Chiunque sia coinvolto nella creazione di prodotti software dovrebbe conoscere bene il DevOps, un insieme di pratiche che combina lo sviluppo del software e le operazioni IT con l’obiettivo di abbreviare il ciclo di vita dello sviluppo e fornire prodotti di alta qualità e consegna continua.

Un concetto correlato, CloudOps per “operazioni cloud”, è emerso quando le aziende hanno cominciato a spostare sempre di più lo sviluppo delle applicazioni e i carichi di lavoro nel cloud. In questo articolo esaminiamo la natura di CloudOps, in che modo può avvantaggiare la vostra organizzazione e le questioni chiave da tenere a mente nel caso voleste implementare CloudOps nella vostra azienda.

Cos’è CloudOps?

CloudOps è una pratica operativa per la gestione della fornitura, dell’ottimizzazione e delle prestazioni dei servizi IT e dei carichi di lavoro in esecuzione in un ambiente cloud. Indipendentemente dal fatto che un’azienda operi con una strategia multicloud, cloud ibrido o cloud privato, CloudOps ha lo scopo di stabilire procedure e best practice per i processi basati su cloud, più o meno allo stesso modo in cui DevOps fa per lo sviluppo e la distribuzione delle applicazioni.

CloudOps: un framework a più livelli per le operazioni cloud

“CloudOps è un framework con diversi livelli che aiuta le aziende a gestire tutti gli aspetti del proprio ecosistema cloud” afferma Jason Hatch, vicepresidente e responsabile del centro di eccellenza cloud presso la società di consulenza Capgemini Americas.

Il primo livello è quello della governance e include attività come le operazioni finanziarie, note anche come FinOps, per controllare i costi e gestire il budget per il cloud. “Il livello di governance dovrebbe anche contenere gli standard dell’architettura su come e cosa può essere distribuito in un cloud e avere un modo per far rispettare tali standard in modo programmatico”, afferma Hatch.

Altri livelli del framework includono:

  • Livello dell’applicazione cloud, che riguarda il modo in cui un’organizzazione distribuisce e gestisce/monitora le applicazioni e i servizi specifici dell’applicazione nel cloud
  • Livello delle operazioni cloud per l’implementazione, la gestione, il monitoraggio e le operazioni dei servizi cloud
  • Livello di base del cloud, che include servizi di base come identità, gestione della rete, registrazione, gestione del backup centrale, infrastruttura come codice e funzioni di monitoraggio centrale.
A copertura di tutti questi livelli c’è il livello di sicurezza, che include la gestione delle vulnerabilità e delle minacce, la protezione del carico di lavoro e l’integrazione nella più ampia funzione di gestione della sicurezza informatica di un’azienda”, afferma Hatch.

Dove CloudOps si inserisce nell’azienda

Il modello CloudOps ha un’importanza particolare per la distribuzione delle applicazioni, aspetto su cui molte organizzazioni si stanno concentrando con iniziative digitali volte ad aumentare le vendite e migliorare l’esperienza del cliente. “CloudOps riunisce le cinque responsabilità generali di creazione, distribuzione, funzionamento, monitoraggio e gestione delle funzioni di distribuzione delle applicazioni web nel cloud” afferma Suresh Kuppahally, vicepresidente esecutivo per l’ingegneria e le operazioni presso Replicon, un fornitore di servizi basati sul cloud.

Rete, elaborazione, sicurezza e storage sono quattro componenti chiave che devono essere tenuti presenti durante la fase iniziale di costruzione e progettazione, afferma Kuppahally. “Da lì, le aziende distribuiscono le loro applicazioni automaticamente o attraverso l’integrazione e la distribuzione continue”, afferma.

Il team CloudOps di un’organizzazione dovrebbe anche operare con una chiara separazione dei compiti e indipendenza dai team di progettazione o di prodotto; ciò consente a CloudOps di far emergere la trasparenza e la responsabilità della qualità del servizio (QoS) all’interno di un’organizzazione.

cloudops

I vantaggi di CloudOps

I vantaggi di CloudOps possono essere considerevoli, a cominciare da una disposizione generale delle organizzazioni verso i servizi cloud, afferma Hatch di Capgemini. CloudOps “aiuta infatti a promuovere ulteriormente l’adozione e l’utilizzo del cloud all’interno delle imprese. Se le aziende possono implementare, gestire e proteggere in modo efficace i loro ambienti cloud, dovrebbero aumentare il loro utilizzo del cloud e offrire la possibilità di sperimentare e innovare con nuovi servizi e tecnologie. Questo, a sua volta, può rendere le organizzazioni più agili, fornire un time-to-market più rapido e aiutare a guidare l’innovazione”.

