Scrivere su iPad: Daedalus Touch

Un'app per scrivere, ma anche per organizzare i documenti su tablet, con un'interfaccia originale che sfrutta lo spazio in verticale

Sviluppato da The Soulmen e proposto a 3,99 Euro, Daedalus Touch è un’app per iPad (e iPhone) organizzata intorno a “pile” di “fogli” da scorrere. Si passa dal contenuto al contenitore stringendo le dita, mentre la strada inversa va fatta con dei doppi tap.

adv
Investimenti Oracle NetSuite

Prendere decisioni strategiche informate grazie a Business Intelligence e Analytics

Una piattaforma di BI e Analytics deve offrire ai decision maker tutti gli strumenti necessari per migliorare l'efficienza e individuare nuove opportunità prima della concorrenza. Presentiamo una serie di preziose risorse e ricerche in Pdf per approfondire questo argomento da un punto di vista tecnico e strategico. SCARICA LE GUIDE >>

In alto sullo schermo abbiamo una barra con tasti funzione contestuali e un campo per effettuare ricerche, i cui risultati vengono evidenziati in giallo e possono essere visualizzati uno dopo l’altro mediante le frecce.

I fogli possono essere visualizzati a scelta in quattro gradevoli temi cromatici (due notturni e due diurni), e tre font in due grandezze diverse.

La tastiera di Daedalus Touch offre una riga aggiuntiva opzionale, da abilitare nelle impostazioni, che integra la tastiera di iOS.

La riga contiene un tasto tabulatore, parentesi e virgolette che si chiudono da sole (anche intorno a del testo selezionato) un trattino lungo, la barra, i due punti e un tasto per cancellare in avanti.

DaedalusTouch_01

Il conteggio di caratteri e parole dei singoli fogli è presente ed è mostrato in alto a destra.

Daedalus Touch supporta TextExpander, le pile e i fogli possono essere esportati come file di testo, PDF o anche ePub, anche utilizzando Markdown, e salvati nella “nuvola” con Dropbox.

L’app è interessante e originale, ma appare un po’ immatura, in particolare per l’interfaccia che è senza dubbio originale ma poco coerente e alla lunga può risultare un po’ macchinosa. A questo va aggiunta la stramba presenza di una finestra con un web browser interno al programma in cui l’utente si può mettere a navigare…