Infrastrutture digitali nel 2021 e oltre tra 5G e data center

Equinix propone un approfondimento su quelle che saranno le principali tendenze in materia di infrastrutture digitali per il prossimo anno e oltre, con un focus su 5G e data center.

infrastrutture digitali

Predire le tendenze tecnologiche è un compito impegnativo, tanto più se si considera che il mondo è stato sconvolto da cambiamenti imprevisti. Nel 2020, un anno tutt’altro che tipico, le circostanze hanno accelerato la trasformazione digitale in pochi mesi, portando un impatto profondo e duraturo sul nostro modo di vivere e lavorare. Il COVID-19 ha accelerato l’adozione del digitale in ogni azienda e in ogni settore. Ha anche evidenziato il ruolo critico che le infrastrutture e le tecnologie digitali svolgono per il successo del business.

Justin Dustzadeh, Chief Technology Officer di Equinix, propone un approfondimento su quelle che saranno le principali tendenze in materia di infrastrutture digitali per il prossimo anno e oltre.

L’importanza del 5G

Il 5G rappresenta un importante punto di inflessione tecnologica. Prevediamo che, nel corso degli anni, il 5G diventerà per il wireless ciò che la banda larga è stata per il wireline. Nel 2021, osserveremo un continuo slancio nelle implementazioni edge-first e un’ondata di innovazioni tecnologiche in tutto lo stack di infrastrutture per affrontare la crescente complessità di scalare e orchestrare in modo affidabile le infrastrutture distribuite all’edge.

adv

Il 2021 sarà l’anno in cui le imprese considereranno il 5G nella pianificazione della realizzazione della loro infrastruttura. Le capacità ad alte prestazioni del 5G richiedono un’infrastruttura fisica che si estenda in modo ottimale verso l’edge. Posizionando le applicazioni e gli ambienti IT “fissi” in prossimità dell’accesso al 5G e delle funzioni principali in data center adiacenti al cloudle aziende possono sfruttare i vantaggi di questa potente tecnologia inedita.

La combinazione della nuova infrastruttura digitale e dei data center macro-edge esistenti formerà un potente modello architettonico caratterizzato da enormi quantità di dati e risorse di calcolo distribuite disponibili a latenze inferiori. Ciò consente nuovi paradigmi computazionali per nuovi casi d’uso che in precedenza non potevano trarre vantaggio da tali progressi.

Come tecnologia di rete di accesso, il 5G fornirà una copertura più ampia, una maggiore affidabilità, una più grande larghezza di banda e una migliore sicurezza. Offrirà anche un’esperienza sempre attiva e onnipresente, con miglioramenti significativi in termini di capacità e prestazioni, tra cui una velocità di trasmissione dati 100 volte superiore (multi-Gbps), una latenza di rete di accesso radio molto bassa (fino a 1 ms) e un’elevata densità di dispositivi. Tali capacità apriranno nuove opportunità e nuove possibilità per la robotica, i droni, i veicoli autonomi, la telemedicina e l’internet tattile, per citare solo alcuni campi di applicazione.

Realizzare il potenziale e le promesse del 5G non sarà però facile. In un contesto di crescente slancio globale in favore del 5G, il successo dipenderà sempre più dalla creazione di un ricco ecosistema digitale di produttori e consumatori, così come dall’ottimizzazione della funzione multivariabile del substrato infrastrutturale sottostante, inclusi lo spettro, la rete di accesso radio, i data center all’edge, le reti di trasporto, l’hardware e l’interconnessione.

Una funzionalità 5G particolarmente interessante è il network slicing, che permette agli architetti di creare e gestire l’interconnessione tra vari componenti sulla stessa rete fisica per requisiti specifici come la latenza, il throughput o la sicurezza. Le applicazioni abilitate al 5G dovranno interconnettersi a risorse che abbracciano internet, cloud pubblici o privati, e calcolare i carichi di lavoro all’edge, preferibilmente collocate in prossimità della funzione di piano utente (UPF).

