Chromebook: arrivano le app Android

Le app Android si potranno scaricare e utilizzare anche sui Chromebook. Si inizia con tre modelli, che nei prossimi mesi diventeranno però una sessantina.

chromebook

Era da circa due anni che Google pensava ad avvicinare gli ecosistemi di Android e di Chrome OS (e quindi dei Chromebook), ma solo nei giorni scorsi, approfittando del Google I/O 2016, la grande G ha ufficializzato questo importante passo. In pratica alcuni Chromebook potranno avere accesso a Google Play e scaricare qualsiasi del milione di app disponibili sullo store digitale di Google. Al momento i modelli che potranno fare ciò sono l’Acer Chromebook R11, l’Asus Chromebook Flip e il Google Chromebook Pixel (edizione 2015), ma nei prossimi mesi a questi se ne aggiungeranno molti altri tra cui modelli di HP, Lenovo, Dell e altri produttori minori (qui trovate l’elenco completo).

Come già accennato, si tratta di una novità importante per Google per due diverse ragioni. Da un lato la possibilità di accedere e di utilizzare così tante app renderà i Chromebook dispositivi più attraenti e utili di quanto non lo siano stati finora, soprattutto per i mercati al di fuori degli USA. Negli Stati Uniti infatti, stando alle ultime stime di IDC, le vendite dei Chromebook hanno superato per la prima volta quelle dei Mac (desktop e notebook messi insieme), con 2 milioni di Chromebook distribuiti nel primo trimestre 2016 contro gli 1,76 milioni di computer Apple.

ora anche i possessori di Chromebook potranno avere accesso alle app di Office in versione Android

Il secondo motivo di interesse di questo avvicinamento tra Android e Chrome OS sta nel settore aziendale. Google infatti punta a spingere verso di sé una clientela di professionisti e dipendenti aziendali che potranno sfruttare una maggiore continuità sui loro dispositivi Android (smartphone e tablet) e Chrome OS, per non parlare del fatto che ora anche i possessori di Chromebook potranno avere accesso alle app di Office in versione Android. In questo modo ci sarà più integrazione tra i tradizionali PC Windows e i Chromebook, cosa che fino ad oggi era di fatto assente.

Alcuni analisti hanno infine voluto vedere questo passo di Google come un primo tentativo di avvicinamento tra Android e Chrome OS in vista di una loro convergenza e fusione, sebbene Google abbia finora smentito una tale eventualità.