macbook

La domanda se i Mac hanno bisogno o no di antivirus non è nuova, ma la risposta sta cambiando. I computer Mac sono in generale più sicuri dei PC Windows, ma non sono completamente immuni ai virus e nel 2017 si sono verificati casi che dimostrano che i Mac sono meno sicuri di quanto lo fossero un tempo. Business Insider ha dichiarato che oggi i Mac sono anche più vulnerabili a virus e attacchi informatici rispetto ai PC Windows e Fortune ha riportato la notizia di un malware Mac che può bloccare i computer Apple.

Ecco quindi le ragioni a favore e contro la necessità di installare un antivirus su un computer Mac.

E’ necessario installare un antivirus sul Mac? Sì

Non ci sono ragioni tecniche per cui i sistemi Mac non possano diventare un obiettivo per i cybercriminali. E’ vero che i criminali scelgono la strada più semplice, che è più difficile colpire i Mac e il numero di utenti Apple è relativamente piccolo, ma la situazione potrebbe cambiare.

Windows sta diventando più sicuro, Windows 8 e Windows 10 sono le versioni più sicure di Windows di sempre, e la quota di mercato dei Mac nei Paesi occidentali è intorno al 20-30 percento.

Se si considera che i Mac sono costosi, in generale si può affermare che i loro proprietari sono più benestanti degli utenti medi di PC e quindi cominciano a diventare obiettivi interessanti. Non c’è nessun allarmismo, la minaccia è ancora su scala ridotta. Ma la situazione sta evolvendo e potrebbe valere la pena fare un piccolo investimento in un antivirus.

Bisogna sottolineare anche che l’utente finale è sempre l’anello più debole. In un certo senso, i software di sicurezza servono per salvare l’utente da decisioni sbagliate, come installare app gratuite che sembrano offrire qualcosa, ma che si rivelano essere spyware o virus. In questo senso anche gli utenti Mac possono diventare vittime di attacchi informatici.

E’ necessario installare un antivirus sul Mac? No

In questo momento l’evidenza suggerisce che non serve un antivirus per i sistemi macOS. Personalmente, ho utilizzato un Mac non protetto e collegato al web per circa 15 anni, e non ho mai avuto problemi. Tuttavia, è il caso di chiedersi il perché.

L’argomento più spesso utilizzato è una semplice considerazione di mercato: a livello globale, Apple ha una quota di mercato a cifra singola, quindi i criminali vanno a caccia di pesci più grossi nel mondo Windows. In pratica, i cybercriminali sono focalizzati su Windows perché ci sono più utenti Windows, e perché Windows è più facile da attaccare.

In quanto sistema operativo basato su Unix, macOS è per sua natura isolato e protetto. E’ come se ci fossero una serie di barriere da superare: anche se il malware riesce ad accedere a un computer Mac, non può arrivare al cuore del sistema.

I Mac non sono invulnerabili, ma sono più difficili da attaccare rispetto ai PC Windows. Quindi, come un ladro può tentare di intrufolarsi in una casa con un sistema di allarme, ma più probabilmente sceglie la casa vicina non dotata di allarmi, così un Mac è un obiettivo meno attraente rispetto ad altri dispositivi, che offrono agli hacker maggiori possibilità di successo.

Le versioni più recenti di macOS – a partire da OS X 10.8 Mountain Lion – vanno anche oltre. Includono la funzione GateKeeper, che impedisce di default agli utenti Mac di installare qualsiasi cosa che non sia software approvato da Apple. Tramite il Mac App Store gli utenti di computer Apple possono installare software con ragionevole tranquillità.

Il verdetto finale

In conclusione, chi utilizza un computer Mac a livello personale, per lo più per scopi non professionali, può continuare a operare senza software di sicurezza. Sì, è un rischio, ma anche navigare in Internet è un rischio. Potremmo dire che utilizzare un Mac senza antivirus è un rischio calcolato.

Tuttavia, ci sono delle eccezioni. Per un’azienda che ha adottato un certo numero di Mac per i propri dipendenti, o che ha una rete aziendale a cui si connettono Mac e PC Windows, è importante mantenere un alto livello protezione. Se si ha molto da perdere, l’acquisto di un antivirus è un piccolo prezzo da pagare.

Anche un singolo utente può diventare un bersaglio interessante per gli hacker, nel caso, per esempio, che abbia accesso a dati sensibili o di alto valore.

Se scegliete di acquistare un antivirus per sistemi Mac, vi consigliamo di consultare la lista dei migliori prodotti stilata da Macworld. La lista è costantemente aggiornata e comprende anche software gratuiti. In questo momento, al primo posto c’è BitDefender Antivirus e al secondo Norton Antivirus.

 

AUTOREMatt Egan
FONTEPC Advisor
CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.
WHITEPAPER GRATUITI