Cloud Pubblico

Cloud Pubblico: esempi d’uso, vantaggi, svantaggi e best practice

Cos’è il cloud pubblico: vantaggi, svantaggi, linee guida, best practice per l’utilizzo in azienda ed esempi di utilizzo in modalità SaaS, PaaS e SaaS

Cloud Pubblico: esempi, pro, contro e best practice del public cloud

Nel cloud pubblico, o “Public Cloud Computing”, le infrastrutture che erogano i servizi di cui fruisce l’azienda sono ubicate presso un fornitore esterno, con cui generalmente viene sottoscritto un abbonamento con determinate caratteristiche di servizio e fatturazione periodica.

È la forma di cloud computing generalmente più diffusa, anche tra i privati, che conoscono e usano servizi come Dropbox, Gmail, Microsoft Office Online o utilizzano servizi di hosting per ospitare i propri siti web. Questi prodotti ricadono però in categorie differenti del public cloud, in base alla modalità di erogazione del servizio. Vediamoli

Esempi di utilizzo del Cloud Pubblico

Software as a-Service (SaaS)

Nella modalità Software as a Service, l’utente utilizza un’applicazione che non risiede sul pc, smartphone o server aziendale, ma nell’infrastruttura cloud del fornitore. Servizi di posta come Gmail e Outlook, applicazioni per ufficio che si usano nel browser come G Suite o Microsoft Office Online rientrano in questa categoria.

Platform as a Service (PaaS)

Il passo successivo è quello di usare una piattaforma su cui far girare proprie applicazioni. Il caso d’uso più frequente è quello dell’hosting web, in cui il fornitore mette a disposizione uno stack formato da sistema operativo, server web, linguaggi di scripting e database, su cui installare un sito o applicazione web.

Altri esempi di PaaS in grado di erogare applicazioni di tipo più eterogeneo sono il Google App Engine e il Servizio App di Microsoft Azure.

Infastructure as a Service (IaaS)

È l’architettura più avanzata di public cloud, perché permette al cliente di avere a disposizione un intero server virtuale, o un gruppo di server in cluster o altra configurazione, che può controllare completamente. In base al carico di lavoro – e spesso anche in modo automatico – il cliente può aumentare o diminuire la capacità computazionale (il numero di CPU virtuali), la memoria Ram, lo storage e l’ampiezza di banda di connessione, variando in modo dinamico la tariffa oraria o mensile.

I servizi più rilevanti di IaaS sono Amazon Web Services, Google Cloud Platform, Microsoft Azure e, in Italia, Aruba Cloud.

Leggi anche: Il confronto definitivo tra i cloud di Amazon, Gogle, Microsoft e IBM

Public Cloud: vantaggi e svantaggi

Un Cloud pubblico offre diversi vantaggi all’azienda, e non è un caso che le previsioni di Gartner e altri analisti sul cloud computing vedano una crescita a due cifre, tra cui:

  • Costi ricorrenti: nessun investimento iniziale in infrastruttura o licenze software;
  • Scalabilità: è possibile aumentare o diminuire i servizi, e i relativi costi, in accordo alle reali esigenze di business;
  • Affidabilità: i data center dei fornitori cloud sono strutturati per garantire ridondanza, sorveglianza, amministrazione, manutenzione, aggiornamenti e sicurezza, senza gravare sul personale IT dell’azienda;
  • Risparmi energetici e di spazio: non è necessario riservare prezioso spazio in azienda per un data center, che ha alti consumi energetici, anche per le esigenze di climatizzazione;
  • Indipendenza dalla posizione: i servizi cloud sono fruibili da qualsiasi posizione geografica, senza bisogno di prevedere infrastrutture per connessioni sicure e affidabili ai server dell’azienda. Ideale per aziende distribuite, smart working e personale itinerante.

Vi sono però alcuni svantaggi o rischi potenziali nell’adozione di soluzioni di public cloud:

  • Dipendenza dalla connessione: se la connessione internet è lenta o inaffidabile, non è possibile usare le applicazioni;
  • Affidabilità del fornitore: che succede se il fornitore non riesce a erogare il servizio, decide di interromperlo o chiude l’attività?
  • Vendor lock-in: migrare da un cloud all’altro, o da una soluzione cloud a una locale, potrebbe essere difficoltoso od oneroso, legando l’azienda a un fornitore;
  • Scarsa o nulla possibilità di contrattazione: a meno di non essere clienti davvero grandi e importanti, è molto difficile trattare sulle tariffe o i tempi di pagamento. E un ritardo nei pagamenti può comportare la scomparsa repentina delle applicazioni e dei dati aziendali;
  • Privacy e compliance: norme e regolamenti potrebbero imporre che i dati aziendali risiedano nel perimetro dell’azienda, o che non siano nella disponibilità di terzi, specialmente se residenti in paesi con norme sulla privacy più lasche di quelle comunitarie.

