Una rivista tedesca ha testato per un anno 12 SSD e il primo classificato come resistenza è stato un Samsung 850 Pro con 9,1 Petabyte di dati scritti.
wd-my-passport-ssd

WD presenta My Passport SSD, il suo primo SSD portatile

L'SSD è disponibile con capacità di 256GB, 512GB e 1TB

SSD Intel Optane: svelato il primo modello da 375 GB

Si chiama DC P4800X ed è il primo SSD Intel Optane ad arrivare sul mercato. Taglio da 375 GB, prezzo attorno ai 1500 dollari e prestazioni super.
4,100FansMi piace
1,991FollowerSegui

BrandPost (info)

DA NON PERDERE

skill it

Le 12 skill IT che fanno guadagnare di più nel 2021

Tra deep learning e smart contract, gli stipendi relativi a queste 12 skill IT stanno vedendo un significativo incremento nel corso del 2021.

Vulnerabilità critica in VMware VCenter: perché aggiornare subito

VMware ha rilasciato una patch che corregge una gravissima vulnerabilità di VCenter Server e Cloud Foundation e che permette a utenti remoti anonimi di eseguire codice arbitrario
silos di dati

Come la giusta strategia di automazione può sbloccare i silos di dati

Avete difficoltà a dare un senso a tutti i dati creati dalla vostra azienda? La giusta strategia di automazione può essere la soluzione migliore per sbloccare i silos e rendere i dati più utili.