Tranquility Base: un datacenter multi-cloud open source con funzionalità DaC

Tranquility Base di GFT è un’iniziativa open source ‘vendor agnostic’ che offre un datacenter multi-cloud completo scritto in codice.

data center

Durante l’evento GoogleNext di Londra tenutosi nei giorni scorsi, GFT ha presentato Tranquility Base, iniziativa open source ‘vendor agnostic’ che offre un datacenter multi-cloud completo scritto in codice (Datacenter as Code, o DaC). DaC automatizza completamente, fornendole attraverso un portale self-service ricco di funzionalità, le numerose e intensive attività d’installazione manuale di applicazioni e infrastrutture. Attivatori approvati e conformi alle normative, basati su architetture di riferimento per applicazioni DevOps-ready, possono essere rilasciati dal portale di sviluppo, spesso con un solo click.

adv
Investimenti Oracle NetSuite

Prendere decisioni strategiche informate grazie a Business Intelligence e Analytics

Una piattaforma di BI e Analytics deve offrire ai decision maker tutti gli strumenti necessari per migliorare l'efficienza e individuare nuove opportunità prima della concorrenza. Presentiamo una serie di preziose risorse e ricerche in Pdf per approfondire questo argomento da un punto di vista tecnico e strategico. SCARICA LE GUIDE >>

Tranquility Base fornisce agli utenti la possibilità di rilasciare tutta l’infrastruttura e le applicazioni come moduli codificati integrati scritti in Terraform. Offre inoltre funzionalità di rilascio cloud facili da usare e veloci e, supportando tutti i principali cloud service provider (CSP), consente la piena conformità, coerenza e replicabilità all’interno di un’organizzazione.

cloud ibrido

Dopotutto la migrazione cloud è difficile e la maggior parte delle aziende non dispone delle risorse qualificate, dei controlli necessari e dei modelli operativi richiesti per creare un ambiente cloud gestito in maniera sicura. I team di sviluppo hanno anche difficoltà ad accedere alle best practice delle strategie di rilascio, in particolare per quanto riguarda continuous delivery e deployment. Tranquillity Base punta a trovare una soluzione comune per tutti questi problemi critici.

A GoogleNext il team di GFT ha dimostrato come gli attivatori possano essere utilizzati per costruire una specifica architettura di riferimento su GCP (Google Cloud Platform), supportando numerose applicazioni e workload in modo da abilitare l’adozione cloud ‘first time right’ in modo molto veloce.

“Collaborando con gli autori, gli architetti e gli ingegneri di Tranquility Base, gli utenti possono creare molto rapidamente zone di atterraggio su misura e rilasciare attivatori in linea con le esigenze e le priorità della propria organizzazione. La comunità dei contributori sta già guadagnando spazio con le principali banche e aziende automobilistiche, già a bordo o desiderose di essere coinvolte. L’open source community Tranquility Base è sulla buona strada per diventare una forza indipendente positiva per il cambiamento, consentendo a tutti i partecipanti di apprendere, sviluppare e contribuire al codice, tutti con uno scopo comune” ha dichiarato Andrew Rossiter, Tranquility Base Lead.