Cloud pubblico: best practice

Nell’adottare una soluzione di cloud pubblico, è bene fare alcune valutazioni e attenersi a linee guida per mettersi al riparo dai rischi potenziali:

  • Valutare l’affidabilità e la velocità della connessione internet aziendale, e l’impatto dell’utilizzo del public cloud sulla banda consumata (e i costi relativi, se i servizi dovranno essere usati da connessioni cellulari);
  • Valutare i costi sul lungo periodo, e la loro variazione in base a tutti i fattori coinvolti: numero di utenti, risorse computazionali, di storage e banda occupata.
  • Calcolare, se possibile, una corrispondenza tra introiti aziendali e risorse cloud impegnate (e quindi i costi). Se i costi rischiano di crescere a un ritmo più alto del fatturato, o se gli introiti arrivano dopo tre o sei mesi da quando i costi cloud vengono sostenuti, sarà necessario prevedere una copertura finanziaria.
  • Prevedere un backup dei dati, locale o su un diverso fornitore cloud;
  • Assicurarsi della possibilità di esportare i dati in un formato standard o interoperabile qualora si decidesse di cambiare fornitore o architettura, preventivandone gli eventuali costi;
  • Valutare l’affidabilità economica del fornitore, ed evitare di affidare applicazioni critiche a start-up, aziende piccole o che offrono soluzioni “in beta”, anche se molto economiche o gratuite;
  • Visto che l’accesso al cloud è possibile da ogni posizione, cercare di utilizzare il più possibile sistemi di autenticazione forte, a due fattori (con app, sms o token di sicurezza)
Leggi anche: Consigli per semplificare la migrazione al cloud pubblico
AWS re:Invent 2020

AWS re:Invent 2020: annunciati nuovi servizi e prodotti

Istanze Mac per Amazon EC2, nuovi servizi di machine learning e nuovi AWS Outposts tra gli annunci più importanti emersi dal keynote di apertura dell’evento re:Invent 2020.

Arriva la “seconda stagione” degli Oracle Cloud Immersion Workshop

Ogni venerdì dal 27 novembre, quattro nuove date per scoprire esempi pratici di utilizzo del cloud Oracle per erogare applicazioni enterprise tradizionali o sviluppate in modalità "cloud native", creare infrastrutture per high performance computing e garantire la sicurezza di dati e applicazioni.

Best practice per l’ottimizzazione dei costi relativi al cloud

Come dimensionare correttamente le macchine virtuali ed evitare di pagare più del necessario le risorse sulla Google Cloud Plaform (GCP), grazie ai consigli di un team di esperti in materia.

Le soluzioni Canon per stampare e gestire documenti nella nuova era del lavoro

Le trasformazioni in atto nelle modalità di lavoro richiedono un nuovo approccio all’acquisizione, gestione e stampa dei documenti, affinché siano integrati in modo efficiente e sicuro nei processi aziendali
AWS APN Partner Awards Italia 2020

Amazon Web Services premia cinque partner italiani

AWS ha assegnato gli APN Partner Award Italia 2020 in sei categorie: Reply ne ha vinti due, gli altri vanno a Omnys, Iconsulting, beSharp e Zero12
google cloud

Come sfruttare al meglio i servizi gratuiti di Google Cloud

Vi proponiamo alcuni suggerimenti per sfruttare al meglio i servizi gratuiti di Google tra compressione, G Suite, serverless e App Engine.
cloud infrastructure mercato iaas paas hosted private cloud

Cloud infrastructure in crescita del 33%: un trimestre da 30 miliardi

Il mercato mondiale dei servizi IaaS, PaaS e Hosted Private Cloud è aumentato di 7,5 miliardi di dollari in un anno. AWS, Microsoft e Google insieme ne rappresentano il 60%
iaas

