Windows 10 si fa sempre più sicuro per le aziende

Microsoft ha rivelato diverse novità a livello di sicurezza che saranno implementate in Windows 10, Office 365 e dispositivi Surface.

Se al momento Windows 10 è ben lungi dal raggiungere la diffusione di Windows 7, qualche settimana fa Microsoft ha dichiarato candidamente che quest’ultimo è un sistema operativo non più in grado di soddisfare più le moderne necessità e che le aziende dovrebbero pensare di aggiornare i loro computer a Windows 10.

Per rimarcare il concetto, Microsoft ha pubblicato nelle scorse ore un articolo in cui spiega come Windows 10 e i dispositivi Surface offrano il meglio che si possa ottenere oggi in fatto di sicurezza. L’obiettivo di Redmond è di offrire una piattaforma sicura basata sul cloud che possa proteggere nel migliore dei modi gli utenti consumer e professionali, senza che questi necessitino di software di terze parti (antivirus, antimalware, firewall).

Tant’è che Windows 10 è stato aggiunto recentemente dalla NSA alla lista delle soluzioni commerciali per programmi classificati. In più chi possiede un Surface Pro 4, un Surface Book o un Surface Studio può implementare la soluzione Surface Enterprise Management Mode (SEMM), un livello di sicurezza speciale che consente ai responsabili IT di un’azienda di agire a livello del firmware del dispositivo per bloccare e modificare le configurazioni hardware, funzionalità di rete e l’accesso alle applicazioni.

windows 10
Il Secure Score di Office 365
adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

In ottica futura il prossimo Creators Update atteso ad aprile includerà estensioni per la gestione dei dispositivi mobile in azienda (MDM), oltre a un rafforzamento di Windows Defender tra cui la possibilità di creare regole personalizzate. Windows Hello, il sistema di sicurezza basato sul riconoscimento facciale, sarà poi affiancato da Dynamic Lock (o Windows Goodbye), funzione studiata per bloccare il PC quando l’utente non si trova nelle vicinanze e che funziona quindi come l’esatto opposto di Windows Hello.

La partnership tra Microsoft e Intel chiamata per ora Project Evo con il compito di studiare nuove implementazioni dell’intelligenza artificiale funzionerà anche a livello di sicurezza, con il miglioramento della protezione dai malware anche tramite il riconoscimento biometrico di Windows Hello.

Novità in arrivo infine anche per Windows Analytics, con l’Update Compliance che permetterà alle aziende di monitorare i progressi distribuzione e rilevare i problemi, e per Office 365, grazie allo strumento Secure Score che misura l’indice di sicurezza delle aziende che implementano la suite di produttività e collaborazione di Microsoft.