Le organizzazioni che sfruttano CloudOps possono anche ottenere una migliore gestione e controllo finanziario sul numero crescente di servizi cloud che utilizzano, aggiunge Hatch. “Continuiamo a sentire dai clienti che sforano i loro budget cloud e non sanno perché o non sono in grado di implementare i controlli per gestirlo. CloudOps aiuta a mitigare questo aspetto. A livello di governance, possiamo implementare una migliore definizione del budget e una più efficace ottimizzazione finanziaria. Ciò è facilitato anche a livello operativo, con una migliore automazione nell’implementazione e nella gestione”.

Un altro vantaggio principale citato dai clienti della società di consulenza Protiviti è la capacità di rilasciare automaticamente le risorse autorizzate nel cloud, afferma Will Thomas, amministratore delegato dell’azienda, che aiuta le organizzazioni a gestire le crescenti complessità del cloud.

La sicurezza avanzata è un altro vantaggio chiave di CloudOps, afferma Thomas, in quanto il modello “garantisce l’allineamento ai controlli di sicurezza, agli standard e/o ai framework, con la definizione di policy che possono limitare le azioni non conformi durante la segnalazione di attività all’interno del cloud”. Thomas ritiene inoltre che le aziende che praticano CloudOps siano in una posizione migliore per ottimizzare i propri ambienti cloud, poiché “un ingegnere CloudOps si concentrerà sullo sfruttamento delle risorse autorizzate all’interno del cloud per modernizzare le applicazioni con i servizi più recenti e migliori”.

Inoltre, le organizzazioni che implementano CloudOps possono:

  • Stabilire pianificazioni per una corretta allocazione delle risorse in base a considerazioni sulle prestazioni e sui costi
  • Segnalare e rivedere continuamente le metriche sullo stato del cloud
  • Supportare la configurazione proattiva delle risorse pur mantenendo la conformità normativa all’interno del cloud

Kuppahally di Replicon punta alla capacità di CloudOps di scalare i servizi cloud a costi contenuti senza influire sulla QoS. “Allineare gli obiettivi di QoS e l’investimento in CloudOps è molto strategico, in quanto un team CloudOps dedicato può essere incentivato a gestire (e a ridurre) i costi operativi”.

CloudOps in pratica

Stretto è un’azienda che beneficia dell’adozione di CloudOps e che ha individuato la necessità di pratiche CloudOps sin dall’inizio, incorporando principi chiave nelle sue applicazioni e nei suoi sistemi in esecuzione nel cloud, afferma George Tsounis, CTO di Stretto.

“Ad esempio, abbiamo impostato regole rigide e veloci per utilizzare infrastruttura come codice [IaC] per qualsiasi implementazione”, afferma Tsounis. “Abbiamo ottenuto la ridondanza decidendo che tutte le nostre applicazioni sarebbero sempre state eseguite in due zone di disponibilità, in modo da sfruttare le capacità integrate di alta disponibilità del provider di servizi cloud”.

La parte fondamentale della strategia di Stretto è sfruttare le pratiche CloudOps per garantire un approccio più proattivo alle operazioni tecnologiche. “Preferiamo consentire ai nostri architetti e ingegneri di creare soluzioni cloud native ad alte prestazioni, autoriparanti e resilienti per i nostri clienti interni ed esterni, piuttosto che continuare a operare con un approccio reattivo”.

L’introduzione dei servizi cloud e persino il processo di transizione alle funzionalità serverless presentano sfide uniche, afferma Tsounis. “CloudOps è la strategia che ci aiuta a gestire queste sfide”. Tra i vantaggi che questa strategia ha fornito a Stretto vi sono anche la riduzione dei costi, la scalabilità, l’automazione, il ripristino di emergenza semplificato e l’integrazione perfetta man mano che l’infrastruttura diventa parte dell’applicazione.

“I nostri team hanno beneficiato dei miglioramenti delle applicazioni su tutta la linea là dove sono stati adottati i principi CloudOps fondamentali, che migliorano anche la qualità e ciò è possibile sfruttando gli approcci IaC per rendere ripetibili l’implementazione e la configurazione dell’infrastruttura cloud. Abbiamo ridotto gli errori di configurazione e ora abbiamo configurazioni dell’infrastruttura coerenti che utilizzano IaC mentre distribuiamo le applicazioni nei nostri vari ambienti”.

