greenpeace-2016

Greenpeace ha pubblicato le sue pagelle sull’uso di energie rinnovabili da parte delle aziende su Internet. Apple, Google e Facebook continuano a ottenere il massimo dei voti, mentre Amazon Web Services è stato penalizzato con voti scarsi. Nel complesso, Greenpeace applaude l’impegno del settore della tecnologia: dei 3,2 gigawatt di energia da fonti rinnovabili acquistati nel 2015, più di due terzi è stato acquistato da società che operano in Internet.

Nella classifica 2016 stilata da Greenpeace si distinguono Apple, Google e Facebook, da anni impegnati nell’impiego di energie pulite, e compare per la prima volta Switch, data center e provider di Las Vegas-.

Greenpeace richiama invece AWS per un maggiore impegno. “AWS ha fatto passi importanti negli ultimi anni, ma non ha fatto abbastanza”, dichiara il gruppo ambientalista nel suo report. “Data la sua continua mancanza di trasparenza e la rapida crescita in Virginia e in altri mercati in gran parte serviti da energia non pulita, non è chiaro se il cloud di AWS sia alimentato da fonti rinnovabile”. Greenpeace sottolinea che AWS e i fornitori asiatici di data center Tencent, LG CNS e Baidu sono ognuno leader nei rispettivi mercati, il che “rende la loro mancanza di una maggiore trasparenza ancora più eclatante”.

AWS, da parte sua, si è impegnata a utilizzare al 100% energie da fonti rinnovabili, e recentemente ha dichiarato che punta a essere a metà strada verso l’obiettivo entro la fine di quest’anno. “AWS ha attivato 10 progetti di energia rinnovabile negli Stati Uniti, grazie ai quali distribuisce annualmente un totale di 2,6 milioni di MWh di energia sulla rete elettrica che alimenta i data center AWS”, ha dichiarato un portavoce di AWS. “Detto ciò, non siamo fermi. Continueremo a fare progressi verso il nostro obiettivo del 100 per cento e abbiamo in programma molte iniziative interessanti”.

AWS ha ottenuto“C” come voto complessivo, “F” per la trasparenza e “C” per l’efficienza energetica e la mitigazione e l’approvvigionamento da fonti rinnovabili.

Google ha ricevuto “A” come voto complessivo, “B” in trasparenza e “A” per la mitigazione e l’approvvigionamento da fonti rinnovabili; Microsoft ha ottenuto “B” come voto complessivo, “B”per la mitigazione e l’approvvigionamento.

Mentre alcuni fornitori di cloud IaaS sostengono che il passaggio all’utilizzo di risorse cloud pubbliche è un bene per l’ambiente – perché consolida i carichi di lavoro sui fornitori che hanno una migliore opportunità di utilizzare energia verde – Greenpeace solleva questioni su questa affermazione. “La transizione verso il cloud potrebbe infatti aumentare la domanda di carbone e di altri combustibili fossili, nonostante significativi aumenti di efficienza energetica e l’adozione di un impegno al 100% di energie rinnovabili”.

I fornitori di tecnologia hanno l’opportunità di andare verso un futuro di energia verde: Greenpeace stima che il settore IT consumi più energia di Russia, Giappone e India; solo gli Stati Uniti e la Cina consumano più energia rispetto al settore IT nel suo complesso.

AUTOREBrandon Butler
FONTENetwork World
CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.
WHITEPAPER GRATUITI
  • Computerworld Speciale Industria 4.0
    white paper
    Computerworld Italia – Speciale Industria 4.0
    Un PDF da scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet e avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulla trasformazione in atto nel settore manifatturiero, da più parti definita "quarta rivoluzione industriale".
  • white paper
    Computerworld Italia – Speciale GDPR
    Un PDF da sfogliare online o scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet, per avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti su come le aziende devono affrontare l'arrivo del GDPR.
  • white paper
    Computerworld Italia – Speciale Data Center
    Un PDF da sfogliare o scaricare su pc o tablet per avere sotto mano le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulle principali tendenze dei Data Center: integrazione con il Cloud, approccio software-defined, ottimizzazione delle prestazioni energetiche e molto altro