Problemi di RAM sui Mac M1: i casi rilevati aumentano

Si fanno sempre più numerose le segnalazioni di utenti di Mac con SoC M1, M1 Pro e M1 Max alle prese con riavvii e blocchi di sistema causati da una gestione della RAM tutt’altro che impeccabile.

Negli ultimi 10 mesi ho utilizzato un MacBook Pro M1 da 13 pollici fornito dal mio datore di lavoro. Per la maggior parte del tempo si è rivelato un laptop formidabile, con una durata della batteria eccezionale e prestazioni eccellenti, per non parlare del fatto che rappresenta un enorme aggiornamento complessivo rispetto al mio precedente modello del 2016 con processore Intel.

Ma alcuni giorni è quasi impossibile fare qualsiasi cosa. Rispetto a tutti gli altri Mac che ho posseduto in questi anni, questo MacBook subisce regolarmente blocchi, arresti anomali e riavvii che spesso sembrano essere correlati a problemi di RAM. È stato quasi impossibile individuare uno schema, ma ho pensato che fosse qualcosa installato sul mio PC aziendale che andava a creare qualche conflitto a livello di memoria. Dopo aver però letto numerosi report questa settimana su problemi simili, non ne sono così sicuro.

Quando Gregory McFadden ha twittato che Control Center stava utilizzando 26 GB dei 64 GB di RAM sul suo nuovo MacBook Pro, lo screenshot sembrava molto familiare. Sebbene Control Center non abbia mai consumato così tanta RAM per me, noto regolarmente picchi durante l’utilizzo di Safari e Photoshop Elements e ho riscontrato problemi più sporadici con Mail e altre app. A volte i problemi causano rallentamenti che si risolvono da soli in pochi minuti, altre volte la mia macchina si blocca e forza il riavvio.

ADV
Trusted Cybersecurity Bitdefender

Sanità in Italia, i sei pilastri per una cybersecurity più efficiente

Il settore è tra i più esposti, come dimostra l’attacco ransomware alla Regione Lazio. Una ricerca Bitdefender nel rapporto Clusit evidenzia gli elementi su cui è più urgente lavorare LEGGI TUTTO

Ora tengo Activity Monitor aperto mentre lavoro ed è raro che il monitor dell’utilizzo della RAM non sia giallo o rosso. Come la maggior parte degli utenti Mac, tendo a mantenere diverse app inattive in background (Mail, Music, Safari, Outlook, Word, ecc.), ma con il MacBook M1 spesso ho bisogno di chiudere le app per liberare memoria dell’applicazione. La chiusura delle schede di Safari è un’attività regolare necessaria per liberare memoria e mantenere il mio computer funzionante senza problemi.

Un fatto molto simile ai problemi dei MacBook Pro con installato Monterey di cui ho letto questa settimana, con però la differenza che sto ancora eseguendo Big Sur. Questo mi porta a credere che sia un problema più grande e ampio, anche perché il numero di persone che riscontrano questo problema sembra essere in crescita. E spero che Apple stia prestando attenzione.

Perdita di memoria

Quando è stato rilasciato il chip M1, Apple ha cambiato il modo in cui pensiamo alla RAM sui nostri Mac. Come nell’iPhone e nell’iPad, la memoria RAM è ora integrata nel system-on-chip. L’M1 Pro e l’M1 Max sono dotati di opzioni di memoria più elevate, ma l’M1 non va oltre i 16 GB.

Come ha scritto Jason Snell quando è stato rilasciato l’M1, questo sistema ha dei chiari vantaggi: “La memoria del processore M1 è un singolo pool accessibile da qualsiasi parte del processore. Se il sistema necessita di più memoria per la grafica, può assegnarla. Se ha bisogno di più memoria per il Neural Engine, succede la stessa cosa. Ancora meglio, poiché tutti gli aspetti del processore possono accedere a tutta la memoria di sistema, non c’è alcun calo di prestazioni quando i core grafici devono accedere a qualcosa a cui in precedenza accedeva un core del processore. Su altri sistemi, i dati devono essere copiati da una porzione di memoria a un’altra, ma sull’M1 sono immediatamente accessibili”.

È possibile che macOS non stia gestendo correttamente questa struttura di memoria unificata e continuerà ad allocare RAM oltre ciò che è disponibile senza liberare RAM che non è più necessaria. Ciò è comunemente indicato come “memory leak”. Le prestazioni si deteriorano gradualmente fino a quando non è necessario attendere la cancellazione della RAM, chiudere forzatamente l’app o riavviare la macchina.

A volte viene visualizzato un avviso quando nessuna singola app utilizza nemmeno così tanta memoria e altre volte le app apparentemente utilizzano molta più memoria di quella disponibile. Ho visto singoli siti Web riferire di utilizzare fino a 20 GB di RAM senza motivo, paralizzando letteralmente il mio MacBook.

Abbiamo contattato Apple per un commento, ma non abbiamo ricevuto risposta ed è del tutto possibile che Apple risolva la cosa in una versione futura di macOS senza mai affrontare il problema pubblicamente. Questo è quello che è successo con l’eccessivo utilizzo dell’SSD all’inizio di quest’anno, anche se Apple afferma che si trattava di un “errore di segnalazione dei dati” e non di un problema reale. Il bug della memoria RAM è invece un problema reale che deve essere risolto il prima possibile.

Nel frattempo, ci sono alcuni modi per mitigare il problema. Il primo è essere vigili. Come ho detto, tenete aperto Activity Monitor e quando vedete che l’utilizzo della memoria di un’app aumenta, agite di conseguenza. Potete anche utilizzare un gestore di RAM di terze parti per cancellare rapidamente la RAM. E infine, tenetevi aggiornati con l’ultima versione di Big Sur o Monterey, poiché si spera che una soluzione arrivi presto.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

AUTOREMichael Simon
FONTEMacworld.com
Michael Simon
Redattore di PCWorld e Macworld Se ha uno schermo, una batteria o un connettore, Michael Simon vorrà senz'altro giocarci e analizzarlo. Michael si occupa infatti di smartphone, tablet e tutti i dispositivi portatili per PCWorld e Macworld. Lo trovate su Twitter come @morlium.