Il prossimo Apple Watch potrebbe integrare un modem LTE

Con un modem LTE lo smartwatch della Mela sarebbe indipendente dall’iphone e potrebbe conquistare anche gli utenti Android

apple watch watchos 3
Credit: Apple

Apple potrebbe avere un altro asso nella manica al suo evento annuale. Siamo tutti in attesa di un nuovo iPhone con un design rinnovato, ricarica wireless e funzionalità AR, ma sembra che Apple stia lavorando anche su un Apple Watch abilitato LTE, che sancirebbe definitivamente l’indipendenza dello smartwatch dall’iPhone.

Secondo un articolo di Mark Gurman pubblicato su Bloomberg, ci sono “almeno alcuni nuovi modelli di Apple Watch” dotati di chip LTE il cui rilascio è previsto per la fine di quest’anno. Questo permetterebbe agli utenti di ricevere notifiche e telefonate senza avere un iPhone nelle vicinanze, oltre a poter scaricare musica e utilizzare applicazioni di terze parti.

Nel report si legge che Intel fornirà i chip LTE per il nuovo smartwatch, in continuità con la strategia di Apple di ridurre la sua dipendenza da Qualcomm come fornitore primario di modem. Apple ha iniziato a utilizzare modem Intel in alcuni modelli di iPhone 7, e attualmente è impegnata in una controversa battaglia giudiziaria contro Qualcomm in materia di brevetti e royalties.

Bloomberg afferma che Apple ha già avviato trattative con i principali carrier statunitensi ed europei sui piani per vendere Apple Watch abilitati LTE.

Lo smartwatch di Apple è stato aggiornato lo scorso autunno con GPS e resistenza all’acqua, ma il design dell’Apple Watch non è cambiato sostanzialmente dal suo lancio nel settembre 2014. Presumibilmente l’aggiunta dell’LTE richiede una riprogettazione del case, ma Bloomberg non fa riferimento a un nuovo design.

Apple dovrebbe svelare il suo orologio Serie 3 a fianco dell’iPhone 8 al suo evento annuale il prossimo autunno. La società sta attualmente testando la quarta versione di watchOS, che comprende nuove funzioni di monitoraggio per il fitness e una rinnovata applicazione Music.

Uno dei maggiori inconvenienti dell’Apple Watch è la sua pesante dipendenza dall’iPhone. Uno smartwatch con chip LTE integrato, e supportato dai principali carrier, farebbe la differenza.

Un problema, però, potrebbe essere la durata della batteria. Gli smartwatch Android Wear abilitati LTE che abbiamo testato hanno una limitata durata della batteria, e Apple dovrebbe garantire che la batteria duri “tutto il giorno” per rendere utile l’LTE nell’Apple Watch. E poi c’è la questione del design. Ogni orologio LTE che abbiamo utilizzato ha un telaio molto grande, e se l’Apple Watch diventa troppo spesso o ingombrante non sarà attraente per gli utenti.

Resta il fatto che l’indipendenza dall’iPhone aprirebbe la strada a un’ampia gamma di usi per l’Apple Watch e probabilmente darebbe un’enorme spinta alle vendite (supponendo che non sia troppo costoso). Apple non ha divulgato i numeri reali della diffusione dell’Apple Watch, ma Tim Cook ha dichiarato che le vendite dello scorso trimestre sono aumentate del 50 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Se non dipende dall’iPhone, teoricamente Apple potrebbe vendere l’Apple Watch anche agli utenti Android, conquistando un nuovo pubblico.

 

AUTOREMichael Simon
FONTEMacworld
CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.