La complessità è la più grande minaccia al successo e alla sicurezza del cloud

Proprio quando pensavamo che il cloud computing fosse uscito con successo dalla post-pandemia, ci troviamo ad affrontare la sfida più grande di sempre.

sicurezza del cloud

Nell’ultimo rapporto Agents of Transformation, Agents of Transformation 2021: The Rise of Full-Stack Observability, il 77% dei tecnici globali riferisce di aver riscontrato un livello di complessità più elevato a causa delle iniziative accelerate di cloud computing durante la pandemia. Un ulteriore 78% ha citato la necessità di gestire il patchwork della tecnologia legacy e cloud come ulteriore fonte di diffusione e complessità della tecnologia.

Cosa c’è dietro queste alte percentuali? Una tempesta perfetta di eventi che continua ad alimentare la rapida crescita della complessità. In primo luogo, c’è l’accelerazione dell’adozione del cloud e della rapida migrazione, inizialmente guidata dalla pandemia e ora dalla ripresa del business. Ciò ha portato a una mancanza di pianificazione e quindi alla selezione di troppa tecnologia per risolvere i problemi aziendali senza tenere conto di come tutto sarebbe stato reso operativo.

In secondo luogo, c’è la rapida crescita di nuovi tipi di cloud e di tecnologia connessa al cloud. Ora abbiamo bisogno di integrare piattaforme basate su cloud con tecnologie come edge computing, Internet of Things, analisi dati e insight aziendali basati sull’intelligenza artificiale e sistemi tradizionali esistenti che non possono essere abbandonati.

ADV
Webinar Kyocera Enterprise Document Management

Webinar il 22/9 - I documenti cartacei nell’era del lavoro ibrido e data-driven

Lavoro ibrodo e marketing digitale richiedono che le informazioni siano disponibili ovunque e integrate nei sistemi aziendali. Scopri le best practice per implementare un sistema di gestione documentale efficace per aziende di ogni dimensione. ISCRIVITI ORA >>

Le aziende si scontrano con il “muro della complessità” subito dopo l’implementazione del cloud, quando si rendono conto che il costo e la complessità dell’utilizzo di una soluzione cloud complicata e ampiamente distribuita superano i suoi vantaggi. Il numero di parti in movimento diventa rapidamente troppo eterogeneo e quindi troppo contorto. Diventa ovvio che le organizzazioni non possono mantenere le competenze per operare e mantenere queste piattaforme. Benvenuti nella complessità del cloud!

Molti nell’IT attribuiscono la complessità alla nuova gamma di scelte che gli sviluppatori hanno quando creano sistemi all’interno di implementazioni multicloud. Tuttavia, le imprese devono consentire alle persone innovative di costruire sistemi migliori al fine di costruire un business migliore. L’innovazione è un’opportunità troppo avvincente per rinunciarvi. Se ponete dei limiti su quali tecnologie possono essere impiegate solo per evitare la complessità operativa, è probabile che non siate all’altezza della situazione.

Anche la sicurezza diventa un problema. Gli esperti di sicurezza sanno da tempo che esistono più vulnerabilità all’interno di una soluzione tecnologica più complessa (più distribuita ed eterogenea fisicamente e logicamente). Ciò significa un rischio significativo di violazione o attacco ransomware che il personale deve in qualche modo affrontare.

Quindi, se la complessità è il risultato di innovazione e tecnologia in rapida evoluzione per supportare adeguatamente il business, come si fa a tenere il passo? Si tratta di lavorare in modo più intelligente con la tecnologia in grado di rimuovere il più possibile gli esseri umani dall’equazione. Chiaramente, l’IT si occupa già di più sistemi di quanti ne possa gestire e far funzionare efficacemente. La soluzione è l’astrazione. È necessario un pannello di controllo che si trovi di fronte a tutti i tipi di sistemi cloud e non cloud, utilizzando l’automazione e l’intelligenza artificiale per affrontare in modo proattivo la crescente complessità senza limitare l’innovazione o aggiungere rischi per la sicurezza.

Questi strumenti stanno arrivando o sono già arrivati e includono strumenti che supportano l’osservabilità, come AIops, nonché la gestione della sicurezza, il monitoraggio proattivo e l’orchestrazione tra sistemi, solo per citarne alcuni. Lo stack di strumenti necessario per affrontare la complessità sarà a sua volta complesso, almeno all’inizio. Non esiste una bacchetta magica. Non ancora, almeno. Inizialmente, sospetto che solo gli ingegneri cloudops esperti capiranno come utilizzare efficacemente questi strumenti.

Presto l’astrazione e l’automazione non saranno più un’opzione. È tempo di ricercare e utilizzare strumenti nuovi ed emergenti per affrontare la complessità del cloud della vostra azienda. Fatelo rapidamente o preparatevi a tempi ancora più difficili.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!