Caratteristiche e prezzi dei nuovi MacBook 2016 di Apple

Apple ha comunicato oggi le caratteristiche e i prezzi della nuova versione MacBook 2016, il più piccolo e leggero notebook con schermo Retina. Le novità sono poco appariscenti, a parte la nuova colorazione “oro rosa” della scocca unibody, che si aggiunge alle opzioni oro, argento e grigio siderale.

I quattro colori in cui è disponibile il MacBook a confronto.
I quattro colori in cui è disponibile il MacBook a confronto.

I miglioramenti stanno infatti tutti sotto il cofano: nuova opzione per processore Core m dual-core di sesta generazione con frequenza di 1,3 GHz (che arrivano a 3,1 GHz con Turbo Boost), memoria più veloce (1.866 MHz), disco a stato solido flash con connessione PCIe e chipset grafico Intel HD Graphics 515, con prestazioni dichiarate fino al 25% superiori rispetto alla generazione precedente.

Nel MacBook, la tastiera occupa praticamente tutto lo spazio disponibile. Unico neo: il tasto per le frecce in alto e in basso è unico, diviso in due segmenti.
Nel MacBook, la tastiera occupa praticamente tutto lo spazio disponibile. Unico neo: il tasto per le frecce in alto e in basso è unico, diviso in due segmenti.

Rimangono inalterati display, trackpad Force Touch e USB-C come unica porta di connessione (noi avevamo auspicato l’introduzione di Thunderbolt 3 nel nostro articolo di qualche tempo fa con le sei cose che avremmo voluto vedere sui nuovi MacBook).

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication.     SCOPRI DI PIÙ >>

Malgrado l’aumento di prestazioni, Apple dichiara che il piccolino di casa ha ora fino a un’ora in più di autonomia rispetto a prima, dato questo fondamentale per un prodotto ultra mobile come questo. Per Apple, il MacBook assicura fino a 10 ore di navigazione internet via Wi-Fi e fino a 11 ore di riproduzione di video con iTunes.

11 ore di autonomia (dichiarate, ma Apple non "bara" più di tanto) sono davvero tante per un notebook così sottile.
11 ore di autonomia (dichiarate, ma Apple non “bara” più di tanto) sono davvero tante per un notebook così sottile.

Il nuovo MacBook è disponibile immediatamente online su Apple.com, mentre da domani arriverà negli Apple Store e nei rivenditori autorizzati.

Leggi anche: Apple compie 40 anni, e mostra i segni di una crisi di mezza età

I prezzi dei MacBook 2016 sono i seguenti:

Apple MacBook Intel Core m3 dual-core a 1,1 GHz (Turbo Boost fino a 2,2 GHz)
Memoria: 8 GB
Disco: unità flash da 256 GB
Prezzo:  € 1.499

Apple MacBook Intel Core m5 dual-core a 1,2 GHz (Turbo Boost fino a 2,7 GHz)
Memoria: 8 GB
Disco: unità flash da 512 GB
Prezzo:  € 1.829

Al momento dell’ordine è possibile scegliere come opzione il processore Intel Core m7 dual-core a 1,3 GHz (Turbo Boost fino a 3,1 GHz), al costo di 300 euro se si parte dalla versione Core m3/256 GB, e di 180 euro se si parte invece da Core m5/512 GB.

Da oggi, inoltre, per tutti i modelli di MacBook Air da 13” la memoria standard è di 8 GB.

mac/caratteristiche-e-prezzi-dei-nuovi-macbook-2016-di-apple-88802" >

Andrea Grassi
Editor di Computerworld e CIO Italia Giornalista professionista, ma con una formazione tecnico-scientifica, dal 1995 ha lavorato per alcune delle più importanti testate di informatica in Italia. È stato redattore di .Net Internet Magazine, il Mio Computer e MacFormat, responsabile di redazione di Computer Magazine, PC Magazine, Hacker Jorunal, Total Computer e del portale CHIP Download. Come publisher ha curato l’edizione italiana di CHIP, PC World, Macworld e ha ideato e lanciato le riviste mensili iPad Magazine e Android Magazine. È autore dei libri Windows XP per tutti e Mac OS Tiger pubblicati da McGraw-Hill e ha tradotto svariati altri manuali di programmazione, cybersecurity e per software professionali. Dal 2015 cura per Fiera Milano Media le testate Computerworld e CIO Italia dell’editore americano IDG. Ha seguito in particolar modo l’evoluzione di Internet, dagli albori della sua diffusione di massa, analizzandone gli aspetti tecnici, economici e culturali, i software di produttività, le piattaforme web e social, la sicurezza informatica e il cybercrime. Più di recente, segue le tematiche relative alla trasformazione digitale del business e sta osservando come l’intelligenza artificiale stia spingendo ogni giorno più in là il confine della tecnologia. Puoi contattarlo via email scrivendo ad andrea.grassi@cwi.it e seguirlo su Twitter (@andreagrassi) o Linkedin.