Cloud, il mercato IaaS cresce del 37% ed è sempre più concentrato

Gartner: nel 2019 il fatturato globale ha superato i 44 miliardi di dollari e la quota complessiva dei primi 5 vendor è arrivata all'80%
cloud pubblico

Il mercato del cloud pubblico crescerà del 6,3% nel 2020

Secondo Gartner la crescita sarà trainata dai servizi Desktop as-a-service, che permettono alle aziende di supportare i lavoratori da remoto e ridurre i costi
VMware Cloud on AWS

VMware Cloud on AWS tra agilità, continuità operativa ed economia del cloud

Le nuove funzionalità di VMware progettate per migliorare ulteriormente il valore economico di VMware Cloud on AWS includono la nuova Amazon Elastic Compute Cloud e un nuovo servizio di gestione del cloud multi-tenant.
cloud

SD-WAN in grande ascesa per proteggere il public cloud

Il 23% delle aziende ha già implementato una WAN software defined, e il 51% lo farà entro 12 mesi: i dati di un'indagine di Barracuda Networks
AWS Italy Amazon Carlo Giorgi APN

AWS e i partner in Italia: “Un vero e proprio effetto network”

Intervista con Carlo Giorgi, Amazon Web Services Country Manager Italy, sull’ecosistema di canale: dal go-to-market alla gestione interna, fino a formazione e certificazioni
Google Cloud

10 motivi per cui Google Cloud è preferibile ad AWS

Anthos, Firebase, machine learning, Chrome Enterprise. Ecco alcuni dei motivi per cui Google Cloud può risultare preferibile ad Amazon Web Services.

Ricette per pianificare le HR nella fase 2 della crisi pandemica

La sopravvivenza e la prosperità delle aziende nella Fase 2 passano da strumenti tecnologici per la pianificazione continua delle risorse umane, con attenzione alle persone e servizi ad-hoc. L'esperienza Sanofi e una ricerca di Mercer sulla employee experience.
Microsoft Ambizione Italia #DigitalRestart

Microsoft investe 1,5 miliardi in Italia e apre una Regione Data Center a Milano

Il nuovo piano Ambizione Italia #DigitalRestart comprende un accordo con Poste Italiane, e iniziative per formazione, smart working, AI e sostenibilità
cloud

Mercato Cloud in crescita record del 34%, ma non è tutto oro

Spesi 31 miliardi in servizi IaaS nel primo trimestre: il remote working traina la domanda, ma i progetti di trasformazione digitale sono in stand-by. AWS, Microsoft e Google i top 3
Object storage

Veeam Backup for Microsoft Azure: backup e ripristino in cloud

Veeam Backup for Microsoft Azure punta ad aiutare le aziende a trasferire più applicazioni e dati su Azure, elimina la perdita di dati in cloud e permette di mantenere il controllo su costi e sicurezza.

Le 10 novità nella roadmap di Infor CloudSuite per il 2020

Dall'evento virtuale Infor Inspire, la sintesi delle principali innovazioni che Infor renderà disponibili ai clienti della propria CloudSuite nel corso del 2020.
AWS re:Invent 2020

Amazon Web Services, al via la Regione AWS con base a Milano

È la sesta regione in Europa e ha tre zone di disponibilità, con tutti i data center in Italia. "Una conferma del nostro costante impegno per l'Italia, in 10 anni investiti oltre 4 miliardi"
4,100FansMi piace
1,992FollowerSegui

BrandPost (info)

DA NON PERDERE

mondo del lavoro

Gender gap nel settore ICT: superare gli stereotipi con formazione e ispirazione

Secondo la UE mancano almeno 60 anni per raggiungere la parità di genere, anche nell’ambito delle tecnologie digitali. Questo processo può essere accelerato con iniziative di “ispirazione” e formazione, come quelle proposte dall’associazione italiana SheTech
controllo dei dati

5 modi per assumere il controllo dei dati nel 2021

Il COVID-19 sta trasformando il modo in cui funziona l'economia e anche le nostre esigenze di dati cambieranno e cresceranno. Ecco come i CIO dovranno affrontare il controllo dei dati nell'anno a venire.
dataops

Cos’è DataOps? Un’analisi collaborativa e interfunzionale

DataOps è una disciplina emergente che riunisce i team DevOps con ruoli di ingegnere dei dati e scienziato dei dati per fornire gli strumenti, i processi e le strutture organizzative per supportare le aziende data-driven.