Tutto quello che dovete sapere su Google Cloud Anthos

Google Cloud è l'ultimo fornitore di cloud pubblico a soddisfare i clienti che desiderano eseguire carichi di lavoro sia on premise che nel cloud, ma con Anthos consente anche di spostarsi tra i cloud rivali.

Google Cloud Anthos

Google Cloud ha annunciato la disponibilità generale di Anthos, nuova piattaforma che consente ai clienti di eseguire applicazioni on-premise, in Google Cloud e, in particolare, con altri importanti provider di cloud pubblici come Microsoft Azure e Amazon Web Services (AWS). Parlando ieri a Google Cloud Next a San Francisco, il CEO di Google Sundar Pichai ha specificato che Anthos dà la flessibilità di spostare le app in cloud quando si è pronti a farlo e consente di continuare a utilizzare le tecnologie che già utilizzate, migliorando al tempo stesso la sicurezza.

“Oggi la maggior parte dell’informatica aziendale mondiale si affida ancora a soluzioni on-premise e non è passata al cloud perché il percorso è complesso e scoraggiante, ricco di decisioni difficili. Come si collegano ad esempio architetture incompatibili durante la transizione? Come mantenere la flessibilità ed evitare il blocco?”.

Google Kubernetes Engine (GKE) rilasciato in precedenza e GKE On-Prem consentivano implementazioni ibride, ma i clienti continuavano a richiedere una piattaforma che rendesse semplice anche la copertura di più fornitori di cloud concorrenti.

Il nuovo CEO di Google Cloud, Thomas Kurian, ha dichiarato: “Anthos è nato dall’ascolto di clienti che volevano tre cose importanti dai loro fornitori di cloud. In primo luogo uno stack tecnologico da eseguire nel proprio data center accanto ai carichi di lavoro aziendali che non potevano ancora trasferire nel cloud. In secondo luogo un singolo modello di programmazione che ha dato loro la scelta e la flessibilità per spostare i carichi di lavoro su Google Cloud e altri fornitori cloud senza alcuna modifica; in terzo luogo una piattaforma che consente loro di gestire questa infrastruttura senza complessità e di proteggere e gestire tra più cloud in un unico, costante modo.”

Benefici

Anche parlando dei benefici per i clienti, Kurian ha optato per una tripla divisione. Il primo beneficio è che, a causa delle scarse abilità nell’apprendimento del cloud, Anthos aiuta ad allenarsi su una tecnologia. Non dovete infatti imparare la tecnologia di ogni fornitore di servizi cloud, ma potete apprenderne una e usarla in modo coerente ovunque. Il secondo beneficio è che Anthos offre la possibilità di non essere bloccati da alcun fornitore di servizi cloud e di poter scegliere di migrare verso qualsiasi cloud da cui si ottenga la soluzione migliore.

In terzo luogo Anthos offre la coerenza operativa, che è un aspetto molto importante. Ad esempio, la sicurezza può essere configurata allo stesso modo, il monitoraggio può essere configurato nello stesso modo, la policy può essere configurata allo stesso modo.

I concorrenti

La paura del lock-in del fornitore è molto reale per i clienti aziendali. Fornire un percorso flessibile e aperto per passare al cloud è oggi una sorta di sacro graal per i fornitori di cloud. Ma alcuni di essi intrappolano i clienti all’interno del proprio ecosistema quando decidono di spostare i carichi di lavoro nel cloud. Amazon Web Services ha annunciato AWS Outposts alla fine dello scorso anno per aiutare i clienti a collegare il mondo on-prem e cloud nel modo più trasparente possibile. Cloud at Customer di Oracle e Microsoft Azure Stack sono offerte ibride simili.

Con Anthos, Google si sta ponendo però come l’unica opzione veramente flessibile sul mercato. La piattaforma è progettata per la fluidità e consente anche di gestire carichi di lavoro in esecuzione su cloud di terze parti come AWS e Azure, dando la libertà di distribuire, eseguire e gestire le vostre applicazioni sul cloud di vostra scelta, senza che sia necessario che amministratori e sviluppatori apprendano ambienti e API diversi. “Oggi con Azure potete eseguire Azure Stack on-premise e sul cloud, mentre Amazon dirà che potete eseguire Outposts on-premise e nel cloud AWS. Sono aziende eccellenti, ma non stanno risolvendo il problema del multi-cloud”, continua Kurian.

Sotto il cofano

Anthos è la naturale evoluzione della piattaforma di servizi cloud di Google annunciata lo scorso anno. Riunisce una combinazione di Google Kubernetes Engine (GKE) esistente, GKE On-Prem e la console Anthos Config Management per l’amministrazione unificata, le policy e la sicurezza tra le distribuzioni ibride di Kubernetes.

Anthos è inoltre una soluzione al 100% basata sul software e facile da installare sull’hardware esistente senza aggiornamento forzato dello stack e dal momento che è basata su GKE, gli aggiornamenti di Kubernetes e le patch di sicurezza sono aggiunti automaticamente man mano che vengono rilasciati. Anthos è anche indipendente dall’hardware, quindi può essere eseguito sui server esistenti dei clienti. È stato inoltre lanciato con numerosi partner hardware, tra cui VMware, Dell EMC, HPE, Intel e Lenovo che porteranno Anthos sulle loro infrastrutture iperconvergenti.

Come iniziare

Per aiutare i clienti, Google ha lanciato oggi Anthos Migrate in versione beta. Questo servizio migra automaticamente le macchine virtuali da locali o altri cloud direttamente nei container in GKE con il minimo sforzo (almeno così afferma Google).

Per i nuovi clienti il primo passo per eseguire Anthos prevede la creazione di un cluster GKE On-Prem e la migrazione su un’applicazione esistente. Una volta registrato questo cluster con GCP, è possibile installare il servizio Istio per ottenere la visibilità del carico di lavoro su tutti i cluster. Quindi, abilitando Anthos Config Management attraverso i cluster GKE, tutte le policy di Kubernetes e Istio possono essere gestite in un unico posto.

Anthos viene addebitato come abbonamento mensile basato sulla durata con un impegno minimo di un anno. Viene quindi calcolato in base a blocchi incrementali di 100 vCPU, a partire da 10.000 dollari per blocco indipendentemente da dove è in esecuzione quel carico di lavoro.