Cloud Pubblico

Cloud Pubblico: esempi d’uso, vantaggi, svantaggi e best practice

Cos’è il cloud pubblico: vantaggi, svantaggi, linee guida, best practice per l’utilizzo in azienda ed esempi di utilizzo in modalità SaaS, PaaS e SaaS

Cloud Pubblico: esempi, pro, contro e best practice del public cloud

Nel cloud pubblico, o “Public Cloud Computing”, le infrastrutture che erogano i servizi di cui fruisce l’azienda sono ubicate presso un fornitore esterno, con cui generalmente viene sottoscritto un abbonamento con determinate caratteristiche di servizio e fatturazione periodica.

È la forma di cloud computing generalmente più diffusa, anche tra i privati, che conoscono e usano servizi come Dropbox, Gmail, Microsoft Office Online o utilizzano servizi di hosting per ospitare i propri siti web. Questi prodotti ricadono però in categorie differenti del public cloud, in base alla modalità di erogazione del servizio. Vediamoli

Esempi di utilizzo del Cloud Pubblico

Software as a-Service (SaaS)

Nella modalità Software as a Service, l’utente utilizza un’applicazione che non risiede sul pc, smartphone o server aziendale, ma nell’infrastruttura cloud del fornitore. Servizi di posta come Gmail e Outlook, applicazioni per ufficio che si usano nel browser come G Suite o Microsoft Office Online rientrano in questa categoria.

Platform as a Service (PaaS)

Il passo successivo è quello di usare una piattaforma su cui far girare proprie applicazioni. Il caso d’uso più frequente è quello dell’hosting web, in cui il fornitore mette a disposizione uno stack formato da sistema operativo, server web, linguaggi di scripting e database, su cui installare un sito o applicazione web.

Altri esempi di PaaS in grado di erogare applicazioni di tipo più eterogeneo sono il Google App Engine e il Servizio App di Microsoft Azure.

Infastructure as a Service (IaaS)

È l’architettura più avanzata di public cloud, perché permette al cliente di avere a disposizione un intero server virtuale, o un gruppo di server in cluster o altra configurazione, che può controllare completamente. In base al carico di lavoro – e spesso anche in modo automatico – il cliente può aumentare o diminuire la capacità computazionale (il numero di CPU virtuali), la memoria Ram, lo storage e l’ampiezza di banda di connessione, variando in modo dinamico la tariffa oraria o mensile.

I servizi più rilevanti di IaaS sono Amazon Web Services, Google Cloud Platform, Microsoft Azure e, in Italia, Aruba Cloud.

Leggi anche: Il confronto definitivo tra i cloud di Amazon, Gogle, Microsoft e IBM

Public Cloud: vantaggi e svantaggi

Un Cloud pubblico offre diversi vantaggi all’azienda, e non è un caso che le previsioni di Gartner e altri analisti sul cloud computing vedano una crescita a due cifre, tra cui:

  • Costi ricorrenti: nessun investimento iniziale in infrastruttura o licenze software;
  • Scalabilità: è possibile aumentare o diminuire i servizi, e i relativi costi, in accordo alle reali esigenze di business;
  • Affidabilità: i data center dei fornitori cloud sono strutturati per garantire ridondanza, sorveglianza, amministrazione, manutenzione, aggiornamenti e sicurezza, senza gravare sul personale IT dell’azienda;
  • Risparmi energetici e di spazio: non è necessario riservare prezioso spazio in azienda per un data center, che ha alti consumi energetici, anche per le esigenze di climatizzazione;
  • Indipendenza dalla posizione: i servizi cloud sono fruibili da qualsiasi posizione geografica, senza bisogno di prevedere infrastrutture per connessioni sicure e affidabili ai server dell’azienda. Ideale per aziende distribuite, smart working e personale itinerante.

