Pregis sceglie l’iperconvergenza di Nutanix per un business non-stop

L’azienda italiana Pregis ha scelto l’infrastruttura iperconvergente di Nutanix per garantire continuità al business e servire al meglio i suoi 18.000 clienti.

Pregis

Pregis, leader da 60 anni nel settore del Food Service, ha scelto l’infrastruttura iperconvergente di Nutanix per garantire continuità al business e servire al meglio i suoi 18.000 clienti. Nata come piccolo negozio di alimentari a Riva del Garda nel 1960 per mano di Emilio Gentilini, Pregis si è trasformata prima in fornitore di gran parte degli alberghi del Lago di Garda per poi ampliarsi fino ad avere oggi 7 filiali logistiche e 9 “transit point”, che fanno muovere 10 autoarticolati e 250 automezzi a tre temperature. La forza vendita è organizzata in 26 aree territoriali, con 260 agenti distribuiti a livello nazionale. Nel 2019, la società ha superato i 240 milioni di euro di fatturato.

“Performance e resilienza delle informazioni costituiscono il binomio che ci permette di competere con tutti gli altri grossi player internazionali e non” spiega Moreno Gisaldi, Director of IT di Pregis. “Un fermo dei sistemi significa contare il mancato fatturato: non ce lo possiamo permettere. Chiudiamo la raccolta ordini alle 20, e alle 4 del mattino dopo partono i camion. Questo non è un gioco per tutti. Per garantire certi tempi di consegna, abbiamo sempre cercato di mantenere aggiornata l’infrastruttura, ma spesso era meno impattante effettuare un intero ‘change’ hardware che rivederne alcune parti”.

Per quanto riguarda la parte applicativa, l’elemento più critico da considerare è stata la parte SAP, per la quale le vecchie SAN rappresentavano dei colli di bottiglia, soprattutto in fase di scrittura. Per rispondere a queste esigenze, Pregis ha scelto Nutanix implementando un’infrastruttura “cloud-first” e scalabile in grado di crescere di pari passo con il business e di garantire continuità nel servizio.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Inizialmente sono stati attivati due cluster “stretched” da tre nodi ciascuno sui due siti del campus, per garantire la business continuity. Successivamente l’implementazione si è arricchita di un terzo cluster per attivare il sito di disaster recovery, posizionato a circa 130 km di distanza. Infine, Pregis ha deciso di aggiungere un nuovo host a ogni cluster.

Tra i numerosi vantaggi derivanti dall’implementazione, uno in particolare, forse il più inaspettato, ha dato una svolta al team IT di Pregis: la semplicità di gestione. “La facilità che abbiamo riscontrato ci permette di essere rapidi sia nel controllo che nelle modifiche dell’infrastruttura,” sostiene Gisaldi. “Oggi bastano un paio di minuti per analizzarne il buon funzionamento e verificare lo stato dei processi di protezione dei dati e le performance dei nostri carichi di lavoro. E sul fronte degli aggiornamenti, che per motivi di sicurezza sono sempre più frequenti, posso dire di aver azzerato gli interventi tecnici notturni e festivi, di aver semplificato drasticamente un eventuale ripristino del dato e di non avere utenti scontenti delle performance dei nostri sistemi.”

Grazie ai risultati raggiunti e all’ottima partnership instaurata, Pregis ha già pianificato il passaggio all’hypervisor Nutanix AHV entro l’anno. “Oltre a questo, stiamo attivando sempre più servizi SaaS su cloud privati e su public-cloud, che vorremmo orchestrare in modo più semplificato e lineare possibile. E poi, una volta implementato AHV, potremo valutare l’utilizzo di Nutanix Flow per la micro-segmentazione, rafforzando così la sicurezza delle VM all’interno del cluster”, ha concluso Gisaldi.