I casi d’uso avanzati 5G richiederanno un cambiamento fondamentale nell’infrastruttura sottostante prima di poter scalare. Per Equinix, rendere il 5G una realtà inizia con lo sfruttamento della presenza e delle capacità dell’infrastruttura esistente, identificando e pianificando al contempo i casi d’uso futuri che possono beneficiare in modo significativo della potenziale espansione di implementazioni di infrastrutture fisiche neutre e multi-tenant più lontane all’edge. Siamo del parere che il data center e l’infrastruttura fisica per il 5G debbano essere moderni, scalabili, flessibili, interconnessi, neutri e multi-tenant.

I data center diventeranno “grid-positive”

Con l’aggravarsi della crisi climatica globale, le organizzazioni leader stanno rivedendo gli obiettivi di sostenibilità aziendale, passando da un approccio volto semplicemente a evitare un impatto negativo a un metodo volto alla creazione di un cambiamento positivo. Le aziende, perlomeno, stanno elaborando strategie in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi e riconoscono l’urgente necessità di decarbonizzare le economie globali.

5g

IDC prevede che “entro il 2025, il 90% delle aziende del G2000 imporrà l’impiego di materiali riutilizzabili nelle catene di fornitura di hardware IT, obiettivi di neutralità del carbonio per le strutture dei provider e un minor consumo di energia come prerequisiti della propria attività”.

Ad oggi, molte società di data center gestiscono il loro consumo energetico e le corrispondenti emissioni di carbonio attraverso innovazioni progettuali e misure di efficienza energetica. Diversi operatori hanno fatto un passo avanti impegnandosi a utilizzare il 100% di energia rinnovabile e a garantire la neutralità delle emissioni di carbonio, mentre alcuni si sono allineati al Green Deal dell’Unione Europea (UE) che richiede la completa neutralità delle emissioni di carbonio nei data center entro il 2030. Nel 2021, l’economia digitale dovrebbe continuare a espandersi e ad accelerare, ponendo i data center in una posizione chiave, consci della responsabilità di ottenere un impatto ambientale positivo.

Ci sono diversi modi in cui i data center possono avere un impatto positivo sull’ambiente. Dalle opportunità indirette di influenzare lo sviluppo di piattaforme di hosting in grado di combinare con precisione previsioni meteorologiche, modelli di utilizzo e domanda (e capacità come la riduzione del carico), ad azioni specifiche che includono lo sfruttamento di grandi soluzioni di immagazzinamento dell’energia in loco (che forniscono fonti di energia flessibili e istantanee), o anche l’utilizzo dell’energia di scarto sotto forma di calore per spostare la domanda locale di energia.

Il passaggio dalla neutralità all’impatto positivo vedrà la necessità di sviluppare un approccio basato sulla tecnologia. Richiederà anche la costruzione di ecosistemi – sia globali che locali – di parti altamente interessate. A lungo termine, la convergenza di questa tendenza e l’emergere di applicazioni di prossima generazione che richiedono latenze di andata e ritorno ultra-basse, comporterà un cambiamento nella localizzazione dei data center. I data center di prossima generazione saranno decentralizzati e integrati nelle comunità, fungendo da ecosistemi resilienti per il calcolo, la connettività, l’energia e il calore.

Con una maggiore attenzione alla sostenibilità, si assisterà a un mutamento verso standard di infrastrutture di data center aperti, dalla progettazione e dal funzionamento alla gestione dell’energia, fino alle celle a combustibile e al raffreddamento di futura generazione. Questa tendenza produrrà un acceleramento dell’innovazione dei data center e giocherà un ruolo di primaria importanza rispetto alla positività della rete, riducendo così le notevoli barriere che i provider di apparecchiature devono superare mentre sviluppano piattaforme che servano le strutture dei data center mission-critical.

Una confluenza di fattori, tra cui il progresso delle tecnologie abilitanti, la crescente urgenza di risolvere il problema del cambiamento climatico, le sfide associate allo storage e alle nuove piattaforme che richiedono una latenza end-to-end sempre più bassa e la necessità di portare le risorse di calcolo e di rete più vicino all’edge daranno vita a una nuova generazione di progetti di data center “grid positive”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!