Perché la conversazione sul cloud non riguarda il cloud

Perché, nonostante tutti gli evidenti vantaggi del cloud, solo un terzo delle aziende dell'UE lo ha scelto? Risponde Joe Baguley, VP e CTO EMEA di VMware.

cloud

In tutto il mondo il digitale sta diventando il carburante del successo per le aziende e le amministrazioni pubbliche. Le nostre vite lavorative e personali si sono trasformate. Dalle visite mediche di controllo, a come abbiamo collaborato con i colleghi e interagito con gli amici e la famiglia, alla scuola per i nostri figli, a come abbiamo fatto la spesa e utilizzato ristoranti take-away, all’intrattenimento con Netflix: tutto è dipeso dalla connettività e dalle applicazioni in una misura mai vista prima.

In breve, abbiamo fatto un passo da gigante verso un futuro digital-first, guidato dalle app, verso la capacità per le persone di essere in grado di accedere a qualsiasi app, in modo sicuro, su qualsiasi dispositivo che potrebbero voler utilizzare. Il ritmo di questo cambiamento non rallenterà. Le persone, e per estensione le aziende, hanno capito cosa è possibile. Quelli che pensano di poter togliere il piede dal pedale, che pensano di non aver bisogno di abilitare il lavoro remoto o le interazioni senza contatto, diventeranno rapidamente irrilevanti.

Ed è il cloud, che sia privato, pubblico, ibrido, Edge o anche una combinazione di tutti in un mondo multi-cloud, che contribuirà ad accelerare questo percorso, guidando il successo e la velocità di sviluppo e distribuzione di app. Eppure, nonostante tutti gli evidenti vantaggi del cloud, solo un terzo delle aziende dell’UE lo ha scelto. Perché? Ci sono una varietà di ragioni, dalla garanzia della sicurezza dei dati e l’indirizzamento della sovranità e dell’accessibilità dei dati, alla scelta del cloud, l’interoperabilità del cloud, la reversibilità, il lock in e la sicurezza.

ADV
Webinar IVA spese di viaggio

Resilienza del business: le priorità digitali delle medie imprese italiane nel 2021

Come si stanno muovendo i tuoi concorrenti per affrontare le sfide poste dai nuovi modelli organizzativi del lavoro? Questo white paper di IDC indica le priorità di spesa delle PMI su tre filoni: remote working, sicurezza e protezione dei dati. SCARICA IL WHITE PAPER >>

Allo stesso tempo, l’adozione del cloud è destinata a crescere in modo significativo.  Secondo Gartner, “la spesa mondiale degli utenti finali per i soli servizi di cloud pubblico è destinata a crescere del 18,4% nel 2021 per un totale di 304,9 miliardi di dollari, rispetto ai 257,5 miliardi del 2020”. In Italia, secondo il rapporto dell’Osservatorio Cloud Transformation (X edizione) promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano, il mercato del cloud nel 2020 ha raggiunto quota 3,34 miliardi. Quindi, il cloud, e attraverso di esso un mondo app-first, sta arrivando, che le aziende lo abbraccino o meno. Il messaggio è chiaro: le aziende che non vogliono essere lasciate indietro devono superare le loro paure e affrontare le loro preoccupazioni. La domanda è: come?

Il valore e la sfida dei dati

Per prima cosa, vale la pena tornare al carburante grezzo che sta alla base di tutto: i dati. Abbiamo tutti sentito parlare di come stiamo generando sempre più dati ogni giorno, di come i volumi di informazioni stiano crescendo esponenzialmente. Inoltre, le tecnologie che stanno aiutando a dare un significato ai volumi di dati che tutti noi produciamo (Big Data, machine learning, intelligenza artificialedevono essere tutte in grado di fare il loro lavoro su scala.

Il cloud è una parte fondamentale per estrarre il valore dei dati. Fornisce la scalabilità necessaria per trasformare i dati in intelligence e insight, ma, ancor più di questo, le decisioni sul tipo di cloud che le aziende utilizzano sono indissolubilmente legate ai tipi di dati che possiedono o utilizzano. “Penso che uno dei compiti più impegnativi di qualsiasi azienda che voglia passare al cloud sia proprio quello di avere una chiara comprensione dei vari tipi di dati di cui sono responsabili, e cosa vogliono fare con questi dati” suggerisce Sylvain Rouri, Chief Sales Officer di OVH.

App e cloud: costruire e distribuire

E cosa sta trasformando quei dati in qualcosa di tangibile? Le app, ovvero il DNA del vantaggio competitivo di un’organizzazione. Queste app devono essere disponibili al momento giusto, nel posto giusto, sui dispositivi giusti, completamente sicure e completamente accessibili. Ciò significa distribuirle su cloud che forniscano l’ambiente appropriato per le esigenze delle app, pur mantenendo la capacità di spostare le app quando cambiano i requisiti. Fondamentalmente, si tratta di capire le esigenze delle app e di scegliere il cloud che soddisfi tale richiesta.

