Se vi piacciono i MacBook M1, ecco cosa offrirà Apple con i prossimi Mac

Un nuovo report di Bloomberg delinea i piani di Apple per i prossimi Mac, con il successore del SoC M1 per il futuro Mac Pro che potrebbe raggiungere l'incredibile cifra di 32 core ad alte prestazioni.

MacBook M1

I nuovi MacBook Apple con processore M1 hanno fatto molto rumore sin dal loro lancio solo un mese fa, ma secondo un nuovo rumor Apple ha solo scalfito la superficie di ciò che la sua nuova piattaforma proprietaria basata su ARM può fare. Bloomberg riferisce infatti che Apple sta già lavorando sui chip che alimenteranno la prossima infarinata di Mac e la versione top di gamma dei successori dell’M1 potrebbe avere fino a 32 core ad alte prestazioni.

Questo è un bel passo avanti rispetto all’attuale chip M1, che ha solo quattro core ad alte prestazioni e, nonostante ciò, supera in prestazioni quasi tutti i Mac basati su Intel che lo hanno preceduto. Secondo quanto riferito, il nuovo chip Apple Silicon di fascia alta è destinato a un nuovo Mac Pro nel 2022. Apple vende l’attuale Mac Pro con un processore Xeon a 28 core a quasi 15000 euro.

Dal punto di vista consumer, Apple starebbe inoltre lavorando a nuovi chip con fino a 16 core ad alte prestazioni e quattro core di efficienza. Apple dovrebbe rilasciare nuovi iMac dotati di questo chip (e forse con un nuovo design radicale) e i nuovi MacBook Pro da 14 e 16 pollici nel 2021. Bloomberg afferma che il nuovo chip potrebbe variare, “con solo 8 o 12 dei “performance core” abilitati a seconda dei modelli.

ADV
Webinar Kyocera Enterprise Document Management

Webinar il 22/9 - I documenti cartacei nell’era del lavoro ibrido e data-driven

Lavoro ibrodo e marketing digitale richiedono che le informazioni siano disponibili ovunque e integrate nei sistemi aziendali. Scopri le best practice per implementare un sistema di gestione documentale efficace per aziende di ogni dimensione. ISCRIVITI ORA >>

macbook

Dal punto di vista grafico Apple sta testando GPU a 16 core e 32 core, un enorme aumento rispetto alle GPU a 7 e 8 core offerte oggi rispettivamente su MacBook Air e MacBook Pro. Per i Mac di fascia alta, Apple sta testando varianti con 64 e 128 core dedicati, che potrebbero competere con le ultime schede di Nvidia e AMD.

Bloomberg osserva inoltre che il chip M1 all’interno dei nuovi MacBook “è una variazione di un nuovo processore per iPad destinato ad essere incluso in un nuovo iPad Pro in arrivo il prossimo anno”. Ciò potrebbe segnare un cambiamento di rotta rispetto ai chip della serie A che Apple utilizza attualmente e creare un’ulteriore separazione tra le linee Pro e non Pro di iPad.

Una domanda sui prossimi Mac che un po’ tutti si fanno è la quantità di RAM che i nuovi chip supporteranno. Gli attuali Mac M1 non possono infatti spingersi oltre i 16 GB di RAM, mentre il Mac Pro di Apple con processori Intel arriva fino a 1,5 TB di RAM. Le macchine di fascia alta supporteranno sicuramente limiti più alti di RAM, ma è altamente improbabile che Apple riuscirà a offrire qualcosa di simile all’attuale Mac Pro.

Supponendo che i nuovi chip utilizzino la stessa RAM unificata dei primi Mac M1, il prossimo Mac Pro non avrà però bisogno della stessa quantità di memoria del suo predecessore basato su Intel, visti i benefici derivanti dal design “unificato” tra SoC e RAM visti nei benchmark degli attuali MacBook Air, MacBook Pro e Mac mini M1.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!