Come scegliere la migliore soluzione desktop-as-a-service

Con il futuro del lavoro che si sposta dai cubicoli degli uffici alle case, le soluzioni desktop-as-a-service stanno diventando una scelta sempre più attraente.

desktop as a service

Grazie alla pandemia, lavorare da casa non è più un’opzione rara per pochi lavoratori. È una pratica commerciale tradizionale. Basta chiedere a Google, Facebook, Netflix o al governo degli Stati Uniti: stanno tutti ritardando le riaperture degli uffici o stanno passando al lavoro remoto o ibrido.

Con questa trasformazione del lavoro, cambia anche il desktop. Decenni fa, usavamo terminali “dumb” collegati ai mainframe per il lavoro aziendale. Poi, 40 anni fa, siamo passati al PC. Abbiamo ancora i PC sulle nostre scrivanie, ma stiamo tornando sempre più al modello centralizzato.

I PC Windows di oggi hanno molte più probabilità di eseguire offerte software-as-a-service (SaaS) come Microsoft 365/Office 365 o Google Workspace rispetto a suite per ufficio vecchio stile come Office 2019, WordPerfect Office o LibreOffice. In effetti, secondo l’ultimo conteggio di Statista sulla quota di mercato del software di produttività per ufficio, il software per ufficio ospitato on-premise conta sempre meno. Microsoft 365/Office 365 detiene il 47,5% del mercato, seguito dalla famiglia di applicazioni di Google, con il 44,56%.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Il prossimo passo naturale nell’evoluzione dell’IT è spostare non solo il software di produttività, ma anche il desktop stesso, nel cloudCome mai? Perché proprio come SaaS basato su cloud ha avuto senso per le aziende rispetto ai vecchi modelli (soprattutto da un punto di vista dei costi), lo stesso vale per DaaS, ovvero per il desktop-as-a-service. Oppure, come potrebbe dire il vostro CFO, DaaS scambia la spesa per le licenze in conto capitale con i costi di abbonamento opex.

Ad esempio, per eseguire Windows 11 la maggior parte degli utenti avrà bisogno di PC nuovi di zecca. Ma se scegliete di utilizzare Windows 365 Cloud PC, il nuovo servizio DaaS Windows di Microsoft, potrete eseguirlo sul vostro hardware esistente. Inoltre, l’approccio DaaS riduce i costi di manutenzione del sistema, come backup, aggiornamenti software e sicurezza. Tutto questo è infatti gestito dal vostro provider DaaS e, con una forza lavoro remota, questi vantaggi contano ancora di più.

La scalabilità è stata a lungo il principale punto di forza del cloud. Lo stesso vale per DaaS. Con la maggior parte delle offerte DaaS, non importa quale hardware utilizzino i vostri dipendenti a domicilio. Ad esempio, anche se non vorreste eseguire Windows 365 da iPhone, iPad o smartphone Android, potreste farlo.

Questo indica un altro motivo per cui DaaS ha perfettamente senso per una forza lavoro remota. A differenza di una configurazione standard per PC da ufficio, se un PC viene mandato KO da un fulmine, tutto ciò di cui l’utente ha bisogno è un altro computer funzionante di qualche tipo per tornare al lavoro. Il ripristino di emergenza è integrato.

Come scegliere un DaaS Windows

Citrix Workspace

Citrix fornisce desktop MS-DOS e Windows remoti dal 1992. Con decenni di lavoro a stretto contatto con Microsoft, Workspace funziona molto bene. Allora, come adesso, per farlo funzionare bene dovete utilizzare PC Windows come client.

Uno dei suoi principali vantaggi è che potete mantenere la sicurezza sui sistemi remoti con la sicurezza contestuale end-to-end. Questo è un approccio zero-trust. Protegge gli utenti, i gruppi di utenti e la piattaforma client. Dal punto di vista dell’utente, le sue difese sono trasparenti. Essendo un grande sostenitore nel rendere la sicurezza il più semplice possibile per gli utenti, trovo che questo sia un approccio eccellente.

Per connettere il vostro desktop in modo efficiente con la sua controparte di server virtuale, Citrix utilizza i suoi protocolli proprietari HDX e ICA. Ciò ottimizza il traffico di rete in modo che le applicazioni più affamate di rete, come le chiamate Zoom in tempo reale, ottengano la maggior parte della larghezza di banda.

