Serverless computing: cos’è e principi di base

Il serverless computing è un nuovo modello di programmazione sempre più attraente a livello di semplicità, rapidità e costi. Ecco perché.

Serverless computing

Il cloud, secondo un vecchio modo di dire, è solo il computer di qualcun altro. Tutto vero, con l’unica differenza che è un computer probabilmente meglio gestito, più spesso aggiornato e più sicuro del vostro, che non avete dovuto pagare, che potete affittare per quanto tempo volete e che offre servizi che consentono di lavorare a un livello molto più elevato rispetto ad accendere un server e installare software su di esso.

Potreste pensare al cloud come scalabilità e risparmio sui costi, ma ancor più importanti sono elementi che introduce: servizi di archiviazione e servizi di dati piuttosto che dischi rigidi, servizi applicativi piuttosto che macchine virtuali, reti controllate da software e non schede fisiche e cavi da collegare. Poiché il cloud è passato da IaaS a SaaS a PaaS, aggiungendo monitoraggio, analisi dei dati e machine learning, nonché sistemi di sviluppo e servizi applicativi, il livello di astrazione ha continuato a crescere.

Il serverless allontana le preoccupazioni per l’infrastruttura

Una soluzione IaaS allontana le preoccupazioni per un data center fisico, ma non elimina tutta l’infrastruttura. Come sottolinea il CTO di Microsoft Azure Mark Russinovich, “bisogna ancora scegliere il sistema operativo, distribuirlo, stabilizzare i server virtuali, configurare la rete nei server virtuali, scalare il server virtuale, capire come distribuire software nei server, aggiornare quel software, monitorarlo.…”.