Articolo Osservatorio cloud 2021 Polimi

Stretto ha visto una riduzione di circa il 20% dei problemi di qualità rimuovendo la configurazione manuale della sua infrastruttura cloud. “Sfruttare le pratiche di CloupOps offre agli ingegneri la sicurezza di cui hanno bisogno per sapere che il comportamento dell’applicazione/sistema negli ambienti di pre-produzione sarà lo stesso una volta rilasciato nell’ambiente di produzione. Inoltre, abbiamo riscontrato un miglioramento operativo complessivo dell’IT dovuto alla riduzione dei ticket interni e del service desk risultante dai miglioramenti della qualità nelle nostre applicazioni”.

Al passo con una metodologia in evoluzione

Nulla rimane statico quando si tratta di servizi cloud e di come vengono utilizzati; di conseguenza le organizzazioni che utilizzano CloudOps devono modificare regolarmente i propri approcci per stare al passo con i cambiamenti. Per molte imprese, questo è ancora un nuovo territorio da esplorare, con una curva di apprendimento tutt’altro che banale da superare.

“Man mano che sempre più aziende adottano vere implementazioni multicloud, anche le loro implementazioni CloudOps devono maturare e scalare”, afferma Hatch di Capgemini. “Molti clienti gestiscono i propri scenari cloud in silos, con strumenti e processi diversi che gestiscono ogni ambiente cloud e una capacità minima di visualizzare l’intero panorama cloud in modo olistico”.

Per essere più efficienti ed efficaci, “le aziende devono sviluppare i propri framework CloudOps per poter collegare facilmente nuovi provider e servizi cloud, fornendo allo stesso tempo i giusti livelli di gestione, monitoraggio e rigore operativo”. Anche il modo in cui le aziende gestiscono gli incidenti nel cloud può sfruttare il miglioramento apportato da CloudOps, afferma Kuppahally.

“Questa è un’area in cui la maggior parte dei team di CloudOps riscontra diverse difficoltà. Sono sommersi da incidenti sia interni, sia esterni e la gestione diventa complessa e inefficace. Avere un processo di gestione del programma dedicato per semplificare il triage e la definizione delle priorità della gestione degli incidenti è uno dei modi per mitigare i rischi”.

Allo stesso tempo, le organizzazioni devono ridurre il tasso di falsi allarmi positivi per incidenti. “I team di CloudOps vanno in crisi quando non riescono a tenere il passo con gli elevati tassi di falsi allarmi”, afferma Kuppahally. “Avere una strategia e un piano efficaci per ridurre o eliminare i falsi allarmi è un fattore di successo molto critico”.

CloudOps potrebbe trarre vantaggio da tecnologie come l’intelligenza artificiale (IA) e machine learning, afferma Aref Matin, vicepresidente esecutivo e CTO di Wiley, un fornitore di servizi di ricerca e istruzione. “Attraverso il machine learning, gli strumenti CloudOps possono aiutare a definire policy a livello aziendale, rilevare e segnalare anomalie e intraprendere azioni correttive in modo automatizzato per mantenere le policy di best practice cloud”, afferma Matin.

Cultura CloudOps

Proprio come DevOps, il successo di CloudOps si basa fortemente sullo sviluppo di una cultura orientata a sfruttare al meglio il framework e gli strumenti. E poiché sempre più organizzazioni trasferiscono più lavoro e processi nel cloud, devono concentrarsi sulla creazione di competenze CloudOps.

Tsounis di Stretto concorda sul fatto che le organizzazioni abbiano bisogno di “una comprensione più ampia dell’allineamento appropriato di una struttura organizzativa, competenze e collaborazione adeguate perché CloudOps funzioni davvero. CloudOps non è un singolo team o reparto. I team IT, sicurezza, architettura e applicazione devono collaborare ed essere allineati alle pratiche CloudOps comuni. CloudOps non funziona bene se questi team lavorano in silos”.

Infine, sulla base della sua esperienza, Tsounis ritiene che le organizzazioni debbano anche avere una migliore definizione delle competenze di base richieste per CloudOps per avere successo. “I team tecnologici devono comprendere l’architettura, il networking, la sicurezza e l’automazione cloud-based. Senza competenze di base, i team potrebbero rischiare di implementare soluzioni laddove esistono già servizi cloud”.