Edge computing nel 2022: sarà una crescita a due cifre

La produzione e la vendita al dettaglio stanno guidando il mercato dell’edge computing, che quest'anno vedrà una crescita del 15% sul 2021.

edge computing

Secondo le nuove stime di IDC, la spesa mondiale per l’edge computing dovrebbe raggiungere i 176 miliardi di dollari nel 2022, con un aumento del 14,8% rispetto allo scorso anno. L’edge computing è iniziato con casi d’uso piuttosto modesti, ma si è rapidamente esteso a tutti i settori. Cinque anni fa una rete edge consisteva in alcuni server di fascia media in un container rinforzato. Ora Nvidia e Lenovo stanno implementando sistemi di intelligenza artificiale basati su GPU.

“Se negli ultimi due anni abbiamo imparato qualcosa, è che la capacità di adattarsi rapidamente a condizioni in rapido cambiamento è fondamentale per il successo aziendale. Le organizzazioni che investono nell’edge computing in combinazione con l’intelligenza artificiale e la moderna progettazione delle applicazioni avranno un vantaggio quando si tratta di affrontare qualsiasi sfida si presenti” ha affermato Dave McCarthy, vicepresidente della ricerca per i servizi cloud ed edge di IDC.

Nel complesso, IDC ha identificato più di 150 casi d’uso per l’edge computing in vari settori e domini. I due casi d’uso edge che vedranno i maggiori investimenti nel 2022 sono le reti di distribuzione dei contenuti e le funzioni di rete virtuale, mentre i due settori che fanno già oggi grandi investimenti nell’edge sono la produzione e la vendita al dettaglio.

ADV
Siemens Industria 4.0

Industria 4.0: una guida per integrare funzione IT e reparti di produzione

Riuscire a far parlare tra loro sistemi e apparati dei mondi IT e OT è la chiave per sbloccare la trasformazione digitale nell’industria. Per farlo, è necessario cominciare a far parlare tra loro le persone di questi due domini di competenza. Scopri di più >

Per la produzione, molti casi d’uso edge ruotano attorno all’ottimizzazione e alla sicurezza dei processi, ha affermato McCarthy. Queste aziende hanno iniziato a investire nell’IoT anni fa solo per scoprire un divario tra la raccolta di dati dalle apparecchiature e il loro utilizzo per migliorare il business. L’edge computing aggiunge intelligenza a tali dati e consente ai team operativi di identificare più rapidamente i problemi e di automatizzare la riparazione.

edge computing

I vantaggi includono il miglioramento della qualità dei prodotti e la riduzione degli sprechi di materiali. E nella produzione, i millisecondi contano. “La capacità di rilevare un problema di sicurezza e intraprendere un’azione immediata è incredibilmente importante”. “Questi sono casi d’uso in cui la latenza inerente al cloud computing diventa proibitiva. Ecco perché vediamo aziende cloud fare investimenti significativi in soluzioni edge che estendono le loro piattaforme cloud fino ai reparti produttivi”, continua McCarthy in riferimento all’Industrial Internet of Things (IIOT).

I retailer utilizzano l’edge computing per migliorare sia le operazioni, sia l’esperienza del cliente. I moderni negozi al dettaglio dispongono già di molta tecnologia: terminali POS, segnaletica digitale, tracciabilità dell’inventario, sistemi di sicurezza e altro ancora. Ognuno ha il proprio software di gestione, che in genere è in esecuzione nel cloud.

“Ciò crea un problema per i rivenditori che devono prendere decisioni locali rapide sulla base dei dati provenienti da più sistemi. L’edge computing può fungere da punto di aggregazione per questi dati in-store e combinare più set di dati per una visione più informata delle operazioni. Fornisce inoltre un livello di resilienza in caso di indisponibilità del cloud o della rete, garantendo la continuità aziendale”, ha affermato McCarthy.

Molti di questi casi d’uso sono abilitati dall’IA. Ad esempio, le videocamere stanno diventando un sensore universale, in grado di rilevare qualsiasi cosa, dai difetti dell’hardware al furto, fino al fatto che qualcuno non stia indossando l’equipaggiamento di sicurezza appropriato. Man mano che questi casi d’uso diventano più sofisticati, analizzando set di dati più grandi e rilevando più condizioni, anche l’infrastruttura edge richiesta è destinata a cambiare. Da qui l’arrivo della GPU all’edge della rete.

Alcuni di questi casi d’uso stanno sostituendo i vecchi sistemi e altri sono nuovissimi. In entrambi i casi, l’attuale ondata di edge computing sta sfruttando concetti sviluppati nel cloud, come le applicazioni cloud native basate su container. “Per alcuni, questo significa sostituire server e storage standalone con un sistema iperconvergente più flessibile e più facile da gestire in remoto. L’edge computing crea l’infrastruttura perfetta per le applicazioni moderne e consente alle organizzazioni di essere più agili nel modo in cui sviluppano e implementano nuove capacità”, conclude McCarthy.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!