Apple conferma che il lavoro ibrido resterà anche dopo la pandemia

lavoro ibrido

Il CEO di Apple Tim Cook ritiene che molti dei clienti aziendali della sua azienda continueranno a supportare la forza lavoro ibrida anche dopo la fine della pandemia. I commenti di Cook sono arrivati mentre discuteva dei risultati record del secondo trimestre 2021 della sua azienda. “Sembra che molte aziende opereranno in un tipo di modalità ibrida”, ha detto Cook riguardo alle vendite record di Mac e iPad. “Penso che il lavoro da casa e la produttività del lavoro da casa rimarranno aspetti critici anche in futuro”.

Apple ha condiviso alcuni dati che possono aiutare a capire come la pandemia abbia spinto le vendite hardware per supportare il lavoro da casa, con numeri record in ogni categoria di prodotto e area geografica. “Circa due terzi delle persone che acquistano Mac o iPad lo fanno per la prima volta in alcune regioni”, ha affermato Cook.

Citando i vincoli di fornitura intersettoriali di alcuni componenti dovuti alla crisi dei chip, Cook ha anche avvertito: “Aspettatevi di essere limitati dalla fornitura, non dalla domanda quando si tratta di vendite di Mac e iPad per il resto dell’anno”.

Webinar Cloud Ibrido Azure Stack HCI

Webinar 23/06: accendi il potere dell'ibrido

Scopri come con Fujitsu PRIMEFLEX per Microsoft Azure HCI puoi creare facilmente un cloud ibrido su infrastruttura iperconvergente, gestibile con gli strumenti di amministrazione di Windows REGISTRATI ORA >>

Come è consuetudine durante la presentazione dei risultati fiscali, Luca Maestri, CFO di Apple, ha menzionato diverse importanti implementazioni di prodotti Apple emerse durante il trimestre appena trascorso. “Nel mercato enterprise, i clienti di molti settori stanno accelerando l’adozione di iPhone 12 e 5G come piattaforma chiave per il futuro della loro attività”, ha affermato Maestri. Ecco qualche esempio:

  • Delta Airlines: come annunciato nei giorni scorsi, Delta sta regalando decine di migliaia di iPhone 12 agli assistenti di volo. Questi verranno utilizzati per migliorare i servizi ai passeggeri in numerosi modi, compreso un uso interessante della realtà aumentata
  • Il provider britannico Openreach, che sta fornendo decine di migliaia di iPhone 12 ai tecnici dell’assistenza sul campo per accelerare l’implementazione della banda larga
  • UC Health in Colorado, che ha ridotto il tempo di vaccinazione dei pazienti da 3 minuti a 30 secondi migrando dai PC agli iPhone.

 

L’opportunità “work from home” di Apple

Se si parla di implementazione a livello enterprise, Apple continuerà probabilmente a trarre vantaggio dalla tendenza del lavoro da casa. L’analista di Loup Ventures Gene Munster afferma infatti che Apple beneficerà di un ciclo 5G pluriennale, di un’accelerazione della trasformazione digitale che guida la domanda per i suoi prodotti e servizi e di eventuali nuove categorie di prodotti.

“La domanda sembra molto forte in questo momento”, ha detto Cook. “Sul versante Mac abbiamo la combinazione di M1 e lavoro da casa e apprendimento remoto e lo stesso vale per l’iPad”. 

L’osservazione di Cook secondo cui sia i Mac che gli iPad traggono vantaggio dall’adozione globale di modelli di lavoro ibridi sembra particolarmente appropriata data la recente introduzione dell’iPad Pro alimentato da M1. Con lo stesso processore nei Mac e negli iPad, gli osservatori del settore si aspettano che Apple apporti alcuni grandi cambiamenti all’interfaccia utente dell’iPad, in modo che gli utenti possano sfruttare correttamente tutta questa potenza assicurata dal SoC M1.

La consapevolezza di Cook dell’importanza di entrambi i prodotti in questo contesto storico suggerisce una più ampia comprensione in Apple dell’importanza di entrambe le famiglie di prodotti per le esigenze dei professionisti aziendali. Quello che non sappiamo è se ciò, per i nuovi iPad Pro, si estenderà a ulteriori evoluzioni nel multitasking o porterà al supporto per app professionali come Final Cut Pro, Xcode o Logic X.

Intanto resta il macro-trend. Secondo un recente report di Microsoft, oltre il 70% dei dipendenti desidera continuare a lavorare da remoto anche dopo la pandemia. C’è anche un grande supporto per i modelli di lavoro ibridi. Scrivendo su LinkedIn, il CEO di HSBC Noel Quinn ha affermato che una volta terminata la pandemia vuole tornare a lavorare con i colleghi in un ambiente di ufficio open space, ma intende anche “passare a un modello ibrido”.

General Motors, MUFG e altre grandi compagnie stanno ridimensionando gli investimenti immobiliari a favore di modelli di lavoro ibridi. Questo cambiamento è visibile nella maggior parte delle nazioni; anche la Banca Centrale Europea ha annunciato piani per il lavoro ibrido.

Apple ha chiaramente beneficiato di questa tendenza, il che significa che gli usi personali e professionali dei dispositivi stanno diventando ancora più strettamente combinati, dal momento che nella maggior parte dei casi entrambi avvengono sullo stesso dispositivo.

Mi aspetto che Apple faccia ulteriore luce su questa trasformazione all’imminente WWDC 2021, quando scopriremo in che misura le prossime iterazioni dei sistemi operativi dell’azienda sapranno riflettere questo profondo cambiamento sociale. Forse il puntatore dell’iPad diventerà un cursore simile a quello di un Mac se si utilizza un mouse esterno, o forse Apple ha in mente cambiamenti più profondi per aumentare la collaborazione e la comunicazione. Non ci resta che attendere.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

AUTOREJonny Evans
FONTEComputerworld.com
Jonny Evans
Collaboratore di Computerworld.com Jonny è un freelance che scrive di tecnologia dal 1999, in particolare riguardo a Apple e la digital transformation. Cura su Computerworld.com il blog Apple Holic, con post a volte interessanti e a volte provocatori su tutto quel che succede a Cupertino. Le traduzioni dei suoi articoli appaiono su Computerworld in virtù dell'accordo di licenza con l'editore americano IDG Communications. Lo potete trovare su Twitter come @jonnyevans_cw