Cloud pubblico: il mercato infrastrutturale cresce del 34%

Dai nuovi dati di IDC sul mercato infrastrutturale per il cloud emerge come il cloud pubblico stia attraversando un momento di grande espansione.

Cloud Pubblico

IDC ha rilasciato i dati sul mercato delle infrastrutture IT per il cloud riferiti al secondo trimestre dell’anno. E si tratta di cifre davvero super per i vendor di storage, server e switch, come testimoniano i ricavi in crescita del 25,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno pari a 12,3 miliardi di dollari. Cifre riferite a tutte le tipologie di cloud, anche se a emergere è soprattutto il cloud pubblico.

In questo caso infatti IDC sottolinea come la crescita anno su anno sia salita al 34,1% e come il cloud pubblico rappresenti un terzo dell’intero mercato infrastrutturale del cloud, con un valore pari a 8,7 miliardi di dollari. Il settore del cloud privato vale invece 3,7 miliardi (+9,9% sul Q2 2016), mentre quello delle infrastrutture IT tradizionali cala del 3,8%, pur rappresentando ancora oltre il 52% dell’installato complessivo.

cloud pubblico

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Il comparto che è cresciuto maggiormente negli ultimi 12 mesi è stato quello dello storage enterprise (+30,4%), seguito dagli switch (26,8%) e dai server (24,6%). I primi tre vendor quando si parla di infrastrutture cloud sono Dell (11,8% di market share), HPE (11,1% del mercato) e Cisco (8,2%), sebbene i primi due siano calati del 5% come ricavi e Cisco sia invece cresciuta del 14,3%.

Venendo infine alla divisione geografica, l’analisi di IDC mostra come nel Q2 2017 siano cresciute tutte le regioni con la sola eccezione dell’America Latina (-13,1%). Asia ed Europa Occidentale hanno fatto un balzo in avanti rispettivamente del 30,5 e del 33,4%, mentre gli USA del 24,8%, l’Europa Centrale e dell’Est del 16,9% e il Giappone del 10,4%.