Gli utenti di Workspace lamentano spesso che i problemi più comuni sono legati alla rete. In particolare, gli utenti scoprono che una scarsa latenza può spesso causare errori delle applicazioni e persino disconnessioni complete del desktop. L’avvio lento delle sessioni desktop, un fastidio riscontrato per la prima volta negli anni ’80, è ancora presente oggi.

Tuttavia, se desiderate una soluzione desktop remota collaudata per la vostra azienda, Workspace merita attenzione. Per utilizzare Citrix Workspace, è necessario disporre della licenza per almeno 25 utenti. Si può iniziare da soli 2 dollari per utente al mese, ma quasi sicuramente vorrete l’opzione Workspace Premium, che costa 18 dollari per utente al mese. I prezzi, come vedrete con tutte le offerte DaaS, variano notevolmente a seconda del numero di licenze e del livello di servizio che volete dal vostro provider.

Citrix Workspace

Azure Virtual Desktop

Microsoft ha da tempo a listino le proprie offerte DaaS, a partire da Terminal Server (basato su WinFrame di Citrix). L’ultima versione di questo servizio è Azure Virtual Desktop. Si tratta di un desktop completo e basato su cloud di Azure e SaaS. Offre una gestione semplificata e desktop Windows 10 multisessione ed è ottimizzato per le app Microsoft 365 per le aziende (in precedenza Office 365 ProPlus). Potete usarlo su molti sistemi operativi tra cui Windows, macOS, iOS e Android.

Partendo da Azure Portal, potete distribuire nuove app, modificare le impostazioni di rete e regolare le impostazioni di sicurezza. Ma è difficile configurare e gestire Azure Virtual Desktop. Se avete intenzione di eseguirlo, la vostra azienda avrà bisogno di amministratori di sistema Windows esperti. E anche in questo caso dovrete affrontare una curva di apprendimento piuttosto difficile.

Allora, perché dovreste sceglierlo? Perché Azure Virtual Desktop offre un’eccellente sicurezza e, una volta acquisita padronanza della sua gestione, un ottimo controllo sui vostri desktop. Detto questo, un altro motivo per diffidare di questo Windows DaaS è che la sua politica di prezzi è a dir poco complessa. È vero, se avete Microsoft 365 o Windows Enterprise, avete accesso a Windows Virtual Desktop senza costi aggiuntivi per utente, ma questo è solo l’inizio. È inoltre necessario disporre di Azure Active Directory, macchine virtuali, archiviazione cloud e rete. Sono molti componenti e nessuno di questi è economico.

Come si fa a capire quanto vi costerà il tutto? Iniziate esaminando i dettagli sui prezzi di Azure Virtual Desktop e poi passate al calcolatore dei prezzi di Azure. Potrebbe comunque essere utile rivolgersi a un provider di servizi gestiti (MSP) esperto di Azure Virtual Desktop per ricevere assistenza. Tuttavia, se disponete di competenze Windows DaaS interne e volete un controllo completo sui desktop remoti, Azure Virtual Desktop vale il vostro tempo e il vostro denaro.

Windows 365 Cloud PC

Ma cosa succede se non disponete internamente di uno specialista di Azure Virtual Desktop certificato? Microsoft ha finalmente una soluzione anche per voi: Windows 365 Cloud PC, con cui Microsoft configura Windows 365 per voi. Siete voi a controllare come scalare le vostre istanze di Windows 365 e monitorare le prestazioni del Cloud PC, ma non è necessario essere un Azure Solutions Architect Expert per creare e gestire i vostri nuovi Cloud PC virtuali. La differenza fondamentale tra le due offerte Microsoft DaaS è che Azure Virtual Desktop è ottimizzato per la flessibilità, mentre Windows 365 è configurato per la facilità d’uso.

Anche i prezzi di Windows 365 sono molto più semplici e allo stesso tempo molto flessibili. Potete modificare la configurazione in qualsiasi momento e ciò significa aggiungere o rimuovere risorse secondo necessità mentre modificate il prezzo dell’abbonamento mensile.

desktop virtuale

Potete utilizzare Windows 365 in un browser praticamente su qualsiasi sistema operativo. L’esperienza migliore, tuttavia, è quella con il client Remote Desktop di Microsoft, che potete scaricare da una pagina separata nella dashboard di Windows 365. Sono disponibili app per Windows, Mac, iOS e Android.

