I 3 passi per la migrazione al cloud “all-flash”

Questo white paper vi guiderà attraverso i passaggi necessari a un’adozione efficace del cloud all-flash, fornendo risorse aggiuntive per assicurarvi che il vostro viaggio verso il cloud all-flash sia agevole, sicuro e profittevole.

Nonostante i vantaggi del cloud siano indubbi, il percorso per diventare una “cloud first” company, come la definisce IDC, non è sempre chiaro. Ogni applicazione ha le sue peculiarità e criticità, e un semplice spostamento al cloud pubblico non è sempre la scelta più ragionevole. Sono in molti a necessitare della potenza, del livello di controllo e della tranquillità offerta da un’infrastruttura posseduta dall’azienda. Diventa quindi fondamentale bilanciare dati e carichi di lavoro tra cloud pubblico e privato.

Quale che sia la decisione e il mix di infrastrutture desiderabile, c’è un passaggio fondamentale: standardizzare lo storage sulla tecnologia all-flash. Per efficienza dei costi, semplicità, agilità e scalabilità, usare lo storage all-flash è il singolo cambiamento più importante che le aziende possono fare per costruire la propria infrastruttura cloud.

Questo white paper vi guiderà attraverso i passaggi necessari a un’adozione efficace del cloud all-flash, fornendo risorse aggiuntive per assicurarvi che il vostro viaggio verso il cloud all-flash sia agevole, sicuro e profittevole.