Se siete acquirenti online esperti e attenti, avrete sicuramente notato come molte recensioni online dei più disparati prodotti siano fasulle. Questi commenti possono infatti essere scritti direttamente dai produttori con valutazioni altissime, ma in caso contrario le recensioni online possono essere volutamente negative per danneggiare un’azienda rivale.

Amazon e Yelp, che ormai offrono milioni di recensioni e commenti, si sono finalmente stancate di queste pratiche scorrette e hanno denunciato formalmente sette diversi siti web che avrebbero venduto false recensioni di prodotti. Ma perché c’è voluto così tanto tempo prima di agire per vie legali? Entrambe le compagnie erano a conoscenza di questo problema già da tempo ed entrambe affermano di utilizzare specifici software per monitorare i rispettivi siti, ma quando si continuano a leggere certe recensioni si capisce quanto possano essere sfrontati questi “truffatori”.

Ecco cosa si può leggere in una denuncia depositata da Amazon nella contea di King County.

“Seppur presenti in piccola quantità, queste recensioni minacciano di pregiudicare la fiducia che i clienti e la grande maggioranza di venditori e produttori ripongono in Amazon, arrivando a infangarne il brand”.

Uno dei siti web citati nella denuncia di Amazon è Buy Amazon Reviews, che scrive e vende recensioni positive. Ecco come si presenta questo servizio nella descrizione riportata sul sito ufficiale.

“Siete stanchi di vedere trascurati i vostri prodotti? Siete stanchi dei vostri rivali che scrivono recensioni negative solo per danneggiarvi? La soluzione è semplice e si chiama Buy Amazon Reviews. Potete avere recensioni illimitate da 4 e 5 stelle. I nostri scrittori studiano attentamente il vostro prodotto, lo mettono a confronto con quelli dei vostri rivali e lasciano recensioni positive che vi aiuteranno a mergere e a vendere”.

Anche Yelp, spesso criticato proprio per l’elevato numero di recensioni false presenti sul suo sito, ha deciso di passare dalle parole ai fatti.

Amazon ha già degli strumenti per rilevare alcune recensioni fasulle, ma secondo quanto scritto nella denuncia Buy Amazon Reviews ha postato recensioni in modo da ostacolare e vanificare il software di controllo di Amazon, secondo la quale le recensioni fasulle di Buy Amazon Reviews costano circa 20 dollari ciascuna.

Il titolare di Buy Amazon Reviews nega però le accuse di Amazon e ha scritto un’email al The Seattle Times in cui afferma che il suo servizio non vende false recensioni, ma che offre soltanto recensioni imparziali e oneste su qualsiasi tipo di prodotto.

Anche Yelp, spesso criticato proprio per l’elevato numero di recensioni false presenti sul suo sito, ha deciso di passare dalle parole ai fatti. In una denuncia depositata a febbraio in California, Yelp ha accusato almeno tre siti web di vendere recensioni. Nella denuncia si legge che “uno di questi siti ha sviluppato un software che permette di generare proattivamente un gran numero di recensioni da 4 e 5 stelle”.

In entrambi i casi (Amazon e Yelp) è evidente come l’incremento di queste recensioni stia diventando un danno sempre più grande causato sia ai consumatori, che si fidano sempre meno dei giudizi e delle stellette, sia ai venditori, che rischiano di vedersi danneggiati da recensioni negative anche se queste sono del tutto inventate e non rispecchiano assolutamente la qualità dei prodotti recensiti.