Windows 365 Cloud PC non è però per tutti. Le linee guida di Microsoft per il dimensionamento dei Cloud PC consigliano almeno 2 vCPU e 8 GB di RAM per i PC virtuali in uno scenario di lavoro da casa. A circa 41 dollari al mese per utente, una piccola impresa potrebbe trovare non poche difficoltà, mentre le aziende più grandi che devono acquistare e supportare più PC aziendali gestiti potrebbero ottenere risparmi netti. Tra le opzioni DaaS di Windows, se tutto ciò che volete sono desktop Windows “vanilla” per i dipendenti, Windows 365 Cloud PC sembra l’opzione migliore.

Altre opzioni

Sebbene Citrix Workspace, Azure Virtual Desktop e Windows 365 Cloud PC siano le scelte principali quando si parla di DaaS Windows, ci sono altre opzioni sul mercato. Queste includono Amazon WorkSpaces e il servizio VMware Horizon Cloud.

Amazon WorkSpaces è un servizio desktop cloud proprietario che funziona su un Amazon Virtual Private Cloud (VPC). Su questa piattaforma è possibile eseguire desktop Windows o Linux su un’ampia varietà di configurazioni hardware e storage virtuali. I vostri dispositivi si connettono alla piattaforma utilizzando il protocollo di streaming Teradici PC-over-IP (PCoIP) per impostazione predefinita o il nuovo Amazon WorkSpaces Streaming Protocol (WSP).

Potete eseguire i vostri desktop virtuali da computer Windows, macOS o Ubuntu Linux, Chromebook, iPad, tablet Amazon Fire, tablet Android e browser Web supportati. Le applicazioni e i dati degli utenti rimangono persistenti, in modo che possano passare facilmente da un dispositivo all’altro senza perdere il lavoro.

I desktop Amazon WorkSpaces sono disponibili in sette diversi pacchetti predefiniti e in altrettanti livelli di prezzo: Value, Standard, Performance, Power, PowerPro, Graphics e GraphicsPro. I prezzi dei desktop per una licenza Windows 10 Enterprise partono da 7,25 dollari al mese per utente + 0,22 dollari all’ora (o una tariffa fissa di 25 dollari al mese), per scendere a 7,25 dollari al mese + 0,17 dollari all’ora (o 21 dollari al mese) se fornite la vostra licenza (stessi prezzi per desktop Linux).

L’offerta DaaS Horizon Cloud di VMware offre o Windows Virtual Desktops di Microsoft. Potete eseguirli su VMware Cloud on AWS, Azure, Google Cloud, IBM Cloud o un altro cloud partner VMware. VMware non è, tuttavia, un Microsoft Cloud Solution Provider (CSP). Ciò significa che VMware non rivende le licenze di Windows.

Potete eseguire questi desktop Windows virtuali su una varietà di piattaforme per utenti finali. Questi includono PC Windows, Mac, tablet e smartphone. La differenza nell’approccio è che VMware separa i componenti desktop e applicativi e li gestisce in modo indipendente. Horizon li reintegra quindi su richiesta per fornire uno spazio di lavoro utente personalizzato.

Quando l’utente accede, un desktop virtuale può assemblarsi al volo combinando un clone istantaneo di un’immagine di macchina virtuale (VM) con un profilo dell’ambiente utente e una o più applicazioni containerizzate che si collegano alla VM ma non sono installate in essa. Dal punto di vista dell’utente, questi sembrano desktop persistenti, ma il desktop stesso viene “distrutto” al logout per poi essere ricreato quando si accede nuovamente. VMware offre Horizon con una licenza una tantum iniziando da VMware Horizon Standard per 10 utenti a 3,116 dollari.

L’opzione Chrome OS

Secondo le stime di IDC per il 2020, per la prima volta Chrome OS è diventato il secondo sistema operativo desktop più popolare al mondo con il 10,8% del mercato, il 3,3% in più rispetto a macOS. Poiché anche la quota di macOS è cresciuta, la crescita di ChromeOS è chiaramente a scapito di Windows, che infatti è scesa a una quota del 75% nel primo trimestre.

Sebbene le soluzioni DaaS siano in circolazione da decenni, è stato solo quando Google ha introdotto il Chromebook più di dieci anni fa che il concetto è passato dall’essere un approccio esclusivamente aziendale a uno che chiunque potrebbe utilizzare ovunque.

I Chromebook rappresentano il modo più economico per distribuire una soluzione aziendale DaaS software/hardware completa. I Chromebook hanno anche convertito le persone agli approcci DaaS. Ad esempio, ora sappiamo tutti che se il vostro Chromebook aziendale finisce sotto un camion, potete semplicemente prendere il Chromebook della scuola di vostro figlio e tornare in attività in un minuto. Provate a fare lo stesso con qualsiasi laptop Windows.