Vi sono però alcuni svantaggi o rischi potenziali nell’adozione di soluzioni di public cloud:

  • Dipendenza dalla connessione: se la connessione internet è lenta o inaffidabile, non è possibile usare le applicazioni;
  • Affidabilità del fornitore: che succede se il fornitore non riesce a erogare il servizio, decide di interromperlo o chiude l’attività?
  • Vendor lock-in: migrare da un cloud all’altro, o da una soluzione cloud a una locale, potrebbe essere difficoltoso od oneroso, legando l’azienda a un fornitore;
  • Scarsa o nulla possibilità di contrattazione: a meno di non essere clienti davvero grandi e importanti, è molto difficile trattare sulle tariffe o i tempi di pagamento. E un ritardo nei pagamenti può comportare la scomparsa repentina delle applicazioni e dei dati aziendali;
  • Privacy e compliance: norme e regolamenti potrebbero imporre che i dati aziendali risiedano nel perimetro dell’azienda, o che non siano nella disponibilità di terzi, specialmente se residenti in paesi con norme sulla privacy più lasche di quelle comunitarie.

Cloud pubblico: best practice

Nell’adottare una soluzione di cloud pubblico, è bene fare alcune valutazioni e attenersi a linee guida per mettersi al riparo dai rischi potenziali:

  • Valutare l’affidabilità e la velocità della connessione internet aziendale, e l’impatto dell’utilizzo del public cloud sulla banda consumata (e i costi relativi, se i servizi dovranno essere usati da connessioni cellulari);
  • Valutare i costi sul lungo periodo, e la loro variazione in base a tutti i fattori coinvolti: numero di utenti, risorse computazionali, di storage e banda occupata.
  • Calcolare, se possibile, una corrispondenza tra introiti aziendali e risorse cloud impegnate (e quindi i costi). Se i costi rischiano di crescere a un ritmo più alto del fatturato, o se gli introiti arrivano dopo tre o sei mesi da quando i costi cloud vengono sostenuti, sarà necessario prevedere una copertura finanziaria.
  • Prevedere un backup dei dati, locale o su un diverso fornitore cloud;
  • Assicurarsi della possibilità di esportare i dati in un formato standard o interoperabile qualora si decidesse di cambiare fornitore o architettura, preventivandone gli eventuali costi;
  • Valutare l’affidabilità economica del fornitore, ed evitare di affidare applicazioni critiche a start-up, aziende piccole o che offrono soluzioni “in beta”, anche se molto economiche o gratuite;
  • Visto che l’accesso al cloud è possibile da ogni posizione, cercare di utilizzare il più possibile sistemi di autenticazione forte, a due fattori (con app, sms o token di sicurezza)
Leggi anche: Consigli per semplificare la migrazione al cloud pubblico
Sergio Romoli Microsoft Italia Direttore Cloud Azure

Microsoft Italia ha un nuovo Direttore Cloud & Enterprise: Sergio Romoli

Sarà responsabile della business unit che si occupa di diffondere la piattaforma Microsoft Azure nelle aziende e nella PA italiane. In precedenza era Industry Lead for Retail and CPG
fornitori cloud

Fornitori cloud: le prestazioni dei Big 5, da AWS a IBM

ThousandEyes ha analizzato le performance dei principali fornitori cloud: Amazon, Microsoft, Google, Alibaba e IBM. Non tutti offrono le stesse prestazioni in tutte le regioni

Infor Customer Day: rotta verso il cloud, con i tempi e i modi dei...

Infor incontra più di 230 clienti e partner nel suo Customer Day e sfoggia il suo portfolio di soluzioni ERP in cloud, che sono ora accessibili anche in modalità ibrida.
Google Cloud looker

Google Cloud corteggia l’Europa: conformi a GDPR e norme più severe

Al Google Cloud Next UK 2019 di Londra garantiti impegni e soluzioni perché il cliente sia l’ultimo decisore sull’accesso ai suoi dati. Tra i clienti sul palco anche Fiat Chrysler Auto

Jelastic Cloud di Aruba: la flessibilità dei container in modalità “as a service”

Cosa sono i Container as a Service, come riescono a combinare i vantaggi di PaaS e IaaS, e perché rappresentano la soluzione ideale per web agency, sviluppatori e team DevOps
cloud pubblico

Servizi di cloud pubblico: nel 2020 sarà boom

Secondo Gartner il mercato mondiale dei servizi di cloud pubblico crescerà del 17% nel 2020 per un totale di 266,4 miliardi di dollari.
Mercato IaaS Public Cloud Canalys Q3 2019

Cloud, +37% per il mercato IaaS: il multi-cloud esalta il canale

Canalys: l'Infrastructure-as-a-service vale 27,5 miliardi (il 56% è di AWS, Microsoft e Google), ma ora il ruolo dei partner nelle strategie multi-cloud delle aziende sarà decisivo

