Red Hat e Microsoft insieme con Azure Red Hat OpenShift

La soluzione Azure Red Hat OpenShift porta la piattaforma Kubernetes più completa del mercato su Microsoft Azure e si tratta della prima offerta OpenShift nel public cloud gestita congiuntamente.

Azure Red Hat OpenShift

Red Hat e Microsoft annunciano la disponibilità di Azure Red Hat OpenShift, che porta una soluzione Kubernetes di livello enterprise gestita congiuntamente nel public cloud di Microsoft Azure. Azure Red Hat OpenShift offre un percorso verso il cloud ibrido permettendo di utilizzare Red Hat OpenShift Container Platform nel data center e di estendere questi workload per trarre vantaggio dalla potenza e scalabilità dei servizi Azure.

Sia Red Hat che Microsoft riconoscono l’importanza dell’elaborazione hybrid cloud per l’IT moderno, a mano a mano che le imprese cercano di estendere le risorse con infrastrutture public cloud mantenendo gli attuali investimenti on-premise. Kubernetes fornisce un ponte condiviso tra datacenter e ambienti public cloud, rendendola una tecnologia chiave per abilitare un reale computing hybrid cloud.

Azure Red Hat OpenShift combina l’innovazione di Kubernetes con la principale piattaforma Linux del mondo (Red Hat Enterprise Linux) sfruttando la potenza e la scalabilità di Azure. Insieme, queste tecnologie offrono una valida soluzione per gestire e orchestrare in modo semplice workload cloud-native in ambienti hybrid cloud.

Con Azure Red Hat OpenShift, che tra l’altro è un servizio completamente gratuito, i clienti possono integrare applicazioni containerizzate nei workflow in cui sono presenti, mitigando molte delle complessità legate alla gestione di container. I clienti traggono inoltre vantaggio da un’esperienza integrata, compresi sign-up, onboarding, gestione dei servizi e supporto tecnico. I servizi vengono aggiunti al conto Azure esistente, semplificando ulteriormente l’esperienza.

Inoltre, Azure OpenShift offre agli sviluppatori enterprise e ai team di operations:

  • Cluster completamente gestiti con nodi master, infrastrutturali e applicativi gestiti da Microsoft e Red Hat; inoltre, non ci sono VM da gestire e non è richiesto alcun patching
  • Compliance normativa verrà garantita attraverso certificazioni di conformità in modo simile ad altri servizi Azure
  • Flessibilità superiore per trasferire in modo ancor più semplice le applicazioni da ambienti on-premise al public cloud di Azure attraverso la base comune rappresentata da OpenShift
  • Maggiore velocità per collegarsi ai servizi Azure da implementazioni OpenShift on-premise
  • Produttività incrementata con accesso più semplice ai servizi public cloud di Azure, come Azure Cosmos DB, Azure Machine Learning e Azure SQL DB per creare una nuova generazione di applicazioni enterprise cloud-native

“L’hybrid cloud rappresenta una chiara visione del futuro dell’enterprise computing, con i servizi public cloud che affiancano virtualizzazione, container Linux e server bare-metal”, spiega Paul Cormier, president, Products and Technologies, Red Hat. “Insieme, questo rappresenta il nuovo data center nel mondo hybrid cloud world. Azure Red Hat OpenShift offre una solida base Kubernetes alle aziende che intendono ottenere i vantaggi del modello hybrid cloud model. E questo permette ai leader IT di innovare sulla base di una piattaforma che offre un canovaccio comune sia gli sviluppatori che ai team di operations.”