Offrendo versioni gratuite della maggior parte dei suoi servizi, Google ha anche una community di utenti già pronta per le sue offerte aziendali di Google Workspace. Se i vostri dipendenti sanno già come utilizzare Google Documenti e Gmail, sono pronti per essere utenti di Workspace. Si può discutere all’infinito se le funzionalità di Workspace siano migliori o peggiori di quelle di Microsoft 365, ma nessuno mette in dubbio che siano comparabili.

Ovviamente potete utilizzare Google Workspace su qualsiasi dispositivo abilitato per il Web. Funziona meglio con il browser web Chrome, ma ora che quasi tutti i browser si basano su Chromium, non è più un requisito fondamentale. È vero, Workspace funziona ancora meglio con i Chromebook, ma Google, acquistando Neverware e il suo clone di Chrome OS CloudReady, ha reso possibile convertire qualsiasi vecchio PC in una workstation Chrome OS.

I prezzi di Workspace, a differenza di quelli della famiglia Windows, sono molto semplici. Si inizia da 6 dollari al mese per utente e si arriva fino a 18 dollari. Esistono piani ancora più costosi se volete che i vostri utenti dispongano di storage illimitato.

microsoft 365

Desktop Linux con Shell

Chi usa desktop Linux? La sua quota di mercato non sembra mai crescere oltre il 2%, ma Linux desktop (i vari Ubuntu, Mint, Debian e il resto) ha la sua nicchia di utenti tra gli sviluppatori di software e gli appassionati di tutto il mondo. Shells, una startup DaaS lanciata lo scorso anno, rende l’hosting di desktop Linux nel cloud un gioco da ragazzi.

In realtà siamo sempre stati in grado di eseguire Linux in remoto (è nel suo DNA Unix), ma se volete eseguire VM Linux (o Windows) senza gestire il lato server, Shells offre un’alternativa facile da distribuire, gestire e utilizzare. Shells si basa sui browser Web per la sua interfaccia. Pertanto, potete eseguire un desktop in cloud da qualsiasi dispositivo compatibile con Internet (persino una smart TV con tastiera e mouse).

L’azienda offre più distribuzioni Linux, incluse le popolari distribuzioni Debian, Mint e Ubuntu, ma al momento non supporta la famiglia di distro desktop Red Hat come Fedora Workstation. Shell offre anche Windows 10 Pro.

Gli utenti con un budget limitato possono trovare attraente Shells per merito dei suoi prezzi. L’abbonamento annuale più economico, Shells Basic, costa solo 9 dollari al mese per utente. Questo desktop cloud viene fornito con una sola CPU, con 40 GB di spazio di archiviazione e 2 GB di memoria RAM. Sebbene sia davvero pochissima potenza per Windows, è più che sufficiente per un desktop Linux.

Per sviluppatori e utenti esperti, il piano annuale Shells Pro a 25 dollari al mese offre un desktop virtuale con quattro core CPU, 160 GB di spazio di archiviazione e 8 GB di RAM. Sono risorse più che sufficienti per consentire agli utenti Linux desktop di svolgere un lavoro serio. Infine, Shells offre backup giornalieri gratuiti che coprono fino a sette giorni. È una bella funzionalità e su molte altre piattaforme DaaS richiederebbe un costo aggiuntivo.

La scelta migliore

Ci sono ancora situazioni in cui un un approccio DaaS non è una scelta appropriata. Se il vostro ufficio o i vostri dipendenti continuano ad avere connessioni inferiori a 10 Mbps, ad esempio, DaaS non è proprio l’ideale.

Ma con così tanti lavoratori remoti e con le minacce alla sicurezza che incombono di minuto in minuto, DaaS ha senso per molte aziende. Certamente alcuni utenti avranno sempre bisogno di PC a piena potenza sui loro desktop (pensiamo ad esempio a chi ha a che fare con video e grafica professionali), ma per tanti altri lavoratori DaaS ha perfettamente senso.

Su quale offerta DaaS puntare allora? Dipende dal vostro stack attuale. Gli uffici orientati a Microsoft dovrebbero controllare, in questo ordine, Windows 365 Cloud PC, Citrix Workspace e Azure Virtual Desktop e, se questi non sono adatti, una delle opzioni alternative. Per gli utenti di Google o Microsoft che cercano un’opzione meno costosa, Chrome OS e Google Workspace meritano attenzione. Infine, se volete provare qualcosa di economico e super sicuro, date seriamente un’occhiata ai desktop Linux basati su cloud di Shell.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!