I microstock cercano la spontaneità nelle foto da smartphone

Cade un tabù del microstock: la collezione Instant di Fotolia è composta da immagini scattate attraverso un app dedicata per iPhone e Android

instant articles

Chi lavora in campo creativo conosce bene i servizi di microstock. Sono agenzie fotografiche che vendono a basso costo fotografie e immagini royalty-free da utilizzare per presentazioni e comunicazione aziendale, ma sempre più spesso impiegate anche in vere e proprie campagne pubblicitarie.

Dopo una fase inziale in cui per creare un catalogo hanno accettato immagini di (quasi) ogni qualità e provenienza, i principali servizi di microstock hanno cominciato a imporre ai fotografi che intendevano vendere le proprie opere delle limitazioni di qualità tecnica, tra cui risoluzione, esposizione e messa a fuoco. Tra le altre cose, molti richiedevano che la fotografia fosse stata scattata con una macchina fotografica Reflex o comunque di qualità professionale. Gli smartphone erano pressoché banditi.

Fotolia, uno dei più importanti servizi di microstock recentemente acquisita da Adobe, inverte la tendenza con l’introduzione di una collezione speciale composta unicamente da fotografie “istantanee” realizzate tassativamente con uno smartphone attraverso l’app dedicata Fotolia Instant per iPhone o Android.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

È evidente che qualcosa di importante sta cambiando nel mondo della fotografia, ma anche nel pubblico. Grazie ai social network siamo sempre più esposti a immagini scattate da amici e conoscenti che magari non hanno una qualità tecnica eccelsa, ma hanno spesso una caratteristica in comune: grazie al fatto che lo smartphone è sempre nelle nostre tasche, hanno saputo cogliere un attimo irripetibile e catturarlo in modo spontaneo e naturale.

È evidente che qualcosa di importante sta cambiando nel mondo della fotografia, ma anche nel pubblico.

Anche per questo, tra le raccomandazioni date ai fotografi, Fotolia consiglia di non ritoccare o alterare le immagini con filtri ed effetti speciali, tanto in voga per esempio su Instagram, per aumentare le possibilità di vendita.

L'app fotografica Fotolia Instant gestisce anche la raccolta di liberatorie dei soggetti rappresentati nell'immagine.
L’app fotografica Fotolia Instant gestisce anche la raccolta di liberatorie dei soggetti rappresentati nell’immagine.

Un altro aspetto interessante dell’app Fotolia Instant è che dispone di una funzione per gestire automaticamente la sottoscrizione di liberatorie (tutti i soggetti riconoscibili devono dare il loro consenso alla riproduzione e vendita della foto).

Va anche detto che la qualità dei sensori e delle ottiche utilizzati sugli smartphone, seppure ancor lontana da quella delle apparecchiature professionali, ha fatto negli ultimi anni balzi da gigante. Tanto che Apple ha creato sul suo sito una raccolta di fotografie di grande impatto e qualità complessiva realizzate da fotografi di tutto il mondo utilizzando solo un iPhone, e sta pure facendo una campagna di affissioni in grande formato utilizzando esclusivamente le foto della collezione.

Andrea Grassi
Editor di Computerworld e CIO Italia Giornalista professionista, ma con una formazione tecnico-scientifica, dal 1995 ha lavorato per alcune delle più importanti testate di informatica in Italia. È stato redattore di .Net Internet Magazine, il Mio Computer e MacFormat, responsabile di redazione di Computer Magazine, PC Magazine, Hacker Jorunal, Total Computer e del portale CHIP Download. Come publisher ha curato l’edizione italiana di CHIP, PC World, Macworld e ha ideato e lanciato le riviste mensili iPad Magazine e Android Magazine. È autore dei libri Windows XP per tutti e Mac OS Tiger pubblicati da McGraw-Hill e ha tradotto svariati altri manuali di programmazione, cybersecurity e per software professionali. Dal 2015 cura per Fiera Milano Media le testate Computerworld e CIO Italia dell’editore americano IDG. Ha seguito in particolar modo l’evoluzione di Internet, dagli albori della sua diffusione di massa, analizzandone gli aspetti tecnici, economici e culturali, i software di produttività, le piattaforme web e social, la sicurezza informatica e il cybercrime. Più di recente, segue le tematiche relative alla trasformazione digitale del business e sta osservando come l’intelligenza artificiale stia spingendo ogni giorno più in là il confine della tecnologia. Puoi contattarlo via email scrivendo ad andrea.grassi@cwi.it e seguirlo su Twitter (@andreagrassi) o Linkedin.