Nfon cresce e si apre alle terze parti

Ncti Pro e Nvoice per Microsoft teams le due nuove soluzioni
Alibaba Cloud accordo Arrow

Alibaba Cloud punta all’Europa: accordo di distribuzione con Arrow

La divisione del colosso ecommerce cinese è il terzo player mondiale nel public cloud, e ha 3 data center in EMEA. Primo target dell’accordo sono gli operatori di canale medio-piccoli
gartner mercato cloud

Cloud pubblico: Amazon leader del mercato IaaS

Secondo i dati di Gartner il mercato mondiale dei servizi di cloud pubblico IaaS è cresciuto del 31,3% nel 2018. I cinque fornitori leader sono Amazon, Microsoft, Alibaba, Google e IBM
cloud pubblico

Cloud pubblico: AWS e Azure continuano a dominare il mercato

Secondo un nuovo sondaggio di Credit Suisse i CIO pianificano grandi aumenti nella spesa cloud nel prossimo anno, con AWS e Azure al primo posto tra i fornitori preferiti.

Il Cloud ERP nelle aziende italiane: lavori in corso

Una ricerca di SDA Bocconi su 25 imprese medio-grandi approfondisce fattori facilitanti e ostacoli. Le testimonianze di Siram e Amplifon

Il CRM per i servizi di Salesforce è sempre più integrato con Google e...

Annunciate le integrazioni del CRM per il customer service con la IA di Google per creare chatbot e con WhatsApp for Business. Obiettivo: migliorare l'esperienza dell'utente e la sua soddisfazione.

Principi chiave per la sicurezza del cloud enteprise

Questo white paper gratuito presenta i principi chiave per la messa in sicurezza dei moderni ambienti multi-cloud, delineando una soluzione unificata che lavori su diversi cloud, garantendo integrazione nativa con i cloud provider, gestione centralizzata e automazione.
microsoft azure

Microsoft e Oracle interconnettono Microsoft Azure e Oracle Cloud

Grazie alla nuova collaborazione tra Microsoft Azure e Oracle Cloud si realizza un’esperienza d’uso che offre il meglio di entrambe le piattaforme.

Computerworld Italia: Speciale multi-cloud

Il successo del cloud è dovuto in parte a una grande illusione: che un'azienda possa dotarsi di applicazioni e infrastrutture senza scomodare le competenze e la visione d’insieme proprie del reparto IT. Che si trova, volente o nolente, a gestire ambienti multi-cloud.

I 3 passi per la migrazione al cloud “all-flash”

Questo white paper vi guiderà attraverso i passaggi necessari a un’adozione efficace del cloud all-flash, fornendo risorse aggiuntive per assicurarvi che il vostro viaggio verso il cloud all-flash sia agevole, sicuro e profittevole.
Azure Red Hat OpenShift

Red Hat e Microsoft insieme con Azure Red Hat OpenShift

La soluzione Azure Red Hat OpenShift porta la piattaforma Kubernetes più completa del mercato su Microsoft Azure e si tratta della prima offerta OpenShift nel public cloud gestita congiuntamente.
azure

Azure: nuove funzionalità per l’Intelligent Cloud e l’Intelligent Edge

Microsoft ha annunciato una serie di nuovi servizi e tecnologie Azure pensati per supportare gli sviluppatori con funzionalità avanzate di intelligenza artificiale, realtà mista, IoT e blockchain.
4,067FansMi piace
1,926FollowerSegui

BrandPost (info)

DA NON PERDERE

chromebook

6 motivi per cui i Chromebook sono ideali per le aziende

I Chromebook sono sulla strada per diventare computer aziendali mainstream? Non ancora, ma resta il fatto che i laptop con Chrome OS hanno guadagnato...
Carla Masperi SAP Italia

SAP Italia, bilancio del 2019 tra Experience Management, migrazioni ERP e Cloud

La Chief Operating Officer Carla Masperi ripercorre le principali iniziative e i clienti "win" nell'anno. "Il passaggio a SAP/4HANA di 1300 clienti grande opportunità per il canale"

Tutto il potere (della Business Intelligence) ai lavoratori!

I dati aziendali sono custoditi da analisti e data scientist che sanno estrarre valore da essi, con un lento procedimento manuale. Due aziende vogliono usare l'intelligenza artificiale per semplificare l'accesso da parte delle linee di business.