Ma c’è di più nel rapporto tra app e cloud che distribuirli correttamente. “È tutta una questione di velocità: si tratta di quanto velocemente si può andare sul mercato” afferma Louise Ostrom, global lead presso l’Accenture VMware Business Group. Questo può essere realizzato internamente alle organizzazioni? Anche se teoricamente è possibile, la scalabilità, la velocità e le capacità richieste confonderebbero anche la più grande delle imprese. “Non si possono trovare o creare da soli gli strumenti e i servizi che si possono ottenere dal cloud”, continua la Ostrom.

Cosa sta bloccando le aziende?

Pur avendo stabilito che le app sono al centro del successo aziendale, e abilitate dal cloud, rimane la questione di cosa sta trattenendo le aziende. Salvatore Cassara, Chief Information Officer di SGB-SMIT, un produttore di trasformatori di potenza con sede in Germania e che serve clienti in più di 50 Paesi, afferma che una delle più grandi sfide che le aziende devono affrontare non riguarda solo la tecnologia, ma anche la presenza delle persone e dei processi giusti. Questo è “perché probabilmente la struttura del loro team non era quella giusta. Non è stata sviluppata abbastanza per portare la giusta conoscenza e l’attitudine a supportare il cloud”.

Passare al cloud non è semplicemente un caso di “‘lift and shift”. Storicamente, molto di ciò che abbiamo fatto nell’IT è stato quello di fare un replatform, ovvero passare dai mainframe ai mini-computer ai micro-processori alla virtualizzazione, spostando tutto. Quindi, non è sorprendente che molti abbiano assunto questo atteggiamento con il cloud, quando hanno bisogno di spostarsi dal data center on-premises, per esempio, a un cloud. Quando poi vengono colti di sorpresa dai costi, come per l’aumento del traffico di rete, si rendono conto che spostare tutto in cloud non è necessariamente la cosa giusta da fare.

Se i processi che Cassara ha menzionato non sono in atto e non ci sono le persone giuste, una migrazione non risolverà dei problemi di fondo, li sposterà solo nel cloud. “Spostare il problema da una piattaforma all’altra non è una risposta” afferma Gavin Joliffe, CEO della società indipendente di consulenza cloud e servizi gestiti Xtravirt.

C’è anche il problema che per la maggior parte delle aziende non ha la formula magica. Quando parliamo di cloud, in realtà stiamo parlando di un’intera gamma di attività, dal far girare applicazioni on-prem nel proprio data center, attraverso software-as-a-service, cloud pubblici, fino a cloud edge altamente distribuiti. Questa proliferazione porta con sé la complessità, tanto che secondo uno studio di VMware il 63% delle organizzazioni indica le incoerenze tra i cloud come una delle principali sfide del multi-cloud. Quindi, c’è un modo per superare le preoccupazioni relative all’avere i giusti processi e le competenze in atto, riguardo alla complessità?

Sì. È possibile attraverso una singola piattaforma ottimizzata per tutte le app, che può essere utilizzata in tutti i cloud, dal privato all’hyperscaler, con infrastrutture e operations coerenti, riducendo così la complessità, il rischio e il TCO. Le aziende hanno bisogno di un percorso veloce e semplice verso il cloud, e la flessibilità di scegliere qualsiasi cloud. Le organizzazioni possono abbinare le esigenze di ogni app al cloud ottimale, con la libertà di utilizzare i servizi cloud più potenti e la modernizzazione delle app. Ed essere in grado di fornire la migrazione al cloud come meglio credono, piuttosto che dover spostare tutto.

La conversazione sul cloud non riguarda il cloud

Tutto questo a cosa ci porta? Al fatto che è sbagliato vedere le cose o bianche o nere, uno o l’altro. La conversazione sul fatto che le aziende debbano essere nel cloud non dovrebbe riguardare il cloud computing, ma il business, concentrandosi su app e dati. Di quali applicazioni avremo bisogno in futuro? Di quali dati avremo bisogno in futuro? Dove devono essere questi dati? Dove devono essere elaborati? Dove devono essere letti i risultati? Scoprite qual è la roadmap per le vostre applicazioni e questo guiderà la scelta dei requisiti dei vostri ambienti e della vostra infrastruttura. Questo potrebbe, e in effetti nella maggior parte dei casi lo farà, spingervi verso il cloud, che a sua volta vi permetterà di assicurarvi di scegliere il cloud giusto e i servizi cloud giusti per supportare l’attività che state portando avanti.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!