Dopo le recenti aperture a Francoforte, Querétaro, in Messico, e Tokyo, IBM ha annunciato che continuerà ad espandere la capacità di calcolo di SoftLayer aprendo altri nuovi data center cloud a Sydney e a Montreal, che dovrebbero essere operativi entro la fine di marzo. Salgono così a cinque i data center cloud SoftLayer inaugurati da IBM in meno di quattro mesi.

Dopo l’iniziale investimento da 1,2 miliardi di dollari nei servizi cloud annunciato da IBM nel 2014, i nuovi centri in Canada e in Australia sono i secondi di questo tipo a essere inaugurati nei rispettivi Paesi, offrendo ai clienti la possibilità di contare sulla ridondanza dei dati a livello nazionale. IBM però non si ferma qui visto che si è impegnata ad aprire centri cloud anche a Milano e a Chennai, in India, prima della fine dell’anno e ad annunciare nuove sedi nei prossimi mesi. I centri di imminente apertura offrono ai clienti del cloud IBM ancora più sedi e opzioni tra cui scegliere per creare il cloud pubblico, privato o ibrido che più si adatta alle loro esigenze.

Segno inequivocabile che i data center SoftLayer stanno incontrando molto successo, come dimostrano chiaramente anche le dichiarazioni di Jim Comfort, general manager di IBM Cloud Services: “Stiamo rispondendo alla vasta domanda di servizi SoftLayer che le imprese di tutto il mondo stanno richiedendo. Con ogni nuovo data center non solo aggiungiamo ulteriore capacità di calcolo, ma aiutiamo anche i clienti a risolvere i problemi di residenza dei dati, ad affrontare i controlli di sicurezza e di audit, a gestire ed espandere applicazioni per i Big Data su server fisici e molto altro ancora. Permettiamo alle imprese di passare al cloud con la velocità e le caratteristiche che più si addicono alle loro esigenze”.

L’espansione dei centri cloud di IBM rafforza ed estende la rete di SoftLayer, riduce la latenza, fornisce sedi geograficamente eterogenee per il backup dei dati e aiuta i clienti a conformarsi alle normative sulla sovranità dei dati in molti Paesi. La capacità complessiva dei centri cloud di SoftLayer è cresciuta del 100% da quando IBM ha acquisito la società nel 2013.